L’inflazione sta accelerando nell’Eurozona

L’inflazione annuale nei paesi che utilizzano l’euro ha registrato una leggera accelerazione a maggio, spinta da un aumento dei costi dei servizi e dei prodotti alimentari. I prezzi al consumo nella zona euro sono aumentati del 2,6% su base annua fino a maggio, rispetto al 2,4% di aprile.

L’inflazione complessiva è stata leggermente superiore a quanto previsto dagli economisti. Lo stesso vale per l’inflazione core, che esclude la volatilità dei prezzi alimentari ed energetici, ed è stata del 2,9% a maggio, rispetto al 2,7% di aprile.

I dati di maggio hanno mostrato il primo aumento dell’inflazione complessiva e core quest’anno, evidenziando le difficoltà incontrate dai policy maker della Banca Centrale Europea nel tentativo finale di riportare l’inflazione al target del 2%. L’inflazione raggiungerà un picco superiore al 10% nel 2022.

Tre delle maggiori economie della regione, Germania, Francia e Spagna, hanno visto l’inflazione annuale accelerare a maggio.

I governatori delle banche centrali si incontreranno la prossima settimana per fissare i tassi di interesse per i 20 paesi che utilizzano l’euro, e si prevede che li taglieranno. Una mossa del genere renderebbe la Banca Centrale Europea la prima grande banca centrale a tagliare i tassi di interesse, rompendo con la Federal Reserve, la Banca d’Inghilterra e altre banche che hanno alzato rapidamente i tassi di interesse negli ultimi anni per frenare l’aumento dei prezzi al consumo.

La Banca Centrale Europea ha mantenuto il tasso di interesse di riferimento, noto come tasso di deposito, al 4%, il più alto della sua storia, da settembre. Mentre l’inflazione nella zona euro rallenta e la crescita economica rallenta, i politici hanno segnalato la loro volontà di tagliare i tassi di interesse.

READ  OpenAI rilascia e-mail di Elon Musk per mostrare supporto ai piani a scopo di lucro

“Salvo sorprese, il primo taglio dei tassi di interesse a giugno è cosa fatta”, ha affermato François Villeroy de Galhau, governatore della Banca di Francia. Lo ha detto martedì.

Riccardo Marcelli Fabiani di Oxford Economics ha affermato che i numeri di maggio avrebbero avuto un impatto minimo su quella che considerava una decisione “chiaramente annunciata” di tagliare i tassi di interesse alla riunione di giugno della banca centrale, ma ha osservato che la tendenza potrebbe rendere i politici più cauti in seguito.

“La BCE sarà cauta ed è improbabile che taglierà i tassi di interesse alla riunione di luglio, data la pausa nel rallentamento dell’inflazione, soprattutto nei servizi, e i forti dati salariali”, ha detto Fabiani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto