Norris approfitta della safety car per conquistare la sua prima vittoria

La vittoria ha posto fine alla serie di Norris come colui che è arrivato più sul podio senza vincere un Gran Premio, con la McLaren che ha registrato la sua prima vittoria dal Gran Premio d’Italia del 2021 dopo la vittoria di Oscar Piastri al Qatar Speedway del 2023.

All’inizio, Verstappen ha navigato senza intoppi mentre Leclerc è caduto fuori dalla traiettoria ed è affondato prima che i freni tardivi di Sergio Perez quasi schiacciassero Verstappen e spingessero gli altri, incluso Norris, larghi alla curva 1, consentendo a Leclerc di tornare al secondo posto.

Mentre Verstappen sfuggiva al vantaggio intatto per alcuni secondi, Piastri si è portato davanti a Sainz all’apertura delle prime curve nel primo giro del 57esimo giro per prendere il terzo posto dietro Leclerc.

Il pilota della Ferrari è poi scivolato ulteriormente sulla media sulla quale erano partiti tutti i leader e, senza un DRS a Verstappen davanti, Piastri è riuscito a passare e poi ha condotto i due piloti della Ferrari per gran parte del primo stint.

Nelle retrovie, Perez ha tenuto Norris lontano dalla battaglia per il secondo posto prima di diventare il primo dei leader a fermarsi al 17esimo giro.

Leclerc, che Sainz voleva salutare, ha fatto il suo pit-stop alla fine del 19esimo giro, e subito dopo Verstappen ha commesso un errore in curva e ha tagliato il secondo segmento, facendo cadere un cordolo e trasportandolo attraverso la sua macchina fino al cordolo. . Esci dalla curva 16.

Quando questa è caduta fuori strada, è stata chiamata una safety car virtuale in modo che i commissari potessero recuperare la barriera, dopodiché Verstappen si è fermato ai box alla fine del 23esimo giro.

READ  Greg Norman ritorna al Masters Tournament come tifoso dell'Augusta National con il biglietto

Fotografia: Eric Junius

Quattro giri dopo, Piastri e Sainz si sono fermati ai box, il che significa che Norris, che aveva eroso il precedente vantaggio di Sainz con una serie di giri più veloci, è tornato in testa.

La sua gara ha poi avuto una svolta quando Kevin Magnussen e Logan Sargeant si sono scontrati alla curva due, con il pilota della Haas che è stato penalizzato per aver lasciato il muso accanto alla parte posteriore destra della Williams mentre si dirigevano alla curva tre, con il contatto che ha spinto Sargent all’indietro e causato detriti. . Da superare con la safety car.

Successivamente la McLaren è riuscita a rientrare ai box per Norris, anche se ha fatto un giro completo a delta speed per la safety car prima di rientrare nella pit lane e poi emergere davanti a Verstappen, che è stato raccolto dalla safety car davanti a lui e agli altri. . È stato salutato.

La gara è ripresa al giro 33, con Norris che ha dovuto difendersi duramente alla curva 1 dall’assalto di Verstappen prima che il britannico riuscisse a tirare a lato per sfuggire al DRS durante il primo giro a ritmo di gara.

Leclerc era abbastanza vicino a Verstappen da intravedere l’interno della curva 11 durante questo round prima di uscire dal DRS per la Red Bull e diventare una gara tra i due cavalli davanti.

Ma Norris, essendo più giovane di sei giri, ha fornito un vantaggio decisivo, con il suo vantaggio dopo 10 giri che ha raggiunto la soglia dei tre secondi – con il suo rivale che ha protestato per lo scarso sterzo della RB20 sulle hard, una situazione che Verstappen ha descritto come un “disastro” alla radio della sua squadra.

READ  Rangers Kaapo Kakko è un graffio a sorpresa per Gara 2 contro i Panthers

A cinque giri dalla fine, il vantaggio di Norris ha raggiunto 6,1 secondi e ha continuato ad espandersi fino a un margine di vittoria finale di 7,6 secondi, con Leclerc tornato al terzo posto, 2,3 secondi dietro.

Sainz è arrivato quarto dopo due controverse battaglie con Piastri dopo la ripartenza. I due piloti sono stati poi coinvolti prima entrando in profondità nella curva 11 al 34esimo giro, dove Sainz si è sentito spinto ma gli steward non hanno ritenuto l’incidente meritevole di una penalità.

Al 39esimo giro, Sainz ha attaccato alla curva 17 alla fine del rettilineo ma ha perso la parte posteriore della sua vettura e, mentre girava, ha colpito l’ala anteriore di Piastri rompendola, con entrambi i piloti in grado di continuare la lotta fino alla curva 1 dove Piastri è andato in profondità e Sainz è riuscito a scappare.

Perez e il rientrante Lewis Hamilton hanno poi superato Piastri alla curva 11 poco dopo, e la McLaren lo ha rapidamente fatto rientrare ai box per sostituire la sua ala anteriore e lo ha lasciato in fondo al campo.

L’australiano ha faticato a finire 13° e la McLaren lo ha avvertito durante le battaglie che avrebbe potuto rischiare un altro incidente e rischiare un’altra safety car, cancellando il vantaggio del suo compagno di squadra.

Yuki Tsunoda, l’altro detentore della safety car, era settimo davanti a George Russell e Fernando Alonso, che si è fatto strada oltre Esteban Ocon nel finale.

Con il decimo posto Ocon ha segnato il primo punto della stagione 2024 della squadra alpina.

stato unito Gran Premio di Miami 2024

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto