OpenAI sta aiutando Apple a sistemare Siri, con grande preoccupazione di Microsoft

Abbiamo sentito molte voci su Apple in trattative con OpenAI per utilizzare la sua tecnologia GPT in iOS 18. E ora un rapporto da l’informazione Ha rivelato che le discussioni sono in corso dalla metà del 2023 e che Microsoft è preoccupata per questo accordo tra le due società perché dipende anche da OpenAI.

Apple e OpenAI negoziano da un anno

In un rapporto di Sam Altman, CEO di OpenAI, l’informazione Ho esplorato maggiori dettagli sull’accordo con Apple, che dovrebbe essere rivelato al mondo in meno di due settimane alla WWDC 2024. Apple sta lavorando su nuove funzionalità basate sull’intelligenza artificiale per i suoi sistemi operativi e OpenAI svolgerà un ruolo importante in alimentando alcune di queste funzionalità.

Secondo il rapporto, i dipendenti Apple del team di machine learning si sono incontrati con Altman e altri membri di OpenAI a metà del 2023, in occasione della conferenza WWDC dello scorso anno. Anche se si sa poco di cosa abbiano discusso esattamente, le due società hanno successivamente raggiunto un accordo secondo cui i dipendenti Apple avrebbero avuto accesso alle API OpenAI per test interni.

“In questi test, gli ingegneri Apple hanno collegato ChatGPT a Siri, creando dimostrazioni impressionanti di Siri che gestisce query più complesse del solito, anche comprendendo meglio il contesto di ciò che dicono gli utenti”, afferma il rapporto. 9to5Mac Ho trovato prove dell’utilizzo di queste API da parte di Apple nel codice iOS 17.4.

Le possibilità per Apple sono infinite, ma fonti vicine alla questione affermano che l’azienda è focalizzata sull’utilizzo delle tecnologie OpenAI per far sì che Siri risponda a domande più complesse e persino trasformarlo in un chatbot. OpenAI ha mostrato ad Apple come Siri può diventare più reattivo e naturale e persino offrire traduzioni in tempo reale utilizzando le sue API.

READ  Xbox prevede di rilasciare "la maggior parte" delle sue esclusive su PS5

Tuttavia, Apple vuole chiarire agli utenti quando ChatGPT genera una risposta Siri.

Microsoft è preoccupata per questo accordo

Il rapporto rivela anche che Microsoft era preoccupata per la partnership tra Apple e OpenAI. Questo perché Microsoft ha anche un accordo con OpenAI, che fornisce le tecnologie alla base di Microsoft Copilot mentre Microsoft consente a OpenAI di utilizzare i suoi data center per alimentare ChatGPT.

Microsoft MacBook Air |  I PC Copilot+ compaiono sul palco

Altman ha recentemente incontrato il CEO di Microsoft Satya Nadella per discutere di queste preoccupazioni. Ad esempio, Microsoft è preoccupata per la gestione della domanda sui server quando Apple lancia nuove funzionalità per gli utenti di iPhone e iPad. L’azienda dietro Windows ha anche chiesto di tagliare i profitti futuri di OpenAI in cambio di un investimento di 13 miliardi di dollari nella startup.

Da un lato, Microsoft potrebbe finire per guadagnare di più dalla partnership Apple-OpenAI. Ma allo stesso tempo, le capacità di intelligenza artificiale di Apple competeranno direttamente con quelle di Microsoft.

Apple ha anche cercato di raggiungere un accordo con Google per utilizzare Gemini in iOS 18 mentre stava negoziando con OpenAI. Nonostante l’accordo, l’azienda sta anche lavorando su un proprio modello linguistico che verrà eseguito offline per gestire attività più semplici, come il riepilogo del testo.

Apple rivelerà la prima anteprima delle nuove funzionalità AI di iOS 18 il 10 giugno durante l’evento kickoff del WWDC 2024.

FTC: Utilizziamo collegamenti di affiliazione automatici per guadagnare entrate. Di più.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto