Hong Kong 47: leader democratici condannati per accuse di sovversione al termine del processo di massa sulla sicurezza nazionale


Hong Kong
CNN

Più di una dozzina di figure di spicco della democrazia di Hong Kong sono state giudicate colpevoli giovedì di sovversione, nella sentenza più ampia e significativa mai vista nella repressione della sicurezza nazionale di Pechino contro quella che una volta era una città a ruota libera.

I 14 attivisti e politici sono stati condannati per “cospirazione finalizzata alla sovversione” per il loro ruolo nello svolgimento delle primarie non ufficiali nel 2020 per determinare chi dovrebbe competere nelle elezioni dei parlamentari della città.

Erano tra i 47 imputati in quello che divenne noto come il processo “Hong Kong 47” – il più grande procedimento giudiziario ai sensi di una legge sulla sicurezza nazionale che Pechino aveva imposto alla città in seguito alle proteste antigovernative di massa dell’anno precedente.

Quelli sotto processo rappresentano un’ampia fascia del movimento democratico di Hong Kong, ormai smantellato, e la maggior parte si è dichiarata colpevole durante il processo.

Ma 16 attivisti e politici hanno deciso di resistere a queste accuse, scegliendo un processo completo durato più di un anno. Due di loro sono stati assolti giovedì e rilasciati dal tribunale.

La condanna di Hong Kong 47 offre una delle finestre più chiare su come la legge sulla sicurezza nazionale abbia riscritto il panorama politico della città, eliminando l’opposizione pro-democrazia, un tempo ammissibile, e spazzando via completamente il dissenso.

I governi di Hong Kong e Pechino hanno ripetutamente negato che la legge sulla sicurezza nazionale sopprima le libertà, sostenendo che essa ha posto fine al caos e “ripristinato la stabilità” della città.

I pubblici ministeri e il governo di Hong Kong hanno affermato che i soggetti sotto processo facevano parte di una “sinistra cospirazione” per sovvertire il governo della città e quindi minare la sicurezza nazionale della Cina.

I sostenitori sostengono che si stavano semplicemente impegnando nel tipo di politica di opposizione che è stata autorizzata a prosperare a Hong Kong, e il loro processo suggerisce che il controllo un tempo esplicito della Cina sulla loro città è quasi completo.

Da quando la legge sulla sicurezza nazionale è entrata in vigore nel 2020, i gruppi civici sono stati sciolti e i media indipendenti sono stati chiusi. Il Consiglio legislativo della città è ora composto esclusivamente da lealisti di Pechino, mentre la maggior parte delle figure pro-democrazia sono in prigione o in esilio all’estero.

READ  Attacco Houthi: funzionari statunitensi affermano che i membri dell'equipaggio sono stati uccisi per la prima volta in un attacco a una nave commerciale vicino allo Yemen

I 47 imputati sono stati arrestati per la prima volta durante i raid all’alba del 6 gennaio 2021 – 1.240 giorni fa – e la maggior parte è rimasta in detenzione per più di tre anni.

Tra questi figurano politici esperti, legislatori eletti e giovani leader della protesta, nonché accademici, sindacalisti, giornalisti e operatori sanitari. Provengono da più generazioni e da un ampio spettro politico: dai democratici moderati a coloro che sostengono l’autodeterminazione di Hong Kong.

Tra coloro che si sono dichiarati non colpevoli e sono stati condannati giovedì c’erano l’ex giornalista Gwyneth Ho, 33 anni, che ha trasmesso in live streaming un attacco contro manifestanti pro-democrazia all’interno di una stazione della metropolitana, e l’ex deputato Leung Kwok Hong, 67 anni, conosciuto con questo pseudonimo. “Dai capelli lunghi”, un attivista di sinistra che ha iniziato la sua lunga carriera politica facendo una campagna contro il dominio coloniale britannico.

Dopo la emissione del verdetto, alcuni membri della famiglia hanno pianto apertamente in aula e hanno salutato gli imputati. Alcuni degli imputati sorridevano e salutavano, altri apparivano rassegnati.

I due assolti sono gli ex consiglieri distrettuali Lawrence Lau e Li Yu-chun, che hanno partecipato alle primarie informali tenute dai democratici nel 2020. Sono i primi imputati ad essere assolti nel processo sulla legge sulla sicurezza nazionale a Hong Kong.

“Oggi non dovrei essere al centro dell’attenzione. Spero che tutti continuino a prendersi cura degli altri amici in questo caso”, ha detto Lau, l’avvocato, dopo aver lasciato l’aula. “Grazie mille per la vostra preoccupazione per tutti Gli imputati in questo caso, per favore, continuano a prendersi cura di loro e a dare loro amore.

I restanti 45 sono ora in attesa di giudizio in una data successiva e potrebbero affrontare la pena massima dell’ergastolo.

Il caso Hong Kong 47 è nato in occasione delle primarie informali tenute dall’opposizione pro-democrazia nel luglio 2020 per eleggere il Consiglio legislativo della città. L’obiettivo era quello di restringere le migliori possibilità dei candidati di cercare di ottenere la maggioranza, come avviene in sondaggi simili condotti in altre democrazie in tutto il mondo.

Ma le autorità di Hong Kong hanno affermato che il voto iniziale era un “sinistro complotto” volto a “paralizzare il governo e minare l’autorità statale” e hanno accusato coloro che hanno partecipato di voler utilizzare il proprio mandato per bloccare indiscriminatamente la legislazione.

READ  Colloqui per il cessate il fuoco al Cairo e notizie di guerra tra Israele e Hamas: aggiornamenti in tempo reale

Le elezioni del Consiglio legislativo – che gli imputati speravano di vincere con il voto delle primarie – sono state rinviate al 2021 a causa delle preoccupazioni sanitarie legate al coronavirus citate dalle autorità durante la pandemia.

Durante il rinvio, le autorità di Pechino e Hong Kong hanno riscritto le regole elettorali della città e hanno messo in atto un sistema di screening più rigido per eliminare i candidati ritenuti “non patriottici”.

Il Consiglio legislativo di Hong Kong attualmente non comprende alcun legislatore pro-democrazia, e le prossime elezioni del consiglio distrettuale, previste per dicembre, non includeranno alcun candidato pro-democrazia.

Di fronte a un processo senza giuria, la stragrande maggioranza dei 31 imputati si è dichiarata colpevole, un passo che a Hong Kong di solito si traduce in una riduzione della pena. Ma quella strategia è stata messa in discussione dopo che un’altra legge sulla sicurezza nazionale nazionale, promulgata all’inizio di quest’anno, ha limitato l’accesso a sentenze clementi per chi si dichiara colpevole.

Includono Joshua Wong, 27 anni, che ha guadagnato fama internazionale come volto di anni di proteste democratiche guidate dagli studenti a Hong Kong ed è stato descritto dai media statali cinesi come un “estremista”, e Benny Tai, 54 anni, ex professore di diritto e co. -fondatore del Partito dei Lavoratori Cinesi. Il movimento Occupy Center nel 2014 e Claudia Moe, 66 anni, è un’ex giornalista diventata parlamentare.

“I 47 imputati non sono solo attivisti individuali: molti sono ex legislatori, leader di partito, studiosi e importanti giornalisti liberali, sono figure di spicco del movimento di opposizione di Hong Kong”, ha affermato Eric Lai, ricercatore presso il Georgetown Asian Law Center.

“È una prova del movimento pro-democrazia di Hong Kong”.

Gli attivisti democratici di Hong Kong non sono estranei alle aule di tribunale. Molti di loro hanno scontato la pena per il loro attivismo. Ma il processo Hong Kong 47 ha mostrato come il sistema legale sia cambiato con la legge sulla sicurezza nazionale, che criminalizza la secessione, la sovversione, il terrorismo e la collusione con potenze straniere e prevede la pena massima dell’ergastolo.

READ  Proseguono i colloqui su un trattato per porre fine all’inquinamento da plastica

La sua formulazione e applicazione sono più coerenti con le leggi della Cina continentale, dove i tribunali sono strettamente monitorati dal Partito Comunista al potere e il tasso di condanne supera il 99,9%. Al contrario, Hong Kong segue un sistema di diritto comune rimasto intatto dopo che l’ex colonia britannica è stata restituita al dominio cinese nel 1997.

Il processo si è svolto senza giuria, in contrasto con la tradizione del diritto comune, l’autorità concessa dalla legge imposta da Pechino. È diretto da un collegio di tre giudici della Corte Suprema nominati dall’amministratore delegato della città per affrontare le questioni di sicurezza nazionale. Nessun caso di sicurezza nazionale in città è stato ascoltato davanti a una giuria.

La legge fissa anche un limite massimo alla cauzione. A trentadue imputati è stata rifiutata la cauzione e sono rimasti in custodia dal 2021 – una pratica molto insolita per casi che non implicano omicidio. Solo 15 di loro sono stati rilasciati su cauzione, ma due di loro sono stati successivamente revocati per aver violato le condizioni della cauzione.

John Burns, professore emerito presso l’Università di Hong Kong, ha affermato che il processo Hong Kong 47 “evidenzia chiaramente l’imposizione di concetti giuridici e del diritto continentale nel sistema di diritto comune”.

“È abbastanza chiaro che la legge sulla sicurezza nazionale ha ridotto l’indipendenza e l’indipendenza della magistratura. Non esiste una giuria, è molto difficile ottenere la cauzione – queste sono tutte cose che erano state precedentemente determinate dai giudici.

Studiosi di diritto e governi occidentali si sono lamentati del modo in cui la legge sulla sicurezza nazionale ha inferto un duro colpo all’indipendenza giudiziaria della città, ma le autorità di Pechino e Hong Kong hanno messo in guardia i partiti stranieri dall’interferire negli affari interni e nel sistema giudiziario della città.

Prima dell’inizio del processo a febbraio, il governo di Hong Kong ha descritto le critiche al processo come uno “scandalo del processo di giustizia penale” e “un atto palese che mina lo stato di diritto a Hong Kong”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto