Putin licenzia Sergei Shoigu dalla carica di ministro della Difesa Notizie della guerra tra Russia e Ucraina

Il presidente propone Andrei Belousov come ministro della Difesa e Sergei Shoigu come segretario del Consiglio di Sicurezza.

Il presidente russo Vladimir Putin intende destituire Sergei Shoigu dalla carica di ministro della Difesa nell’ambito di un rimpasto di governo e nominarlo invece segretario del Consiglio di Sicurezza.

Il Cremlino ha annunciato domenica che Andrei Belousov, ex vice primo ministro ed esperto di economia, diventerà il nuovo ministro della Difesa.

Questi cambiamenti arrivano mentre Putin inizia il suo quinto mandato. In linea con la legge russa, l’intero governo si è dimesso martedì dopo l’insediamento di Putin al Cremlino.

La nomina di Belousov necessita dell’approvazione della camera alta del parlamento russo, il Consiglio della Federazione.

Shoigu è stato nominato ministro della Difesa nel 2012, due anni prima che la Russia invadesse e annettesse la penisola di Crimea all’Ucraina.

Timur Ivanov, uno dei vice di Shoigu, è stato arrestato il mese scorso con l’accusa di corruzione e gli è stato ordinato di rimanere in detenzione in attesa di un’indagine ufficiale. L’arresto è stato ampiamente interpretato come un attacco a Shoigu e un possibile preludio al suo licenziamento nonostante i suoi stretti legami con Putin.

Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha detto domenica che Putin ha deciso di affidare il portafoglio della difesa a un civile perché il ministero dovrebbe essere “aperto all’innovazione e alle idee all’avanguardia” e che Belousov era la persona giusta per l’incarico.

Putin ha vinto le elezioni di marzo con l’87% dei voti in un sondaggio che secondo gli analisti mancava di legittimità democratica dopo che la Commissione elettorale centrale aveva bandito dalla candidatura diversi candidati contrari alla guerra in Ucraina.

READ  Elezioni locali nel Regno Unito: l'ex primo ministro Boris Johnson si è allontanato dal seggio elettorale dopo aver dimenticato la carta d'identità

Il rimpasto di governo è avvenuto in un momento in cui migliaia di civili sono fuggiti dalla rinnovata offensiva di terra russa nella regione di Kharkiv, nel nord-est dell’Ucraina, che ha preso di mira città e villaggi con una raffica di artiglieria e colpi di mortaio.

Gli intensi combattimenti hanno costretto almeno un’unità ucraina a ritirarsi, con le forze russe che hanno preso il controllo di più territorio attraverso insediamenti meno difesi nella cosiddetta zona grigia lungo il confine russo.

Domenica pomeriggio, la città di Vovchansk, una delle più grandi città del nord-est con una popolazione di 17.000 abitanti prima della guerra, era emersa come il punto focale della battaglia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto