Thompson: L'espulsione di Draymond Green ha mostrato pienamente il peso di Steph Curry

Dopo una lunga occhiata, Stephen Curry ha finalmente provato a scrollarsi di dosso il suo umore schiumoso, scatenato dall'espulsione di Draymond Green, e ha scosso la testa mentre l'incredulità si trasformava in disapprovazione.

Le parole non erano necessarie per comprendere i pensieri di Carrie. In ogni caso, circa il 90% della comunicazione efficace è non verbale. Con le labbra chiuse e la mascella serrata, Kari stava urlando.

Non di nuovo.

Non contro una squadra fisicamente forte.

Nemmeno un giorno dopo la grande vittoria di Miami.

Non quando i Golden State Warriors sono all’ultima tappa della stagione, con Houston che minaccia l’estinzione dei playoff.

Bollettino del polso

Bollettino del polso

Aggiornamenti sportivi giornalieri gratuiti direttamente nella tua casella di posta. sottoscrizione

Aggiornamenti sportivi giornalieri gratuiti direttamente nella tua casella di posta. sottoscrizione

Lui compraAcquista la newsletter di Pulse

Curry di solito tiene ben nascoste le sue emozioni, oltre alla rabbia competitiva e alla gioia contagiosa. Nascosto in modo sicuro all'interno di un marchio Carry. Oltre la raffinatezza e la professionalità. Sotto prospettiva. Il playmaker dei Warriors ha la pazienza di una tartaruga allevata dagli elefanti nel monastero, quindi ci vuole molto tempo per far emergere quelle emozioni in superficie. Soprattutto dal vivo. Soprattutto in pubblico.

Mercoledì, però, a Orlando, il suo meccanismo di repressione è crollato. Al 8:24 del primo quarto, prima che le gocce di sudore si fossero completamente formate sulla loro fronte, Green, l'ancora della difesa dei Warriors, fu esiliato negli spogliatoi. È stato espulso dopo aver ricevuto due falli tecnici. La dura chiamata dell'arbitro Ray Acosta ha fatto arrabbiare Green. Ancora una volta, Green lasciò che il suo fuoco ardesse così intensamente che quasi bruciò ciò che restava delle speranze della sua squadra.

La stella vulcanica non eruttava da un po', e questo vulcano non era particolarmente grande. Ma questa è la seconda stagione con Green che canta piroclastico. Quindi ogni episodio ricorda le ingiustizie passate e quest’ultimo episodio ha un effetto cumulativo. Il curry è raddoppiato.

READ  Punti salienti dal rilascio del programma 2024 dei Baltimore Ravens

“È stato emozionante perché la nostra squadra aveva bisogno di una vittoria”, ha detto l'allenatore dei Warriors Steve Kerr.

La frustrazione si trasformò in delusione. E la delusione porta alla rabbia. E la rabbia porta alla passione.

Poi Kerr ha fatto la cosa che più smentiva la sua compostezza. Mentre Curry si chinava, ondeggiando per contenere le sue emozioni gonfie, Kerr gli diede una pacca incoraggiante sulla schiena. Chiunque sia mai stato sull’orlo delle lacrime sa che massaggiarsi la schiena romperà le dighe emotive più forti.

Subito dopo Carrie stava camminando di nuovo, continuando a scuotere la testa. Batté le mani una volta, come se volesse tornare a quel momento. Poi usò l'interno della camicia bianca per cancellare le tracce dell'ansia.

L'ultima volta che abbiamo visto Curry piangere in campo è stato alle finali NBA, 21 mesi fa, sul leggendario parquet di Boston sotto uno striscione dei Celtics. È rimasto colpito dal sigillo della sua leggenda, da una squadra che si è riunita abbastanza brillantemente da scrivere la storia.

Questa volta è stato sul legno duro non autorizzato di Orlando, nell'oscurità dello scorso marzo. Era pieno di rabbia e delusione, inevitabilmente si sentiva simile a un imbarazzante soffio post-stagionale, momentaneamente frustrato da una squadra e da un compagno di squadra che a volte sembravano maturi per l'autodistruzione. La sua disperazione è scoprire un modo per fermarlo.

Lo spettacolo, crudo e virale, era illustrativo del fardello che Carrey sopporta. Anche se sapeva nel suo cuore che un quinto episodio non era a portata di mano in questa stagione, ha spinto tutto ciò che era rimasto in lui al centro del tavolo. Questa stagione estenuante, casuale e umiliante ha ancora un obiettivo di redenzione. Non solo un posto nel campionato Play-In, ma un allungamento prolungato della loro palla migliore che non solo sarà degna della postseason, ma darà vita alla possibilità di un quinto squillo lungo la strada.

READ  Voci della MLB: Freddy Freeman continua a perseguitare Dodgers, Red Sox, Rays; I Blue Jays indagano su Jose Ramirez

Tale proroga della chiusura è ancora possibile. Fortunatamente per i Warriors, non avevano bisogno di Green per battere Orlando. Avevano abbastanza difesa e solidità senza di lui. Hanno avuto abbastanza slancio e punteggio interno, grazie a Gary Payton II, Moses Moody e Trace Jackson-Davis. Ne hanno abbastanza di Andrew Wiggins, la versione migliore di lui. Tanto basta a Curry, che ha combattuto tutto il match contro la stanchezza e le angherie dei Magic prima di arrendersi definitivamente.

Un layup di Curry seguito da un 3 di pugnale, e la battuta d'arresto di Green è stata superata con Orlando, 101-93. I Warriors hanno ancora due partite in trasferta contro avversari minori (Charlotte e San Antonio) in questo viaggio. Gestire gli affari significa che sono ancora vivi per giocare in casa. Ciò significa che la convalida è ancora possibile.

approfondire

Vai più in profondità

Steph Curry dei Warriors si è emozionato dopo la vittoria in seguito all'espulsione anticipata di Draymond Green

Quella carota di un futuro campionato è una reliquia della loro dinastia, motivo per cui sono ancora aggrappati alla loro formula meno efficace. Per Curry, vale chiaramente ogni grammo che ha. E ogni grammo dei suoi compagni di squadra.

Green, l'architetto coinvolto in tutto questo, dovrebbe essere con lui.

“Tutto quello che dirò è che abbiamo bisogno di lui”, ha detto Curry ai giornalisti dopo la partita. “Perché lo sa. Lo sappiamo tutti. Quindi qualunque cosa serva per lui per essere sul campo e disponibile, questo è ciò che deve accadere. Soprattutto in questo periodo dell'anno.”

Il licenziamento con la doppia tecnica di Green non è stato neanche lontanamente paragonabile a calpestare il petto di un avversario o a soffocare un rivale in nome della pacificazione. Nel grande schema degli abusi di Greene, questo era banale. E' stato perfetto al rientro dalla squalifica. Se fosse stato qualcun altro, Acosta sarebbe stato più malvagio poiché ha espulso un giocatore chiave 3:36 nel gioco.

READ  I pipistrelli freddi dei Phillies vengono chiusi da Spencer Howard e dal bullpen dei Giants - NBC Sports Philadelphia

Ma questo è Draymond, il cattivo della NBA. Mercoledì gli ha ricordato che non aveva corda. Ha ammesso di essere stanco di ferire la sua squadra e di gravare su Curry. Questa volta nessuno dei due bastò a calmare Greene.

La situazione si è quasi risolta con un fallo tecnico, quando lui e Acosta si sono separati. Ma la giusta indignazione di Greene ebbe la meglio su di lui e dovette esorcizzare un ultimo insulto, un ultimo insulto accompagnato da “un linguaggio osceno e volgare”.

In quel momento puoi vedere il danno subito da Curry mentre fatica a trovare la sua posizione, che di solito è sempre a portata di mano. Gli ci è voluto un minuto.

Perché questa stagione, ostinatamente, non darà tregua agli Warriors.

Perché questa partita fondamentale è ora destinata a essere un’altra dolorosa perdita in una stagione dolorosa. Già senza Jonathan Kuminga, Curry dovrà destreggiarsi tra la difesa aggressiva dei Magic senza la sua telepatia con Green.

Perché dopo tutto quello che hanno passato, dopo le profonde conversazioni e le scuse, dopo le sospensioni, le multe e il ridicolo nazionale, Green non ha ancora esorcizzato del tutto i suoi demoni. Non c'è dubbio che Curry abbia sentito la dolorosa verità che il suo amico non avrebbe mai potuto sentire.

Ma questo è il peso della celebrità. Questo è certamente il ruolo accettato di Carrey come volto di questo franchise.

Quindi si è ricomposto. Con i reggimenti disponibili, trascorse una notte a Orlando e spinse avanti i guerrieri. Tuttavia, non abbiamo mai visto prima quanto possa essere importante un'era, forse perché Kerr è così preoccupato per la fatica di Curry e persino per il prezzo da pagare per cavalcare con l'arma a doppio taglio che è Draymond Green.

Ma le sfide devono essere affrontate. I carichi devono essere trasportati. Le partite devono essere vinte. Bisogna cogliere le ultime opportunità. E le altre leggende vanno sempre fermate.

(Foto: Mike Erman/Getty Images)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto