Tom Holland nella recensione di Romeo e Giulietta: la star non è da biasimare, ma questo evento di produzione globale è “senza vita”

Prendiamo la scena in cui Romeo vede per la prima volta Giulietta a un ballo: qui Holland sta da solo sul palco, fissando Amudah-Rivers sullo schermo, trasmesso dall’ambientazione poco invitante del foyer del Duke of York’s Theatre – non esattamente un ambiente pittoresco per la sala da ballo dei Capuleti. E così, quello che avrebbe dovuto essere un elettrico momento di amore a prima vista viene privato della sua scintilla.

Più così

In effetti, telecamere a parte, si nota quanto poco gli attori possano interagire in modo organico: in altri momenti, sono costretti a usare quei microfoni e/o stare fianco a fianco, di fronte al pubblico, recitando le loro battute, senza guardare lo spettatore. pubblico. l’un l’altro. Spesso mantiene l’azione insopportabilmente statica, al punto da diventare uno slogan, nonostante i significativi tagli alla sceneggiatura che ne riducono la durata relativamente rapida a 2 ore e 15 minuti. Il punto più basso arriva con una presentazione del tutto poco dinamica della scena di combattimento a metà percorso, che vede la morte di Mercuzio e Tebaldo: qui non c’è alcuna fisicità, solo un improvviso blackout, prima che i personaggi appaiano magicamente di nuovo inzuppati di sangue.

Umore cupo

Con il suo cofanetto nero, il sinistro design sonoro costante e l’illuminazione cruda, Lloyd sembra anche voler trasformare Romeo e Giulietta in una sorta di horror nichilista, prosciugando la storia d’amore della luce e dell’ombra che dovrebbero precederla. Raggiunge la sua tragica fine. Come puoi intuire, la performance di Holland soffre particolarmente di essere limitata da questa estetica pessimistica. Ha una presenza scenica definita, ma ha l’abitudine di recitare in uno stato d’animo alla volta, piuttosto che rendere Romeo psicologicamente rotondo in modo convincente, e alla fine si trasforma in un’indignazione ringhiante, e l’appassionata tenerezza di Romeo viene dimenticata.

READ  Dipinto perduto di Gustav Klimt venduto all'asta

Al contrario, la relativa nuova arrivata Amodah-Rivers trascende il suo tetro ambiente ed è la sua vera grazia salvifica: ha il controllo conversazionale della poesia comune ai migliori attori shakespeariani, così come uno spirito naturale, che è particolarmente ben dispiegato nelle prime opere di Shakespeare. Scene di fidanzamento. Ad abbinarla c’è l’ex assistente di Doctor Who, Freema Agyeman, che è una delizia comica calda e brillante nei panni dell’infermiera Juliet. In effetti, le scene di Amewuda-Rivers e Agyeman insieme, in cui si incastrano con una chimica fraterna, sono davvero il cuore pulsante di questa produzione – cosa che Shakespeare potrebbe non aver voluto, ma è così.

Voci suggeriscono che lo spettacolo si trasferirà a New York e spero, qualunque siano i reali difetti di Romeo e Giulietta, che l’influenza dell’Olanda possa ispirare una nuova generazione di spettatori, per non parlare dei fan di Shakespeare. Sfortunatamente, questo suona come un teatro che odia se stesso, crede che esistano gli schermi e non ha una vera fiducia nel valore intrinseco della sua forma d’arte. Pensatelo come una satira coinvolgente dello stato delle arti, forse, e centra un po’ meglio il punto.

Romeo e Giulietta Al Duke of York’s Theatre fino al 3 agosto.

★★☆☆☆

Se ti è piaciuta questa storia Iscriviti alla newsletter dell’Elenco Essenziale Una raccolta selezionata di funzionalità, video e notizie imperdibili, consegnati nella tua casella di posta due volte a settimana.

Per ulteriori storie culturali dalla BBC, rimanete sintonizzati Facebook, X E Instagram.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto