Settembre 29, 2022

Napoli Calcio Mania

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più sul Napoli Calcio Mania

Ultime notizie su Russia e Ucraina: esplosioni a Kiev durante l’invasione, affermano i funzionari

Ultime notizie su Russia e Ucraina: esplosioni a Kiev durante l'invasione, affermano i funzionari
La sirena è suonata nella parte centrale di Kiev intorno alle 7:20 del 25 febbraio, quando l’ufficio del sindaco ha rilasciato una dichiarazione chiedendo ai civili di mettersi immediatamente al riparo. (Reuters)

KIEV – Ore dopo che nella capitale ucraina sono risuonate esplosioni intermittenti, intorno alle 7:20 è suonata una sirena nel centro di Kiev. Alle 7:21, l’ufficio del sindaco ha rilasciato una dichiarazione chiedendo ai civili di chiedere asilo immediatamente.

In un hotel in una zona affollata, la direzione ha annunciato che tutti gli ospiti sarebbero andati in un nascondiglio temporaneo nel seminterrato.

Gli ospiti e il personale si sono fatti strada al piano di sotto e stavano aspettando ulteriori istruzioni. Alcuni dipendenti hanno continuato a correre con i loro parenti.

La preoccupazione sta crescendo a Kiev mentre le forze russe sembrano avanzare verso la capitale. Alcuni edifici civili sono stati danneggiati in mattinata.

Alyona Tkachenko, 36 anni, che lavora nella cucina dell’hotel, è fuggita con la sua famiglia dall’altra parte del fiume Dnepr, dopo che un edificio vicino alla loro casa è stato gravemente danneggiato nelle prime ore del mattino.

Vivevano sulla riva sinistra del fiume a est di Kiev. “Abbiamo sentito l’esplosione e siamo andati in bagno, ci siamo sdraiati sul pavimento e ci siamo coperti la testa con i cuscini”, ha detto Tkachenko. “Quando la metropolitana ha ripreso a funzionare, siamo venuti qui”.

I suoi genitori, Valentina e Serhi Kharin, 54 e 58 anni, e le sue due figlie, Anastasia, 11, e Sabina, 3, sono tra coloro che sono fuggiti con lei.

“Abbiamo acceso subito la TV e ci siamo resi conto che era l’edificio accanto a noi”, ha detto Sarhi.

Scelsero il bagno come rifugio immediato perché privo di finestre in caso di ulteriori esplosioni.

Quando hanno deciso di trasferirsi alle 7 del mattino, il treno della metropolitana più vicino a loro era completamente pieno di civili che cercavano di scappare e di altri che avevano dormito lì tutta la notte.

READ  Biden incontra il leader finlandese mentre la Russia irrita i vicini europei

“È un peccato che non siamo arrivati ​​qui ieri, quindi non abbiamo dovuto affrontare tutto questo”, ha detto Valentina dell’hotel, le lacrime che le rigavano il viso.

Il figlio di Valentina, il marito di Serhi e Alina è rimasto a casa, disarmato. “Ci sentiamo al sicuro ora, ma siamo preoccupati per lui [them] “So cosa significa veramente guerra”, ha detto Sirhi, che ha servito in Afghanistan dal 1982 al 1984.

Mentre la famiglia raccontava il loro calvario, è scattato un altro allarme di emergenza.