Un gruppo per i diritti umani accusa Israele di aver bombardato edifici residenziali con fosforo bianco in Libano

BEIRUT (AP) – Un’organizzazione globale per i diritti umani ha accusato Israele di usare proiettili incendiari al fosforo bianco su edifici residenziali in almeno cinque città e villaggi nel sud del Libano colpito dal conflitto, danneggiando potenzialmente i civili e violando il diritto internazionale, in un rapporto pubblicato mercoledì.

Human Rights Watch ha affermato nel suo rapporto che non ci sono prove di ustioni dovute al fosforo bianco in Libano, ma i ricercatori “hanno ascoltato resoconti che indicano possibili danni al sistema respiratorio”.

I difensori dei diritti umani affermano che sparare munizioni controverse in aree popolate è un crimine secondo il diritto internazionale.

La sostanza chimica incandescente può incendiare gli edifici e bruciare la carne umana fino alle ossa. I sopravvissuti corrono il rischio di infezioni e di insufficienza organica o respiratoria, anche se le ustioni sono piccole.

L’esercito israeliano ha dichiarato all’Associated Press di aderire al diritto internazionale in materia di munizioni e uso del fosforo bianco e di utilizzare la sostanza chimica solo come cortina di fumo e non per colpire i civili. La dichiarazione aggiunge: “Le procedure dell’IDF richiedono che tali proiettili non vengano utilizzati in aree densamente popolate, fatte salve alcune eccezioni”.

Il rapporto di Human Rights Watch include interviste con otto residenti nel Libano meridionale colpito dal conflitto, e il gruppo afferma di aver verificato e geolocalizzato le immagini di circa 47 foto e video che mostrano proiettili di fosforo bianco che cadono su edifici residenziali in cinque città e villaggi di confine libanesi.

Il Ministero della Sanità libanese afferma che almeno 173 persone hanno avuto bisogno di cure mediche dopo essere state esposte al fosforo bianco.

READ  Pilota disertore russo ha sparato 5 volte vicino alla stazione di polizia: Wall Street Journal

I ricercatori hanno scoperto che i controversi materiali incendiari sono stati utilizzati nelle aree residenziali di Kafr Kila, Mays al-Jabal, al-Bustan, Markaba e Aita al-Shaab, città che sono state tra le più colpite durante otto mesi di combattimenti.

È un gruppo per i diritti umani con sede a New York insieme ad Amnesty International Israele è stato anche accusato di utilizzare fosforo bianco nelle aree residenziali Nell’ottobre del 2023, a meno di un mese di distanza Cominciarono gli scontri Tra l’esercito israeliano e il potente gruppo Hezbollah lungo il confine meridionale tra Libano e Israele, all’indomani dello scoppio della guerra tra Israele e Hamas, il 7 ottobre.

Nel suo rapporto, Human Rights Watch ha chiesto al governo libanese di consentire alla Corte penale internazionale di indagare e perseguire “gravi crimini internazionali” in Libano dall’ottobre 2023.

“Il recente utilizzo del fosforo bianco da parte di Israele in Libano dovrebbe motivare altri paesi ad agire immediatamente per raggiungere questo obiettivo”, ha affermato Ramzi Qais, ricercatore di Human Rights Watch in Libano.

In Libano sono state uccise più di 400 persone, la maggior parte delle quali combattenti, ma tra cui anche più di 70 civili e non combattenti. Da ottobre in Israele sono stati uccisi 15 soldati e 10 civili. Decine di migliaia di persone sono state sfollate su entrambi i lati del confine.

___

La scrittrice dell’Associated Press Melanie Leidman, con sede a Tel Aviv, Israele, ha contribuito a questo rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto