Un’allegoria spaventosa e nostalgica

Lui gioca

Il bizzarro film horror “I Saw the TV Glow” probabilmente lascerà molti a chiedersi: “Cosa ho appena visto?” Reazione – che in questo caso è una buona cosa perché non esiste una risposta giusta.

La storia di due giovani soli e del loro programma televisivo preferito in comune, la scrittrice e regista trans Jane Schönbrunn, fa un tuffo agghiacciante e inquietante nella periferia degli anni ’90, un’allegoria di formazione ben recitata che è anche un’interessante decostruzione della cultura popolare. .

Come “Donnie Darko” o l’intera opera di David Lynch, “Glow” (★★★ su quattro; classificato R; adesso in sale selezionate, venerdì a livello nazionale) fonde il reale e il surreale in un incubo intriso di neon che lascia un scia di terrore. breadcrumb tematici per il loro pubblico. Certo, potrebbe essere più nitido e meno artisticamente ambiguo, ma quell’impegno verso l’abbagliante stranezza fa parte della salsa speciale del film e quasi dell’intero affare di Schoenbrun.

Il loro fiducioso debutto, il successo del festival cinematografico del 2022, We’re All Going to the World’s Fair, è stato un inquietante racconto ammonitore dell’era COVID incentrato sui mondi virtuali in cui vagano bambini isolati. “I Saw the TV Glow” offre una storia più ampia e stimolante con un’atmosfera di ritorno al passato.

Il dodicenne Owen (Ian Foreman) viene a scuola mentre sua madre (Danielle Deadwyler) lavora la notte delle elezioni. Nella mensa vuota, incontra l’adolescente Maddy (Brigitte Lundy-Paine), che sta leggendo un libro sulla serie TV “The Pink Opaque”. Gli chiede se l’ha visto; Non l’ha ancora fatto ed è affascinato dagli spot pubblicitari dello show, che parla di due ragazze che hanno una connessione psichica e affrontano minacce soprannaturali su base settimanale. (Pensa a “Buffy l’ammazzavampiri” o “Hai paura del buio?” nel passato.)

READ  Travis Kelce cerca un nuovo look a Philadelphia dopo essere andato nella zona di suo fratello Jason... mentre la fidanzata Taylor Swift si esibisce in tre concerti consecutivi tutto esaurito a Singapore

“Pink Opaque” arriva dopo l’ora di andare a letto di Owen, quindi di notte esce di nascosto per guardarlo con Maddie. Con il passare degli anni – con il giudice Smith che interpreta il quattordicenne ansioso e asmatico Owen in età adulta – formano uno stretto legame, usando lo spettacolo come una vertiginosa fuga dalla loro famiglia in difficoltà. Un giorno Maddie scompare, lasciando dietro di sé solo la TV in fiamme, e il film “Pink Opaque” viene improvvisamente cancellato. Quasi un decennio dopo, Maddie riemerge come una persona chiaramente cambiata, e la sua riemersione, combinata con la continua ossessione di Owen per questo spettacolo, mette a dura prova la sua salute mentale.

Schoenbrunn, un regista non binario, inserisce in “Glow” una metafora personale intesa a catturare le emozioni di una persona trans che cerca e trova la sua vera identità: in una scena, Maddy chiede a Owen se gli piacciono le ragazze o i ragazzi e lui risponde: “Io penso che mi piacciano i programmi televisivi. Allo stesso tempo, sono riusciti a creare un paesaggio che si connette con chiunque si senta estraneo nella propria pelle o nella propria casa. E tutto ciò sembrerà stranamente familiare a coloro che sono cresciuti attorno al film a metà degli anni ’90, da ciò che si vedeva sullo schermo televisivo luminoso ai distributori automatici di bevande Fruitopia a scuola.

Ci sono molti strati che compongono l’atmosfera. Schoenbrunn intervalla scene di “Pink Opaque” che sembrano una misteriosa fuga dalla trama principale psicologicamente disturbata, con i muri che stranamente crollano tra di loro. Ci sono momenti musicali occasionali – inclusa un’apparizione di Phoebe Bridgers – usciti direttamente da “Twin Peaks” Roadhouse, e ispirato da artisti del calibro di “Buffy” e “X-Files”, Schönbrunn scatena le creature malvagie del “mostro degli settimana’. “Vari programmi TV, come il grande cattivo della luna Mr. Melancholi, camminano sul confine tra scadente e terribile.

READ  Evan Reitman, produttore e regista di Ghostbusters, è morto all'età di 75 anni

Insieme ai temi del genere, dell’identità e della connessione umana, l’aspetto culturale di “I Saw the TV Glow” avrà un impatto notevole, soprattutto per il pubblico moderno. La nostra base collettiva di fan di programmi TV e film può unirci, ma può anche corromperci quando ciò che guardiamo diventa il nostro tutto. Il film offre uno sguardo potente sui pericoli della nostalgia e su cosa succede quando si passa dal rifugio ricercato alla prigione opprimente.

Quindi potresti non avere idea di cosa hai appena visto, soprattutto con il finale un po’ brusco, ma c’è molto su cui riflettere e a cui pensare dopo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto