La crosta ghiacciata di Europa “fluttua liberamente” attraverso l’oceano nascosto della Luna, suggeriscono nuove immagini di Giunone

Il 29 settembre 2022, la navicella spaziale Juno della NASA ha effettuato il suo sorvolo più vicino ad Europa, arrivando a 355 chilometri dalla superficie ghiacciata della luna gioviana. Un’immagine ravvicinata di Europa ha rivelato dettagli sorprendenti del caotico terreno della Luna, suggerendo che la sua crosta ghiacciata non è più dove era una volta. Le immagini mostravano anche una caratteristica appena scoperta soprannominata “ornitorinco” per la sua strana forma.

I risultati, resi possibili dalle immagini JunoCam, sono stati recentemente pubblicati su una rivista Giornale di scienze planetarieMentre sulla rivista sono stati pubblicati i risultati derivati ​​dalle immagini ad alta risoluzione della navicella, scattate dalla Stellar Reference Unit (SRU). Pianeti JGR.

Si pensa che Europa abbia un oceano salato sotto la sua crosta ghiacciata, che contiene il doppio dell’acqua di tutti gli oceani della Terra messi insieme, secondo NASA. Il terreno accidentato della Luna è caratterizzato da complesse reti di creste e macchie scure, suggerendo che pennacchi di vapore acqueo potrebbero sollevarsi nello spazio.

Immagine di un articolo intitolato The Ice Sheet of Europe

immagine: NASA/JPL-Caltech/SwRI

L’immagine in bianco e nero della superficie di Europa è stata scattata dalla SRU di Juno durante un sorvolo ravvicinato e rivela un’area attraversata da una rete di sottili scanalature e doppie creste, o coppie di lunghe linee parallele, che indicano caratteristiche in rilievo nel pianeta. ghiaccio. . I piccoli punti bianchi che appaiono nell’immagine sono particelle penetranti ad alta energia, il risultato dell’intensa radiazione ambientale attorno alla Luna. Nel frattempo, le macchie scure potrebbero essere correlate al ribollimento del fluido da sotto il ghiaccio (noto anche come attività del pennacchio criovulcanico).

In basso a destra nell’immagine c’è l’ornitorinco, che è largo 42 miglia (67 chilometri). È caratterizzato da creste prominenti e materiale bruno-rossastro scuro, con una matrice grumosa piena di blocchi di ghiaccio di diametro compreso tra 0,6 e 4,3 miglia (da 1 a 7 km).

Intorno ai bordi dell’ornitorinco, le formazioni collinari collassano in una caratteristica evidente. Queste formazioni supportano la teoria secondo cui la crosta ghiacciata della Luna potrebbe cedere nelle aree in cui sotto la superficie esistono sacche di acqua salata proveniente dall’oceano sotterraneo. “Queste caratteristiche indicano l’attuale attività superficiale e la presenza di acqua liquida nel sottosuolo su Europa”, ha detto in un articolo Heidi Becker, ricercatrice principale della SRU presso il Jet Propulsion Laboratory della NASA. dichiarazione.

Immagine di un articolo intitolato The Ice Sheet of Europe

immagine: Dati immagine: NASA/JPL-Caltech/SwRI/MSSS. Elaborazione delle immagini: Bjorn Johnson (CC BY 3.0)

Le immagini scattate dalla telecamera a luce visibile a bordo della navicella spaziale Juno, JunoCam, mostrano le crepe, le creste e le bande che attraversano la superficie della luna con dettagli squisiti. Secondo gli astronomi, queste caratteristiche sulla superficie di Europa hanno cancellato il terreno vecchio di più di 90 milioni di anni NASA.

Queste caratteristiche superficiali supportano la teoria secondo cui la crosta ghiacciata esterna di Europa si muove liberamente e fluttua. La teoria del “vero vagabondaggio polare”, come è nota, afferma che la crosta di ghiaccio ai Poli nord e sud dell’Europa non è più dove era prima.

“Un vero vagabondaggio polare si verificherebbe se la crosta ghiacciata di Europa si separasse dal suo interno roccioso, provocando elevati livelli di stress sulla crosta, portando a modelli di frattura prevedibili”, afferma Candy Hansen, ricercatrice associata a Juno che guida la pianificazione di JunoCam, presso Planetary Science. Lo ha affermato l’istituto di Tucson, in Arizona, in una nota. “Questa è la prima volta che questi modelli di faglia vengono mappati nell’emisfero australe, suggerendo che l’impatto del vero vagabondaggio polare sulla geologia superficiale di Europa è più esteso di quanto precedentemente identificato”.

Le immagini di JunoCam hanno spinto a rivalutare la caratteristica prominente sulla superficie di Europa. Hansen notò che Gwern, inizialmente pensato per essere un cratere da impatto largo 13 miglia (21 km), in realtà stava intersecando le creste creando un’ombra ovale.

La missione Juno della NASA è stata lanciata nel 2011 per esplorare Giove e le sue varie lune. Europa è di particolare interesse per gli scienziati perché vogliono sapere se la vita si è sviluppata sulla luna ghiacciata. Ecco perché la Luna sta ricevendo sempre più veicoli spaziali per esplorare le sue strane caratteristiche. NASA Missione Europa Clipper Si prevede che raggiungerà Giove nel 2030 e studierà il campo magnetico di Europa per confermare l’esistenza di un oceano sotto la sua crosta ghiacciata. IL La missione JUICE dell’ESA In viaggio verso il sistema gioviano per esplorare il gigante gassoso e le sue tre lune oceaniche.

Per ulteriori viaggi nello spazio nella tua vita, seguici X Un segnalibro personalizzato per Gizmodo Pagina del volo spaziale.

READ  NASA, SpaceX effettua la missione dell'astronauta Crew-8 sulla ISS a causa del maltempo - Spaceflight Now

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto