29 storie di persone rimaste bloccate in coma

16.

“Sono stato in coma farmacologico (con paralisi totale del corpo) per sei settimane. Ci sono stati diversi momenti in cui ricordavo chiaramente dove mi ero ‘svegliato’ nella mia testa. Com’è stata l’esperienza?”

“Quando mi stavo svegliando nella mia testa, non avevo idea di cosa fosse successo. Sono pienamente cosciente e so che sono io, ma non posso aprire gli occhi, non posso muovere un muscolo e non posso parlare. La prima volta che è successo è stato terrificante. Ho iniziato a farmi prendere dal panico e per un momento ho pensato che avrei potuto morire. Poi ho capito che stavo pensando, quindi non mi sembra giusto. Ho provato a muovermi ma non ci sono riuscito. Ho provato a parlare ma non ci sono riuscita. Ho provato a urlare ma non potevo.

La volta successiva che accadde fu quando il mio migliore amico venne a trovarmi. Ancora una volta, non posso muovermi, non posso vedere e non posso parlare. Ma quando si è “svegliata” nella mia testa, l’ho sentita tenermi la mano e chiedermi di stringerla se potevo sentirla parlare. Ho provato più forte che potevo a stringermi la mano, e sembrava che non stesse facendo assolutamente nulla. Quando l’ho lasciata andare via ero completamente devastata. Ho provato a gridarle di restare, ma ovviamente non è successo niente. Tuttavia, ero così felice che le persone che conoscevo fossero lì ovunque mi trovassi e che ricevessi aiuto (anche se mi sentivo completamente impotente). Questo tipo di aiuto. Ho dovuto calmarmi di nuovo per poter addormentarmi di nuovo.

Quando finalmente sono uscito dal coma, i miei genitori erano lì e non aveva alcun senso perché all’epoca i miei genitori vivevano a due stati di distanza. Alla fine ho saputo che erano stati lì tutto il tempo. Hanno mollato tutto nella loro vita e sono venuti per stare con me e sono rimasti lì per tutta la dura prova. Dopo qualche giorno (credo), vennero alcuni medici e mi fecero un sacco di domande. La prima domanda era che anno fosse: questo è quello che sapevo perché ricordavo di essere stato malato a Capodanno, quindi sapevo che era il 2000. La domanda successiva era chi era il presidente. Hai risposto a Clinton, quindi ho capito bene. Poi mi hanno chiesto se sapevo dove fossi. Quindi ho detto sicuramente “Honolulu” perché nei miei sogni ero a Honolulu. Quando tutti avevano un’espressione confusa da Scooby-Doo sui loro volti quando ho capito che non era del tutto giusto, quindi ho pensato che dovevo tornare a Salt Lake City (in qualche modo). Sembravano molto sollevati quando ho pensato a questa cosa”.

READ  Game Pass aggiungerà questi sette giochi molto presto

u/TheOpus

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto