50 anni dopo, un fan dei Braves condivide uno speciale video di lunga durata del 715esimo fuoricampo di Hank Aaron

SAVANNAH, Georgia (AP) – Charlie Russo ha avuto un'incredibile visione del 715esimo fuoricampo da record di Hank Aaron. Cinquant'anni dopo, è pronto a condividerlo con il mondo.

L'81enne Russo pubblica le sue riprese dalla distanza del momento in cui Aaron ha battuto il record di fuoricampo di Babe Ruth l'8 aprile 1974, che ha catturato dopo aver seguito di nascosto gli Aarons sul campo dell'Atlanta-Fulton County Stadium. Era lì a festeggiare un fuoricampo con Aaron, la sua famiglia e i compagni di squadra, incluso Dusty Baker, che era nel piatto degli Atlanta Braves quando Aaron ha chiamato.

“Questo ragazzo stava filmando?” ha chiesto Baker quando gli è stato detto del video che Russo e la sua famiglia hanno reso disponibile all'Associated Press. “Dai! Non l'ho mai visto!”

Il video di Russo mostra Aaron, in piedi a pochi metri di distanza, che alza il braccio destro e sorride alla folla esultante.

“Tutto è andato a posto”, ha detto Russo. “Voglio dire, tutto ciò che abbiamo fatto è stato semplicemente magico.”

Russo dice che lui e suo zio Joseph Matthews hanno ottenuto gli ambiti biglietti prima di partire da Savannah. La partita è stata tutto esaurito con 53.775 spettatori presenti. Trovare i biglietti è stato solo l'inizio di una giornata magica, ricorda Russo.

Russo stava filmando dai posti dietro la panchina della terza base quando il drive di Aaron ha superato il muro al centro sinistra durante la sua seconda battuta. Poi si è avvicinato al punto in cui ha visto seduti la famiglia Aaron e gli artisti Sammy Davis Jr. e Pearl Bailey. Mentre la madre, il padre e gli altri di Aaron si facevano strada sul campo, Russo li seguiva.

READ  Il pastore Al Sharpton chiede alla NBA di porre fine alle indagini dei Phoenix Suns, rimuovere il proprietario Robert Sarver

“Hanno aperto il cancello e se ne sono andati”, ha detto Russo. “Quindi anch'io vado sul campo. Voglio dire, è proprio come, 'Okay, faccio parte della famiglia.'

Il filmato di Russo, girato con una telecamera da 8 mm, lo mostra avvicinarsi sempre di più ad Aaron, finché all'improvviso Aaron sorride a pochi centimetri dal suo obiettivo. Ha avuto anche un momento ravvicinato con Davis, che ha promesso $ 25.000 per un fuoricampo. Le riprese di altre telecamere mostrano Russo, che indossa una giacca di pelle marrone, in piedi direttamente dietro Aaron mentre l'Hall of Famer saluta qualcuno sugli spalti.

Fu un arrivo straordinario date le preoccupazioni per la sicurezza che circondavano Aaron in quel momento. Aaron ha ricevuto numerose minacce di morte quando si è avvicinato al record di Ruth, bersaglio del razzismo mentre l'uomo di colore si preparava a sorpassare un giocatore bianco il cui segno era stato lasciato durante la lezione di ginnastica. Nonostante le misure di sicurezza aggiuntive, Russo – che è bianco – ha detto di non essere mai stato interrogato.

“Nessuno dice niente”, ha aggiunto. “Beh, tutta l'attenzione è su Aaron, sai?”

Bob Hope, ex direttore delle relazioni con i media dei Braves, afferma che circolava una voce popolare secondo cui i cecchini della polizia erano di stanza sopra lo stadio per motivi di sicurezza. Hope dice che non era vero, ma quando gli ha raccontato la storia di Russo, ha riconosciuto che la sicurezza avrebbe dovuto essere più severa.

Russo non è stato l'unico visitatore non autorizzato allo stadio. Due fan di 17 anni, Brett Gaston e Cliff Courtenay, Assalto al diamante Si unì ad Aaron mentre correva per le basi.

READ  Twitter NBA reagisce agli scioccanti progressi dei Warriors nella sconfitta contro Mavericks

“Voglio dire, non so come la sicurezza non fosse più stretta di quanto fosse”, ha detto Hope. “Avrebbe dovuto sicuramente esserlo… voglio dire, i due ragazzini correvano intorno alle basi. Oh mio Dio, se ci fossero stati dei cecchini li avrebbero sicuramente presi.”

Durante le riprese, Russo ha guardato in basso per vedere il sacchetto della colofonia e la ciambella appesantita usati dagli impavidi battitori nel cerchio sul ponte. Russo si abbassò e infilò gli oggetti nella giacca.

“Ero lì e penso che tutto sia andato a posto”, ha detto Russo. “Va bene, ecco il sacchetto con la colofonia e le ciambelle. Oh mio Dio. E l'ho messo in tasca.”

Aaron visitò Savannah pochi mesi dopo e diede a Russo un autografo incorniciato insieme a un sacchetto di colofonia, una ciambella e una copertina di Sports Illustrated che mostrava un homer da record. Russo ora vuole vendere il sacchetto di colofonia e ciambelle, possibilmente all'asta.

Russo ha detto che Aaron non si è arrabbiato quando ha saputo che Russo aveva preso gli oggetti dal circuito sul ponte.

“Era il più gentile possibile”, ha detto Russo. “Sono entrato e ci sono caduto addosso”… Voglio dire, il suo comportamento è semplicemente “Oh, amico, che carino”. E voglio dire che va bene. L'ha firmato, “I migliori auguri, Hank Aaron”.

Aaron ha concluso la sua carriera nella Hall of Fame con 755, un record battuto da Barry Bonds nel 2007.

I Braves hanno in programma di celebrare il cinquantesimo anniversario al Truist Park la prossima settimana. Baker, che si è ritirato dalla carica di manager degli Houston Astros dopo la scorsa stagione, ha intenzione di partecipare insieme a Tom House, il lanciatore di soccorso che ha realizzato un homer nel bullpen dei Braves. Baker e Hope erano gli unici portatori di spade esterni alla famiglia Il funerale di Aaron Dopo la sua morte all'età di 86 anni nel 2021.

READ  Fonti - Sicurezza Camryn Curl firma un contratto biennale con i Rams

Russo ha detto che essere così vicino a uno dei giocatori più famosi nella storia del baseball non è stata la sua prima partita memorabile. Ha detto di aver saltato la recinzione del Sanford Stadium per entrare in campo dopo che il giovane allenatore della Georgia, Vince Dooley, ha battuto Bear Bryant dell'Alabama nel 1965.

Ha anche una foto incorniciata di se stesso in piedi accanto a Pete Maravich nello spogliatoio dello Stato della Louisiana dopo che Maravich ha segnato 58 punti in una doppia vittoria ai supplementari contro la Georgia nel 1969.

“Forse il mio atteggiamento è che sia appropriato”, ha detto Russo. “E quando fai quelle cose, devi andare avanti e farle. Non puoi sederti e pensarci.”

Russo non è il tipo che si siede e basta. Lavora ancora sei giorni alla settimana al mercato del pesce che suo padre ha fondato nel 1946. Dice che non esiterebbe se avesse un'altra opportunità di lasciare gli stand per dare uno sguardo più da vicino alla storia.

Ha detto: “Sì”. “Se l’evento lo richiede, sì, lo farò.”

___

ABMLP: https://apnews.com/hub/mlb

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto