Coco Gauff chiede un sistema di revisione video nel tennis dopo la controversa decisione presa durante la sconfitta agli Open di Francia contro Iga Świątek



CNN

Coco Jouf Tennis ha chiesto l’implementazione di un sistema di revisione video a livello globale dopo essere rimasta in lacrime dopo una controversa decisione di un arbitro agli Open di Francia. Sconfitta in semifinale A Ti guarirò.

Con Gauff in vantaggio per 2-1 nel secondo set, l’arbitro di linea ha descritto la sua risposta al servizio come “fuori”, ma l’arbitro ha annullato la decisione. L’americana ha poi affermato che la chiamata del giudice ha influenzato il suo tiro, ma la sentenza non è stata d’accordo.

Tra le lacrime, Gauff ha ritrovato la calma per spezzare il servizio di Światek, ma ha perso 6-2, 6-4 contro il numero uno del mondo.

“Il tennis è l’unico sport in cui non solo disponiamo di un sistema di realtà virtuale, ma spesso le decisioni vengono prese da una persona. In altri sport di solito ci sono diversi arbitri che prendono la decisione”, ha detto Goff ai giornalisti.

“So che gli US Open ne hanno apportato un po’ l’anno scorso, e penso di sapere che ad un certo punto l’abbiamo usato nel nostro doppio. Penso decisamente che a questo punto sia ridicolo che non lo abbiamo. Non sono solo parlo perché è successo a me, ma penso che ogni sport ce l’abbia.

“Inoltre, ci sono molte decisioni da prendere, e fa schifo come giocatore tornare o andare online e vedere che avevi assolutamente ragione, e cosa ti dà questo in quel momento?

“In alcune situazioni puoi chiamare il supervisore, ma non c’è molto che possano fare da quel punto di vista. Penso sicuramente che come sport dobbiamo evolverci e abbiamo la tecnologia. Lo mostrano in TV, quindi non lo faccio capire perché il giocatore non può vederlo.

READ  'Comportamento scioccante': la ginnasta russa mostra 'Z' sul podio accanto al vincitore ucraino | Ginnastica

Il sistema di revisione video utilizza la stessa tecnologia del sistema “Occhio di Falco” dello sport e consente ai giocatori di contestare decisioni come doppi rimbalzi o tiri sbagliati. È stato utilizzato alle ATP Finals dopo essere stato testato per la prima volta alle Next Gen Finals ed è stato introdotto per la prima volta in un Grande Slam agli US Open lo scorso anno.

Sebbene l’accoglienza riservata alla tecnologia sia stata ampiamente positiva, Andy Murray è rimasto sconcertato durante gli US Open dello scorso anno quando una revisione video non ha funzionato correttamente durante la sua partita del primo turno contro Corentin Moutet.

Tuttavia, Schwentek ha detto di non sapere come sarà la tecnologia “logisticamente”.

Ha aggiunto: “Quando puoi chiedere all’arbitro di riprodurre il video o quando spetta a lei farlo perché penso che l’arbitro oggi fosse abbastanza sicuro della sua chiamata”.

“Quindi non so come sarebbe.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto