Dalla totalità al primo tiro, la gara d'apertura casalinga dei Guardiani è stata uno spettacolo per gli occhi irritati

CLEVELAND – Due ore prima della sua prima partita casalinga di fronte alla sua nuova base di fan, il manager dei Guardiani Steven Vogt era sul tappeto erboso del Progressive Field, sbirciava nel ponte superiore attraverso gli occhiali con filtro solare e sussurrava le parole a Lin: “Rubami il sole .”

Dall'alba al falso tramonto fino al primo momento, lunedì Cleveland è stata al centro dell'attenzione celeste, con il centro che attirava visitatori da tutto il mondo per osservare il sole, la luna e la Terra creare una magia irripetibile. Per la prima volta dal 1806 e l'ultima volta fino al 2444, Cleveland si trovò sul percorso di un'eclissi solare totale – e cadde lo stesso giorno della partita di apertura casalinga dei Guardiani contro i Chicago White Sox.

Vai più in profondità

Eclissi totale del giardino: l'apertura della casa dei Guardiani coincide con una rara eclissi solare

Un pomeriggio tradizionalmente segnato dallo sfarzo e dalle circostanze è stato oscurato da quattro minuti d'ombra. Madre Natura ha regalato a Cleveland un clima perfetto anche per l'inizio di aprile. Con cieli sereni e temperature negli anni '60, gli spettatori dal Progressive Field alle rive del Lago Erie possono assistere alla progressione di due ore e mezza dell'intera eclissi da luminoso a scuro a nuovamente luminoso.

Alle 15:12 ET, mentre la finta oscurità scendeva sul campo e la temperatura scendeva, l'annunciatore dell'AP ha gridato: “È quasi l'università”. I fan hanno urlato da entrambi i livelli del bar The Corner nell'area destra, un'area piena di gente che cercava l'angolazione perfetta per l'eclissi. La sequenza è stata rivelata sopra le luci dello stadio sul ponte superiore che si affaccia sulla linea della terza base. I fan si sono anche accalcati sulle scale sul lato posteriore dello stadio per vedere una vista che includeva l'Hope Memorial Bridge e il fiume Cuyahoga.

Mentre la totalità si avvicinava, Jose Ramirez, la terza base All-Star dei Guardians, si è finalmente alzato dalla panchina di casa, dove stava scorrendo i post dei social media sul suo telefono. I suoi colleghi si erano radunati sull'erba per assistere al procedimento. Ramirez si appoggiò alla ringhiera blu e scattò alcune foto della scena sopra la sua testa.

READ  Porzingis dei Celtics ha un raro problema al tendine della gamba sinistra ed è in dubbio per Gara 3 delle finali NBA.

Alle 3:15, con “Eclipse” dei Pink Floyd che risuonava dagli altoparlanti dello stadio nel momento di massima eclissi, sembrava che i Guardiani avessero ottenuto una vittoria schiacciante in ottobre. Un ruggito assordante e un cielo scuro creavano una scena strana e surreale mentre lo stadio ospitava.

Triston McKenzie, il titolare di Cleveland che era chiaramente immerso nei rapporti di scouting, uscì in campo in quel momento e si chiese perché fosse già buio. “Oh, l'eclissi”, ha detto.

Ci è voluta la conferma di diversi compagni di squadra per convincere Hunter Gaddis che avrebbe potuto togliersi gli occhiali in sicurezza durante il periodo buio.

Nel giro di pochi minuti il ​​cielo si è schiarito, la temperatura è aumentata e i giocatori sono tornati alla clubhouse. I fan di Cleveland hanno fatto irruzione in “Jose!” hanno cantato mentre aspettavano un'altra ora che l'eclissi finisse ufficialmente, che tornasse la piena luce del sole e che iniziassero le presentazioni pre-partita.

I Guardiani si sono coordinati con i funzionari della città e gli esperti della NASA negli ultimi due anni per determinare l’approccio migliore per una giornata senza precedenti. Hanno scelto la première delle 17:10 invece dell'altra opzione, le 19:10, poiché preferivano incorporare l'eclissi nei loro piani. Pertanto, il consueto programma della partita inaugurale è stato interrotto da una lezione di scienze di due ore. Hanno cambiato il programma degli allenamenti di battuta in modo che quelle stanche palle volanti non dovessero indossare occhiali con filtro solare mentre pattugliavano il campo. Al culmine dell'eclissi, le guardie hanno temporaneamente bloccato l'ingresso allo stadio per 20 minuti.

Josh Roberts, il collegamento per l'astronomia della NASA, ha fornito controlli periodici al quadro di valutazione per tutto il pomeriggio. Il team ha anche offerto aggiornamenti regolari al feed del telescopio della NASA da altre località nel percorso totale, tra cui Kerrville, Texas; Indianapolis; e Mazatlán, Messico. Un'eclissi solare totale si verifica ogni 18-24 mesi, ma spesso si verifica su vasti oceani o aree disabitate. Lunedì il percorso dell’eclissi totale si è esteso dal Messico al Maine.

READ  Quanti punti ha segnato Kaitlyn Clark? Statistiche febbre vs tempesta

Al North Coast Harbor, sul prato davanti al Great Lakes Science Center e alla Rock and Roll Hall of Fame, la NASA ha allestito uno dei tre hub per la giornata della trasmissione in diretta (hanno fatto lo stesso a Kerrville e Indianapolis). Josh Dobbs, l'ex quarterback dei Browns che è anche uno scienziato missilistico, ha fatto la sua apparizione, così come l'astronauta Stephen Bowen. La gente si è accalcata al NASA Village quando ha aperto le sue porte alle 10 del mattino per una serie di attività a tema spaziale e per assicurarsi un posto sull'erba per godersi il panorama. Gli oratori della zona vicino al Lago Erie hanno lanciato una playlist a tema spaziale che includeva “Dancing In The Moonlight” di Toploader, “Space Oddity” di David Bowie, “Wheel In The Sky” di Journey e “Blinded By The Light di Manfred Mann”.

Quest'ultima nota non è uno scherzo. I Guardiani ricordavano regolarmente ai tifosi di indossare gli occhiali da sole distribuiti agli ingressi dello stadio. I Guardiani hanno persino chiesto a un dipendente della squadra di inviare un messaggio ai giocatori esortandoli a fare lo stesso. Un dirigente della squadra ha detto che l'ultima cosa di cui avevano bisogno era un giocatore che finiva sulla lista degli infortunati con una retina bruciata.


Vista dal campo durante il picco dell'eclissi. (Jason Miller/Getty Images)

Prima di dirigere la sua prima partita casalinga con i Guardiani, Vogt ha ricordato di aver assistito all'eclissi mentre frequentava la scuola elementare a Visalia, in California, circa 30 anni fa. Si ricorda dell'insegnante in officina che equipaggiava gli studenti con occhiali da saldatura.

READ  Warriors Notes: La potente doppia vittoria di Steve Curry sui Blazers

I suoi giocatori non erano sicuri di cosa aspettarsi. Quando il lanciatore Tanner Bibby si rese conto che l'eclissi avrebbe portato a una pausa di due ore nella preparazione pre-partita, scherzò: “Non c'è da stupirsi che stiamo facendo stretching così presto”. Logan Allen era originariamente programmato per giocare per Cleveland lunedì prima che la finale della Club Series in Minnesota piovesse domenica. Ciò ha ritardato Allen di un giorno e ha significato più tempo libero lunedì pomeriggio. All'inizio ha detto che non era sicuro di cosa fare prima di sapere che avrebbe potuto osservare l'eclissi dal campo.

L'esterno sinistro Stephen Cowan, che ha provato un paio di occhiali da sole durante un'intervista con i giornalisti, si è chiesto come sarebbe stata la mazza durante quella follia. Aveva predetto che i lanciatori avrebbero approfittato della diminuzione della luce solare.

“È stato davvero fantastico. È un'opportunità irripetibile”, ha detto Vogt dell'eclissi.

Michael Brantley e Corey Kluber, una coppia di Cleveland All-Stars di lunga data che si sono ritirati durante l'inverno, sono tornati al Progressive Field per i primi tiri cerimoniali fianco a fianco. Anche loro hanno assistito ad uno spettacolo nel cielo.

“Era pazzesco quanto fosse buio”, ha detto Kluber.

“Mi è davvero piaciuto”, ha aggiunto Brantley. “Non sapevo cos'altro aspettarmi, ma poi è diventato completamente buio. Era malato.”

(Immagine in alto di Steven Vogt: Mike Lowry/Getty Images)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto