Distruzione a Gaza mentre Israele dichiara guerra a Hamas: aggiornamenti in tempo reale

13:25 ET, 12 maggio 2024

Lo sfollamento da Rafah continua, ma alcuni dicono che sono troppo esausti e malati per muoversi

Da Tariq Al-Helou a Gaza, Sarah Al-Sarjani e Abeer Salman a Gerusalemme



I palestinesi lasciano Rafah, Gaza, con le loro cose l’11 maggio.

AFP/Getty Images

Sempre più persone si stanno riversando da Rafah verso altre parti di Gaza in seguito agli ordini israeliani ai civili di lasciare gran parte della zona orientale e centrale di Rafah, ma alcuni rimangono troppo esausti o troppo malati per andare avanti.

Un uomo anziano, Hassan Abu Al-Enein, ha detto alla CNN che non voleva lasciare la sua casa nel campo profughi di Shaboura. Ma ora lo voglio perché nel campo non è rimasto più nessuno. Ha detto: “Voglio vedere mia moglie e mia figlia. Andrò a piedi. Non ho soldi per comprare un’auto. Ho mandato a piedi anche mia moglie e mia figlia”.

Maher Suleiman, che vive anche lui nel campo profughi di Al-Shaboura, ha detto che non sapeva dove andare: “Nessuno ci sostiene è semplicemente devastante, sono uscito di casa con una maglietta addosso”. Suleiman ha detto che non esiste una zona sicura. “Mia figlia di 15 anni aveva ustioni sul corpo. C’è stato uno sciopero nell’edificio accanto mentre stava preparando il cibo”.

Ayman Abu Najira, che guidava un’auto con il parabrezza rotto, ha detto che era diretto ad Al-Mawasi, un’area a nord-ovest di Rafah dove gli israeliani avevano ordinato alla gente di andare. Ha detto che sperava che fosse una zona sicura, ma aveva i suoi dubbi. “Probabilmente ci riusciranno”, ha detto Nijeira alla CNN.

Ma alcuni avevano intenzione di restare. “Non abbiamo paura. Siamo esausti ma siamo resistenti”, ha detto una donna non identificata. La sua tenda si trova isolata in un’area che dice fosse piena di tende solo pochi giorni fa.

Ha detto che era di Khan Yunis. “Spero di poter tornare a casa mia e spero che rimanga in piedi. Sto piangendo perché voglio tornare a casa”.

La donna ha detto che era nervosa ieri sera. “Anche l’addetto alla distribuzione dell’acqua ha paura di passare. La gente ha paura di uscire dalle tende di notte per fare i propri bisogni perché ha paura dei quadricotteri (droni israeliani)… Abbiamo tutti l’epatite. “

La donna ha indicato una cicatrice sotto l’orecchio e ha detto che è stata causata dal proiettile di un cecchino, che le ha rotto la mascella mentre cercava di recuperare le sue cose da un luogo vicino all’ospedale Nasser. “C’era una finestra coperta con una coperta e il cecchino mi ha portato qui.”

“Perché mi prendevano di mira? Ero in una scuola vuota.”

Suo figlio, Raed Abu Salem, 18 anni, ha subito una ferita al viso che, secondo lui, è stata causata dalle schegge di un attacco di droni a Khan Yunis mentre stava cercando di prendere l’acqua. Ha perso anche diversi denti.

“Vorrei dire quanto ero bello”, ha detto in risposta a una domanda su come si sente quando guarda le sue foto prebelliche. Adesso le sue ferite sono dolorose e deve mangiare attraverso una siringa.

Sua madre ha detto che stava lottando per nutrire i bambini. “Questi bambini non hanno mangiato. Non abbiamo acqua fresca”.

READ  Gli Stati Uniti offrono un prestito di 1 miliardo di dollari all'Ucraina per sostenere l'economia in mezzo alle tensioni con la Russia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto