Esporre i video che la Russia ha usato come pretesto per inviare truppe nell’Ucraina orientale

Uno dei video mostra l’attentato di lunedì a un posto di frontiera russo nella regione di Rostov, che corre lungo il confine orientale dell’Ucraina.

Separatamente, il distretto militare meridionale della Russia, secondo l’agenzia di stampa statale RIA-Novosti, ha riferito che cinque persone della squadra di sabotaggio sono state “liquidate”.

Questi presunti incidenti divennero presto oggetto di una sessione televisiva raramente del Consiglio di sicurezza nazionale russo, in cui il presidente Vladimir Putin ha chiamato i rapporti dalla sua cerchia ristretta.

Il direttore del Servizio di sicurezza federale (FSB), Alexander Bortnikov, ha parlato di “incidenti di bombardamenti sul territorio della Federazione Russa, in particolare nella regione di Rostov”, e ha affermato che “due gruppi di sabotaggi militari ucraini sono arrivati ​​al confine con il Federazione Russa nella regione di Luhansk, proveniente da Mariupol”.

Bortnikov ha affermato che questo tipo di incidenti ha causato un “peggioramento della situazione” nei territori separatisti e che la colpa è delle “forze di sicurezza ucraine”.

Ma i video che sono emersi come presunte prove di quegli incidenti non sono stati resi pubblici dai media russi.

Il primo video, che presumibilmente mostra un posto di frontiera all’interno del territorio russo che è stato bombardato dalle forze ucraine, è apparso per la prima volta sui canali filorussi di Telegram e su RIA-Novosti lunedì mattina.

L’FSB russo ha fornito questo resoconto dell’incidenteaffermando che alle 9:50 “un proiettile è stato sparato dal territorio dell’Ucraina” e ha distrutto una barriera “a 150 metri dal confine russo-ucraino”.

Altri media russi hanno ulteriormente infangato le acque – riportando località a sud, in direzione della città ucraina di Mariupol – ea nord vicino al villaggio russo di Mitkinskaya.

READ  Putin licenzia Sergei Shoigu dalla carica di ministro della Difesa Notizie della guerra tra Russia e Ucraina

Tuttavia, l’analisi della CNN dei due video conferma che sono stati girati in un luogo comune, a pochi metri di distanza l’uno dall’altro. Non c’erano viste a centinaia di chilometri di distanza.

Inoltre, la geolocalizzazione mostra che i due video sono stati girati al confine tra la Repubblica popolare separatista filorussa di Donetsk e la Russia, piuttosto che in un’area sul – o vicino – al confine controllato dalle forze ucraine.

Come ha scoperto per la prima volta il Resilience Center con sede nel Regno Unito, il sito di video si trova all’interno del territorio della Repubblica Democratica del Congo.

Sullo stesso sito c’è il secondo video, come identificato per la prima volta dall’analista di intelligence open source John Markey.

Il secondo video è apparso per la prima volta sul canale filo-russo Telegram che afferma di mostrare le riprese del casco di un soldato ucraino che attraversa il confine russo. Analisi CNN Metadati videoma i dettagli essenziali sembrano essere stati cancellati.

Quindi è emerso un terzo video che pretendeva di mostrare un veicolo blindato ucraino utilizzato nella presunta incursione che è apparsa nel secondo video. L’auto è stata mostrata dopo essere stata distrutta.

Tuttavia, le persone si sono affrettate a individuare le incongruenze nel video.

Oryx è un blog specializzato in questioni di sicurezza globale, Nota il video È apparso sull’APC BTR-70M, che si diceva non fosse utilizzato dall’esercito ucraino.

Gli analisti di Janes, un fornitore di intelligence della difesa, hanno detto alla CNN che il veicolo mostrato nel video “è probabile che sia un aggiornamento russo”, anche se è difficile essere assolutamente certi che non sia in servizio ucraino.

READ  L'arresto del viceministro della Difesa russo potrebbe essere solo l'inizio

I russi hanno anche riferito che un soldato ucraino è stato catturato durante questa presunta incursione, ma la sua identità non è stata rivelata. Da parte loro, gli ucraini affermano che tutti i loro soldati sono considerati. Non manca nulla. Nessuno è stato ucciso al confine.

Non c’è modo di collegare il rilascio dei video a nessun media ufficiale o statale; Sono apparsi tutti da account privati. Ma il fatto che sia emerso così presto dopo la denuncia di questi presunti incidenti è ambiguo.

Un funzionario ucraino, a cui è stato mostrato un video con la telecamera del casco, ha chiamato il film “Bollywood”. Il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba ha descritto i video come provenienti direttamente dalla “fabbrica falsa” in Russia.

Ma per il Cremlino, e le sue lamentele accuratamente orchestrate lunedì, ha servito al suo scopo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto