Google e il Dipartimento di Giustizia discutono in maniera definitiva se il motore di ricerca sia un monopolio

WASHINGTON (AP) – La supremazia di Google come motore di ricerca su Internet è un monopolio illegale sostenuto da oltre 20 miliardi di dollari che il colosso della tecnologia spende ogni anno per bloccare la concorrenza, hanno affermato gli avvocati del Dipartimento di Giustizia al termine di una causa antitrust ad alto rischio.

Google, d’altro canto, afferma di sì L’onnipresenza deriva dalla Sua superioritàE la sua capacità di raggiungere i risultati che i clienti cercano.

“Sarebbe una decisione senza precedenti quella di punire un’azienda per aver vinto in base ai meriti”, ha detto l’avvocato di Google John Schmidtlin nel tardo pomeriggio di venerdì, riassumendo le argomentazioni conclusive dell’azienda.

L’avvocato del Dipartimento di Giustizia Ken Dentzer ha detto al giudice che “oggi dovrebbe essere il giorno giusto” per intervenire e fermare il comportamento monopolistico di Google, che ha paragonato alle tattiche utilizzate da Microsoft due decenni fa che spingevano… Battaglia antitrust simile.

Il governo degli Stati Uniti, una coalizione di stati e Google hanno presentato venerdì le loro argomentazioni conclusive nella causa durata 10 settimane davanti al giudice distrettuale americano Amit Mehta, che ora deve decidere se Google ha violato la legge mantenendo il suo status di monopolio come motore di ricerca.

molti problemi, Il più grande processo antitrust degli ultimi due decenniriguarda la misura in cui Google trae il suo potere dai contratti che ha con aziende come Apple per rendere Google il motore di ricerca predefinito precaricato su telefoni cellulari e computer.

Al processo, le prove hanno dimostrato che Google spende più di 20 miliardi di dollari all’anno in tali contratti. Gli avvocati del Dipartimento di Giustizia hanno affermato che l’enorme somma indica quanto sia importante per Google diventare il motore di ricerca predefinito e impedire ai concorrenti di prendere piede.

READ  Un aereo della United Airlines effettua un atterraggio di emergenza a Los Angeles a causa di un problema idraulico

Google risponde che i clienti possono facilmente fare clic su altri motori di ricerca se lo desiderano, ma i consumatori preferiscono sempre Google. Aziende come Apple hanno testimoniato durante il processo di collaborare con Google perché considerano il suo motore di ricerca superiore.

Google afferma inoltre che il governo definisce il mercato dei motori di ricerca in modo troppo restrittivo. Sebbene abbia una posizione dominante rispetto ad altri motori di ricerca generali come Bing e Yahoo, Google afferma di dover affrontare una concorrenza più dura quando i consumatori eseguono ricerche mirate. Ad esempio, il colosso della tecnologia afferma che gli acquirenti potrebbero essere più propensi a cercare prodotti su Amazon che su Google, i pianificatori delle vacanze potrebbero condurre le loro ricerche su AirBnB e i commensali affamati potrebbero essere più propensi a cercare un ristorante su Yelp.

Anche le società di social media come Facebook e TikTok rappresentano una forte concorrenza, ha affermato Google.

Durante le discussioni di venerdì, Mehta si è chiesto se alcune di queste altre società fossero già nello stesso mercato. Ha affermato che le società di social media possono generare entrate pubblicitarie cercando di pubblicare annunci che sembrano corrispondere agli interessi dei consumatori. Ma ha detto che Google potrebbe pubblicare annunci pubblicitari davanti ai consumatori come risposta diretta alle richieste che inviano.

“Solo su Google possiamo vedere direttamente l’intento dichiarato”, ha detto Mehta.

Schmidtlin ha risposto che le società di social media “hanno moltissime informazioni sui tuoi interessi che direi altrettanto potenti”.

L’azienda ha anche affermato che il suo potere di mercato è debole perché Internet si rimodella costantemente. All’inizio del processoHa notato che molti esperti una volta consideravano inconfutabile che Yahoo sarebbe sempre stato dominante nella ricerca. Oggi, ha detto, i giovani consumatori di tecnologia a volte pensano a Google come a “Nonno Google”.

READ  BHP propone l’acquisizione da 31 miliardi di sterline di Anglo American in un massiccio accordo minerario

Gli avvocati governativi hanno inoltre sostenuto che la società tecnologica dovrebbe essere punita per la “distruzione sistematica di documenti” che secondo loro è stata fatta per nascondere deliberatamente prove di intenzioni e pratiche monopolistiche.

L’evidenza empirica ha dimostrato che gli avvocati di Google hanno raccomandato ai dipendenti di assicurarsi che le loro conversazioni di lavoro non vengano salvate a causa delle loro potenziali implicazioni legali.

Il governo ha chiesto a Mehta di imporre una sanzione che consentisse al giudice di concludere che tutte le chat cancellate erano sfavorevoli a Google rispetto alle sue intenzioni anticoncorrenziali.

Mehta ha detto che non era sicuro se avrebbe accettato la richiesta del governo, ma ha fortemente criticato le loro pratiche di conservazione dei documenti e ha ipotizzato che dovrebbe esserci una sorta di punizione.

“La politica di conservazione dei documenti di Google lascia molto a desiderare”, ha affermato. “È scioccante per me, o sorprendente per me, che un’azienda lasci ai propri dipendenti la decisione su quando conservare i documenti”.

L’avvocato di Google Colette Connor ha difeso la pratica dell’azienda di generalmente non mantenere le conversazioni interne all’azienda. “Dato l’uso abituale delle conversazioni, era ragionevole”, ha detto.

Sebbene i servizi di ricerca di Google siano gratuiti per i consumatori, l’azienda genera entrate dalle ricerche vendendo annunci che accompagnano i risultati di ricerca di un utente.

L’avvocato del Dipartimento di Giustizia David Dahlquist ha affermato durante le discussioni di venerdì che Google è stata in grado di aumentare le proprie entrate pubblicitarie attraverso la crescita del numero di query inviate fino al 2015 circa, quando la crescita delle query è rallentata e avevano bisogno di guadagnare di più da ogni ricerca.

READ  Texas AG indagherà su Spirit AeroSystems e sul programma Probe Diversity

Il governo sostiene che il monopolio di Google sui motori di ricerca gli consente di imporre prezzi artificialmente più alti agli inserzionisti, che alla fine vengono trasferiti ai consumatori.

“La concorrenza dovrebbe essere limitata dagli aumenti dei prezzi”, ha affermato Dahlquist. “Dovrebbe essere il mercato a decidere quali saranno gli aumenti dei prezzi”.

Dahlquist ha affermato che i documenti interni di Google mostrano che la società, libera da qualsiasi concorrenza reale, ha iniziato a modificare i suoi algoritmi pubblicitari per fornire a volte agli utenti risultati di ricerca pubblicitari peggiori se ciò potesse aumentare le entrate.

Schmidtlin, avvocato di Google, ha affermato che i dati mostrano che i suoi annunci di ricerca sono diventati più efficaci e più utili per i consumatori nel corso del tempo, passando da una percentuale di clic del 10% al 30%.

Mehta non ha ancora annunciato quando governerà, anche se si prevede che potrebbero volerci diversi mesi.

Se ritiene che Google abbia violato la legge, dovrà programmare una fase “riparatrice” del processo per determinare cosa dovrebbe essere fatto per aumentare la concorrenza nel mercato dei motori di ricerca. Il governo non ha ancora annunciato quale tipo di trattamento cercherà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto