Guerra Israele-Hamas: le sirene suonano a Tel Aviv per la prima volta dopo mesi

Deir al-Bala, Striscia di Gaza (AP) – Hamas ha lanciato una raffica di razzi. Gaza Domenica, per la prima volta dopo mesi, sono suonate le sirene dei raid aerei fino a Tel Aviv, segnando le conseguenze di più di sette mesi di massiccia offensiva aerea, marittima e terrestre di Israele.

Non ci sono notizie immediate di vittime in quello che sembrava essere il primo attacco missilistico a lungo raggio da Gaza da gennaio. L’ala militare di Hamas ha rivendicato l’attacco. I militanti palestinesi hanno lanciato sporadici razzi e colpi di mortaio contro le comunità lungo il confine di Gaza, e l’ala militare del gruppo palestinese della Jihad islamica ha detto di aver lanciato razzi contro le comunità vicine più tardi domenica.

L’esercito israeliano ha detto che otto razzi lanciati dal sud della Striscia di Gaza hanno colpito Israele. Rafa, le forze israeliane hanno recentemente lanciato un’incursione. Ha detto che “diversi” missili sono stati intercettati, e il portavoce militare, contrammiraglio Daniel Hagari, ha detto che il missile a Rafah è stato distrutto.

Domenica scorsa, camion umanitari sono entrati a Gaza dal sud di Israele in base a un nuovo accordo con l’Egitto per aggirare il valico di Rafah dopo che le forze israeliane hanno sequestrato l’enclave palestinese. Ma non è ancora chiaro se i gruppi umanitari possano accedere agli aiuti a causa dei combattimenti.

L’Egitto si rifiuta di riaprire il suo lato del valico di Rafah finché non cederà il controllo della Striscia di Gaza ai palestinesi. Israele ha accettato di deviare temporaneamente il traffico attraverso il valico di Kerem Shalom, il principale terminal merci di Gaza, dopo una chiamata tra il presidente degli Stati Uniti Joe Biden e il presidente egiziano Abdel-Fattah el-Sissi.

READ  Il sorvolo di Europa della NASA suggerisce di mescolare “qualcosa” sotto il ghiaccio

Ma il valico di Kerem Shalom rimane in gran parte inaccessibile a causa dell’offensiva israeliana a Rafah. Israele afferma di aver consentito l’ingresso di centinaia di camion, ma gli agenti delle Nazioni Unite ritengono che ritirare gli aiuti sia troppo rischioso.

Secondo il ministero della Sanità di Gaza, quasi 36.000 palestinesi sono stati uccisi nella guerra tra Israele e Hamas. I corpi di 81 persone uccise dagli attacchi israeliani sono stati portati negli ospedali nelle ultime 24 ore, ha affermato il Ministero della Salute.

L’80% dei 2,3 milioni di abitanti di Gaza sono fuggiti dalle proprie case, la fame è diffusa e parti del territorio sono in pericolo, dicono i funzionari delle Nazioni Unite. Sperimentano la carestia.

Hamas ha così provocato la guerra 7 ottobre Attacco a Israele, in cui i militanti palestinesi hanno ucciso circa 1.200 persone, per lo più civili, e hanno preso circa 250 ostaggi. Hamas detiene ancora 100 ostaggi e i resti di 30 liberati durante il cessate il fuoco dello scorso anno.

Il sud di Gaza è in gran parte tagliato fuori dagli aiuti

La televisione statale egiziana Al-Qahera ha trasmesso filmati di ciò che si dice fossero camion che entravano a Gaza attraverso Kerem Shalom. Khaled Said, capo della Mezzaluna Rossa egiziana nella penisola del Sinai, che gestisce la consegna degli aiuti dal lato egiziano del valico di Rafah, ha detto che prevede di inviare domenica 200 camion di aiuti e quattro camion di carburante a Kerem Shalom.

Il sud di Gaza è stato in gran parte tagliato fuori dagli aiuti dopo la cosiddetta incursione limitata di Israele a Rafah il 6 maggio. Da allora, più di 1 milione di palestinesi sono fuggiti dalla città. La maggior parte erano sfollati da altre parti della Gaza assediata.

READ  Il COVID-19 è associato a un effetto "significativo e dannoso" sul cervello, secondo uno studio del Regno Unito

Il nord di Gaza riceve ancora aiuti attraverso due rotte terrestri aperte da Israele tra l’indignazione globale Sette operatori umanitari sono stati uccisi negli attacchi israeliani In Aprile.

Alcune decine di camion entrano a Gaza ogni giorno, ma la capacità è inferiore ai 150 camion al giorno sperati dai funzionari. I gruppi umanitari affermano di aver bisogno di 600 camion al giorno.

Netanyahu resiste alle pressioni per porre fine alla guerra

Netanyahu ha detto che Israele ha bisogno di catturare Rafah per eliminare i restanti battaglioni di Hamas e ottenere la “vittoria totale” sui militanti, dove l’esercito è stato recentemente attivo in altre parti di Gaza.

Netanyahu si trova ad affrontare crescenti pressioni per raggiungere un accordo con Hamas per la liberazione degli ostaggi rimasti, cosa che Hamas ha rifiutato senza garanzie. La fine della guerra e il ritiro completo delle truppe israeliane. Netanyahu lo ha respinto.

Sabato sono scoppiati scontri tra polizia e manifestanti a Tel Aviv, mentre migliaia di persone si sono riunite di nuovo per chiedere la restituzione degli ostaggi. Hanno chiesto le dimissioni di Netanyahu e nuove elezioni.

La guerra isola sempre più Israele sulla scena mondiale.

La scorsa settimana, tre paesi europei hanno annunciato Riconosceranno lo Stato di Palestinae procuratore capo della Corte penale internazionale È stato chiesto un mandato di arresto Netanyahu e il ministro della Difesa israeliano Yoav Galant, insieme a tre leader di Hamas.

Venerdì, il Corte di giustizia Internazionale Ha ordinato a Israele di porre fine all’offensiva militare a Rafah. L’Alta Corte delle Nazioni Unite ha anche affermato che Israele dovrebbe consentire agli investigatori sui crimini di guerra di entrare a Gaza.

READ  Quando è iniziata l’indagine sul silenzio, Trump ha lasciato un segno nella Carolina del Nord

È improbabile che Israele si adegui e ha condannato la mossa della CPI verso i mandati di arresto. Israele dice che fa ogni sforzo per non danneggiare i civili e incolpa Hamas per le morti perché i militanti operano in aree residenziali densamente popolate.

Israele nega la notizia del soldato catturato

Hamas ha detto di aver catturato un soldato israeliano durante i combattimenti nel nord di Gaza e sabato scorso ha diffuso un video che mostra un uomo ferito trascinato attraverso un tunnel. L’esercito israeliano ha negato che siano stati catturati soldati e Hamas non ha fornito altre prove a sostegno delle sue affermazioni.

In uno sviluppo separato, l’esercito israeliano ha affermato di aver arrestato un sospetto che è stato ampiamente diffuso in un video di un uomo vestito da soldato che minacciava di ribellarsi. Nel video, l’uomo dice che decine di migliaia di soldati sono disposti a obbedire al suggerimento del ministro della Difesa che i palestinesi governino Gaza dopo la guerra, giurando fedeltà solo a Netanyahu.

Il portavoce dell’esercito Hagari ha detto che l’uomo era stato rimosso dal servizio di riserva. La persona non è stata identificata pubblicamente. Non è chiaro quando e dove sia stato girato questo video. Yar Netanyahu, figlio del primo ministro, ha condiviso il video sui social media, suscitando le critiche degli oppositori politici. L’Ufficio del Primo Ministro ha rilasciato una breve dichiarazione in cui condanna ogni forma di subordinazione militare.

___

Goldenberg ha riferito da Tel Aviv, Israele, e Magdi dal Cairo.

___

Segui la copertura di AP sulla battaglia https://apnews.com/hub/israel-hamas-war

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto