La misura dell’inflazione core preferita dalla Fed sembra in fase di raffreddamento

(Bloomberg) – L’indicatore di inflazione di prima linea della Federal Reserve sta per mostrare un modesto sollievo dalle persistenti pressioni sui prezzi, supportando la saggezza dei banchieri centrali riguardo ai tempi dei tagli dei tassi di interesse.

I più letti da Bloomberg

Gli economisti si aspettano che la spesa per i consumi personali meno l’indice dei prezzi dei prodotti alimentari e dell’energia – la cui pubblicazione è prevista venerdì – salirà dello 0,2% ad aprile. Ciò segnerebbe il progresso più piccolo finora quest’anno per la misura, che fornisce una migliore fotografia dell’inflazione core.

Secondo la previsione mediana di un sondaggio di Bloomberg, l’indice generale dei prezzi delle spese per consumi personali è probabilmente aumentato dello 0,3% per il terzo mese. Gli aumenti di quest’anno sono in contrasto con i dati relativamente stabili degli ultimi tre mesi del 2023, sottolineando i progressi disomogenei della Fed nella sua battaglia contro l’inflazione.

Il presidente della Fed Jerome Powell e i suoi colleghi hanno sottolineato la necessità di ulteriori prove che l’inflazione sia su un percorso sostenibile verso l’obiettivo del 2% prima di tagliare il tasso di interesse di riferimento, che ha raggiunto il massimo di due decenni da luglio.

Si prevede che la misura del prezzo PCE aumenterà del 2,7% su base annua, mentre la misura principale dovrebbe raggiungere il 2,8%, entrambi in linea con i livelli del mese precedente.

I funzionari si sono incontrati all’inizio di questo mese con il desiderio di mantenere i tassi di interesse più alti più a lungo e “molti” si sono chiesti se la politica fosse sufficientemente restrittiva da portare l’inflazione al di sotto del loro obiettivo, secondo i verbali del loro ultimo incontro.

Per saperne di più: I verbali mostrano che i funzionari si mobilitano attorno a tassi di interesse più alti per un periodo più lungo

Gli ultimi dati sull’inflazione saranno accompagnati da dati sulla spesa personale e sul reddito. Mentre la domanda è cresciuta a un ritmo sostenuto nel primo trimestre, i dati riporteranno la spesa per i servizi dopo che le vendite al dettaglio di aprile precedentemente riportate si sono stabilizzate.

Cosa dice Bloomberg Economics:

“È probabile che il rapporto fornisca alcuni segnali incoraggianti del fatto che il processo di decelerazione dell’inflazione non si è completamente interrotto. Con il rallentamento della crescita del reddito in un mercato del lavoro freddo, i consumatori stanno gradualmente iniziando a crollare, il che dovrebbe fornire un impulso deflazionistico duraturo al resto del mercato. Tuttavia, poiché le pressioni sui prezzi continuano a recuperare terreno, è probabile che quest’anno l’inflazione diminuisca molto gradualmente.

READ  AT&T sta chiudendo la sua rete 3G. Ecco come può influire su di te

—Anna Wong, Stuart Ball, Elisa Wenger ed Estelle Au, economisti. Per l’analisi completa, clicca qui

Altri dati della settimana includono il PIL rivisto del primo trimestre di giovedì. Gli economisti prevedono che la crescita potrebbe rallentare rispetto alla stima iniziale del governo. Mercoledì, la Federal Reserve pubblicherà un riepilogo del Beige Book sulle condizioni economiche in tutto il paese.

Tra i banchieri centrali statunitensi che hanno parlato durante la settimana ridotta alle vacanze c’erano John Williams, Lisa Cook, Neel Kashkari e Lori Logan.

Guardando a nord, il Canada rilascerà i dati sul PIL del primo trimestre. Il calo del momentum mensile di marzo e la debolezza della domanda interna probabilmente manterranno il taglio dei tassi di giugno a favore della banca centrale.

Altrove, tra i punti salienti ci saranno un potenziale aumento dell’inflazione dell’Eurozona, i dati industriali cinesi e i numeri PMI, nonché i rapporti sui prezzi dal Brasile.

Clicca qui per scoprire cosa è successo la scorsa settimana. Di seguito è riportato un riepilogo di ciò che accadrà nell’economia globale.

Asia

Il settore manifatturiero cinese sarà sotto i riflettori nella prossima settimana. I dati industriali di lunedì mostreranno se i profitti si sono ripresi in aprile dopo il forte calo di marzo che ha spinto il ritmo dei guadagni per i primi tre mesi al 4,3%.

La continua deflazione dei prezzi alla produzione e la debolezza della domanda interna potrebbero tenere sotto pressione la redditività. Venerdì la Cina riceverà i dati ufficiali sull’indice PMI manifatturiero, con l’obiettivo di verificare se la misura rimarrà al di sopra della soglia di 50 che separa la contrazione dall’espansione per il terzo mese di maggio.

Sempre venerdì, si prevede che la crescita della produzione industriale del Giappone rallenterà mentre le vendite al dettaglio accelereranno ad aprile.

Il tasso di inflazione al consumo di Tokyo potrebbe aumentare leggermente a maggio, preannunciando guadagni per i dati nazionali.

Nel frattempo, la Cina ha chiesto alla Corea del Sud di mantenere catene di approvvigionamento stabili mentre i paesi hanno iniziato il loro primo vertice trilaterale con il Giappone dal 2019.

Si prevede che la crescita dei prezzi al consumo in Australia rallenterà al 3,3%, ancora abbastanza forte da mantenere la Reserve Bank of Australia sull’attenti.

Il Vietnam annuncia anche i dati sull’indice dei prezzi al consumo, insieme alla produzione industriale, alle vendite al dettaglio e al commercio durante la settimana.

READ  Adam Neumann abbandona il riacquisto di WeWork

Venerdì, presso le banche centrali, il Kazakistan fissa il suo tasso di interesse di riferimento.

Europa, Medio Oriente, Africa

Nella zona euro l’inflazione potrebbe accelerare a maggio fino al 2,5%, secondo le previsioni degli economisti. Si prevede che l’indice core smetterà di indebolirsi per la prima volta da luglio, attestandosi al 2,7%.

In linea con i dati più ampi della zona euro, si prevede che i rilasci nazionali a partire dai dati tedeschi di mercoledì siano andati nella direzione sbagliata in tre delle quattro maggiori economie della regione. Solo l’Italia sta assistendo ad un rallentamento della crescita dei prezzi.

Tali risultati ostacolano il progresso verso l’obiettivo del 2% della BCE, ma i continui segnali da parte dei funzionari di un taglio dei tassi di un quarto di punto il 6 giugno rendono improbabile che un solo mese di dati possa farli deragliare. Tuttavia, alcuni politici si oppongono a qualsiasi spinta verso un ulteriore allentamento.

“Cresce la probabilità che entro 13 giorni si vedrà il primo taglio dei tassi di interesse”, ha detto venerdì in un’intervista il presidente della Bundesbank tedesca Joachim Nagel, un falco politico. “Se ci sarà un taglio dei tassi a giugno, dovremo aspettare, e penso che dovremo aspettare fino a settembre”.

Altri rapporti nella zona euro includono l’indice Ifo sulla fiducia delle imprese tedesche di lunedì, l’indagine della Banca Centrale Europea sulle aspettative di inflazione di martedì e il sentiment economico di giovedì.

I funzionari della Bce che parleranno la prossima settimana includono il capo economista Philip Lane e i governatori olandese, francese e italiano. Il periodo di blackout inizia prima che la decisione venga presa giovedì.

La Banca d’Inghilterra è già rimasta in silenzio, cancellando tutti i discorsi e le dichiarazioni pubbliche dei politici durante la campagna in vista delle elezioni generali del Regno Unito del 4 luglio.

Tra le altre banche centrali europee figurano tra i punti salienti il ​​rapporto sulla stabilità finanziaria della Riksbank di mercoledì e il discorso del presidente della Banca nazionale svizzera Thomas Jordan a Seul.

Sono previste diverse decisioni monetarie da prendere nella regione più ampia:

  • Lunedì si prevede che la banca centrale israeliana mantenga i tassi di interesse stabili al 4,5%, principalmente per controllare le pressioni inflazionistiche legate alla guerra e fornire sostegno allo shekel. Il governatore Amir Yaron è preoccupato per l’allentamento della politica monetaria e l’ampliamento del divario tra gli oneri finanziari in Israele e negli Stati Uniti.

  • Lunedì l’autorità monetaria del Ghana lascerà il tasso di interesse di riferimento al 29% per combattere l’inflazione e sostenere la sua valuta in difficoltà.

  • Mercoledì, i politici del Mozambico si stanno preparando a tagliare i costi di finanziamento, e si prevede che la crescita dei prezzi al consumo rimarrà a una cifra per il resto dell’anno.

  • Giovedì – un giorno dopo le elezioni in cui l’African National Congress al potere rischia di perdere la maggioranza – i funzionari monetari del Sud Africa dovrebbero mantenere il tasso di interesse chiave all’8,25%, con l’inflazione che deve ancora tornare al punto medio del 4,5% dell’intervallo obiettivo. .

READ  Mercato azionario oggi: aggiornamenti in tempo reale

America Latina

La prossima settimana, il Brasile annuncerà la lettura di metà mese del suo indice dei prezzi al consumo di riferimento insieme alla lettura di maggio della misura più ampia dell’inflazione.

La combinazione tra la rigidità del mercato del lavoro brasiliano e l’indebolimento della valuta limiterà probabilmente la possibilità di un’ulteriore decelerazione dell’inflazione rispetto ai livelli attuali, con un’inflazione già vicina alle aspettative di consenso di fine anno.

L’indice dei prezzi IPCA-15 è sceso sotto il 4% il mese scorso dopo essere balzato di oltre il 5% a settembre, appena due mesi dopo aver raggiunto il 3,19%, al di sotto dell’obiettivo della banca centrale per il 2023.

Sempre in Brasile, la banca centrale pubblica lunedì il suo sondaggio settimanale tra gli economisti, con le aspettative di inflazione e le aspettative sui tassi di interesse in aumento, insieme alla disoccupazione nazionale, ai prestiti totali in essere e ai saldi di bilancio.

Il Cile pubblica sei indicatori separati per aprile, in particolare disoccupazione, vendite al dettaglio, produzione industriale e produzione di rame.

Il programma leggero del Messico sarà dominato dalla pubblicazione da parte della banca centrale del suo rapporto trimestrale sull’inflazione, seguita da una conferenza stampa ospitata dal governatore Victoria Rodriguez.

Banxico all’inizio di questo mese ha alzato le sue previsioni di inflazione per il terzo trimestre del 2025, mentre il rapporto di mercoledì rivelerà la previsione rivista del PIL della banca.

I dati sul mercato del lavoro messicano per aprile saranno pubblicati giovedì. I primi consenso vedono il tasso di disoccupazione in aumento dal minimo storico del 2,28% registrato a marzo.

–Con l’assistenza di Robert Jameson, Piotr Skolimowski, Monique Vanek e Laura Dillon Kane.

(Aggiornamenti con Israele nella sezione Europa, Medio Oriente e Africa)

I più letti da Bloomberg Businessweek

©2024 Bloomberg L.P

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto