I dinosauri dovevano essere abbastanza freddi perché il loro sangue caldo avesse importanza

Ingrandire / Successivamente, i teropodi ebbero molteplici adattamenti a diverse temperature.

Un tempo si pensava che i dinosauri fossero a sangue freddo o ectotermici, un’idea che ha senso dato che erano rettili. Sebbene gli scienziati abbiano già scoperto prove dell’esistenza di specie di dinosauri a sangue caldo, ciò che avrebbe potuto portare a questo adattamento è rimasto sconosciuto. Un team di ricercatori ritiene ora che i dinosauri, che già avevano una certa capacità di tollerare il freddo, abbiano sviluppato adattamenti endotermici o a sangue caldo quando migrarono verso aree con temperature più fredde. Credono anche di aver trovato una possibile ragione per la fuga.

Utilizzando i reperti fossili del Mesozoico, gli alberi evolutivi, i modelli climatici e la geografia, oltre a prendere in considerazione un drammatico evento di cambiamento climatico che ha causato il riscaldamento globale, il team ha scoperto che i teropodi (predatori e antenati di uccelli come Velociraptor e Tyrannosaurus rex) e gli ornitischi (come il triceratopo e lo stegosauro) devono essersi fatti strada verso le regioni fredde durante il Giurassico inferiore. Si ritiene che le basse temperature abbiano portato alla selezione di specie parzialmente adattate al calore interno.

“La precoce conquista di grandi nicchie… [suggests] Una prima indagine sulla fisiologia isotermica (possibilmente endotermica) in [certain species]I ricercatori hanno affermato in uno studio pubblicato dal quotidiano britannico “Daily Mail”: “Che ha permesso loro di colonizzare e continuare anche a latitudini estreme fin dal Giurassico inferiore”. Stare Recentemente pubblicato su Current Biology.

Immobiliare caldo

Durante l’era mesozoica, che durò da 230 a 66 milioni di anni fa, i dinosauri primitivi conosciuti come tirannosauridi iniziarono a diversificarsi in climi caldi e secchi. I primi sauropodi, ornitischi e teropodi tendevano tutti a sopravvivere in queste aree.

READ  Justin Klontz, un giardiniere della Carolina del Nord, ha scoperto un misterioso detrito spaziale lungo un sentiero vicino al Glamping Collective.

I sauropodi (come Brontosaurus e Diplodocus) sarebbero diventati gli unici gruppi di dinosauri ad essere termofili: i reperti fossili mostrano che i sauropodi tendevano a sopravvivere nelle regioni più calde, anche se c’era meno cibo. Ciò indica la necessità di luce solare e calore associati al calore esterno. Potrebbero essere stati in grado di sopravvivere a temperature più fredde, ma secondo un’ipotesi non erano abbastanza adattati per sopravvivere a lungo.

È anche possibile che vivere in regioni più fredde significasse molta competizione con altri tipi di dinosauri, poiché i teropodi e gli ornitischi finirono per spostarsi in queste regioni più fredde.

Quasi la fine del mondo

Lungi dalle opportunità ambientali che avrebbero potuto attrarre i dinosauri verso le regioni più fredde, probabilmente venivano tenuti lontani dalle regioni più calde. Circa 183 milioni di anni fa, si verificò un’interruzione del ciclo del carbonio, insieme a un’intensa attività vulcanica che emise enormi quantità di metano, anidride solforosa e mercurio. La vita sulla Terra soffriva di caldo torrido, piogge acide e incendi boschivi. conosciuto come Evento Jenkins del Giurassico inizialeI ricercatori ora credono che questi disturbi abbiano spinto i dinosauri teropodi e ornitischi verso climi più freddi perché le temperature nelle regioni più calde superavano le temperature ideali per la loro sopravvivenza.

I teropodi e gli ornitischi sopravvissuti agli impatti dell’evento Jenkins potrebbero aver avuto un importante adattamento ai climi freddi; Ora si ritiene che molti dinosauri di questi gruppi fossero ricoperti di piume. Le piume potrebbero essere utilizzate per intrappolare e rilasciare calore, consentendo ai dinosauri piumati di regolare la temperatura corporea in climi più diversi. Gli uccelli moderni usano le loro piume allo stesso modo.

READ  È stata osservata la prova di una nuova particella subatomica

Le specie di dinosauri con piume o strutture speciali che miglioravano la gestione del calore avrebbero potuto essere endotermiche, nel senso che erano in grado di mantenere la temperatura corporea attraverso l’attività metabolica o addirittura endotermica.

A parte i dinosauri che migrarono ad alte latitudini e si adattarono a temperature più basse, gli endotermi potrebbero aver dato origine a nuove specie e lignaggi di dinosauri. Potrebbe aver contribuito all’emergere di Avialae, il clade che comprende gli uccelli – gli unici veri dinosauri ancora esistenti – risalenti ai loro primi antenati.

“[Our findings] “Fornisce nuove informazioni sull’origine degli endotermi aviari, suggerendo che questo percorso evolutivo all’interno dei teropodi… potrebbe essere iniziato nell’ultimo periodo del Giurassico inferiore”, hanno affermato i ricercatori nello stesso articolo. Stare.

Questo è davvero qualcosa a cui pensare la prossima volta che un uccello vola.

Biologia attuale, 2024. DOI: 10.1016/j.cub.2024.04.051

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto