Dicembre 9, 2022

Napoli Calcio Mania

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più sul Napoli Calcio Mania

I mercati globali inciampano e i prezzi del petrolio salgono bruscamente con l’attacco russo all’Ucraina

I mercati globali inciampano e i prezzi del petrolio salgono bruscamente con l'attacco russo all'Ucraina

I mercati statunitensi hanno prestato attenzione all’apertura, poiché i tre principali indici sono scivolati in territorio di correzione. Poco dopo la campana di apertura, il Dow Jones Industrial Average è sceso di circa 750 punti, ovvero del 2,25%. L’S&P 500 è sceso del 2,3%. Il Nasdaq, pesantemente tecnologico, è in calo del 2,5%, in un mercato ribassista, definito come un calo del 20% o più da un recente massimo.

Dan Ives, amministratore delegato di Wedbush Securities, ha affermato che è probabile che i nomi della tecnologia vedranno “grande dolore” poiché le crescenti tensioni spingono gli investitori a cercare asset più sicuri.

Nei commenti inviati giovedì via email a The Post, Ives ha affermato che il danno sarebbe “difficile per gli investitori tecnologici che stanno già lottando per assorbirlo”:

Sebbene l’incursione russa sia appena iniziata, giovedì le indicazioni – compresi gli attacchi attraverso l’Ucraina – indicano che un’offensiva militare su larga scala porterebbe a severe sanzioni statunitensi e dell’Unione europea, danneggiando non solo l’economia russa, ma il mondo intero. . I consumatori di tutto il mondo stanno già affrontando massicci aumenti dei prezzi legati all’iperinflazione e ai turbolenti mercati dell’energia, ed è probabile che le difficoltà si intensifichino.

La Russia è una fonte dominante di gas naturale e petrolio, in particolare per l’Europa, e alcune delle sue forniture passano attraverso un gasdotto attraverso l’Ucraina. Il prezzo del greggio Brent, il benchmark globale, è aumentato del 7,9% a quasi $ 101,50 al barile – la prima volta è stato a tre cifre dal 2014 – mentre il petrolio statunitense è balzato dell’8,3% a $ 99,70.

READ  Volo American Airlines dirottato su Kansas City per "passeggero cattivo"

La media nazionale per un gallone di benzina giovedì era di $ 3,54, secondo AAA, rispetto a $ 3,33 solo un mese fa. Un anno fa, quando l’epidemia era ancora in gran parte in calo, la media nazionale era di soli $ 2,66.

Anche i prezzi standard di alluminio, nichel e grano e mais (altre esportazioni da Russia e Ucraina) sono saliti ai massimi pluriennali.

La Russia ha avvertito che gli americani sentiranno pienamente le “conseguenze” delle sanzioni annunciate dal presidente Biden all’inizio di questa settimana. Biden ha riconosciuto che la crisi potrebbe portare a un aumento dei prezzi della benzina, mentre le società statunitensi sono state avvertite di prepararsi a potenziali attacchi informatici. Biden ha detto che giovedì saranno annunciate più “gravi sanzioni” sulla scia dell’invasione.

I mercati odiano l’incertezza e l’attacco arriva in un momento in cui l’economia globale è già alle prese con sfide legate alla pandemia sotto forma di un rally inflazione economicadisordinato catene di approvvigionamento e una carenza di posti di lavoro.

“Il sentimento degli investitori era già fragile a causa dell’aumento dell’inflazione e della tendenza al rialzo dei tassi di interesse, ma è probabile che la conferma della guerra e i titoli preoccupanti associati in tutto il mondo vedranno i mercati azionari attraversare un periodo difficile più a lungo di quanto le persone potrebbero altrimenti sta attraversando”, ha affermato Ross Mold, chief investment officer di AJ Bell. , giovedì nei commenti via e-mail a The Post.

Gli investitori sono fuggiti verso asset più sicuri, portando il rendimento dei Treasury statunitensi a 10 anni in forte calo all’1,865%. L’oro, un’esportazione russa e un rifugio sicuro per gli investitori, è aumentato di quasi il 3% per scambiare circa $ 1,65 l’oncia.

READ  Il petrolio si stabilizza dopo le oscillazioni con la crisi ucraina, pesano i colloqui sul nucleare iraniano

Nonostante l’immediata reazione finanziaria di giovedì, nessun paese ha subito perdite maggiori di quelle russe, il cui principale indice del mercato azionario è sceso di quasi il 45% nelle prime ore di giovedì, toccando il livello più basso dal 2016. Le negoziazioni sono state sospese brevemente in una caduta libera. Il rublo è sceso al punto più debole negli ultimi 10 anni, dando ai russi meno potere di spesa quando viaggiano all’estero.

I prezzi del petrolio sono aumentati di oltre il 40% da dicembre, in parte influenzati dalle speculazioni secondo cui Putin potrebbe lanciare un’offensiva mentre la Russia raduna le forze su tre lati dell’Ucraina.

Dopo l’invasione russa della Crimea nel 2014, la dipendenza dell’Europa dall’energia russa ha impedito al blocco di imporre alcune sanzioni che entrambe le parti subiscono. Ma questa volta è probabile che i leader europei concordino sul fatto che è necessaria una risposta più incisiva ed elaboreranno piani per svezzarsi dalla dipendenza dal petrolio e dal gas russi.

Ciò include, immediatamente, la sospensione del gasdotto Nord Stream 2 tra Germania e Russia. Ma qualsiasi nuova strategia energetica richiederà sicuramente anni e andrà a scapito di enormi contribuenti.

L’analisi della scorsa settimana della banca britannica Barclays ha indicato che l’Europa farà fatica a “sostituire grandi quantità di petrolio e gas russi con fonti di energia alternative in altri paesi, soprattutto in un breve periodo di tempo”. L’analisi della banca ha affermato che ciò potrebbe portare al razionamento, aumentare i prezzi e infine ridurre la crescita del PIL.

Alcune di queste preoccupazioni erano evidenti nel mercato azionario giovedì, con il DAX tedesco in calo più marcato della maggior parte, con un calo del 4,5% entro mezzogiorno. L’indice ha perso più del 14% del suo valore dall’inizio di gennaio.

READ  Cinque nuovi titoli pubblici possono essere ottime aggiunte al tuo portafoglio

La Commissione Europea, Ursula von der Leyen, ha detto che il blocco di 27 nazioni si riunirà più tardi giovedì per discutere di nuove sanzioni. Ha affermato che le misure indebolirebbero la base economica della Russia e la “capacità di modernizzarsi” congelando i beni del paese nell’Unione europea e interrompendo il suo accesso al mercato finanziario europeo.