Il molo di Gaza dell’esercito americano è stato riparato e ricollegato alla spiaggia

Tecnologie Maxar

Un’immagine satellitare di Maxar Technologies, scattata martedì 28 maggio, mostra che gran parte del bacino galleggiante è mancante.



CNN

IL Dock temporaneo dell’esercito americano Il vice comandante del comando centrale degli Stati Uniti ha detto venerdì che la nave è stata riparata al largo della costa di Gaza e riattaccata a riva venerdì mattina, dopo che si era rotta e aveva subito danni a causa del mare agitato la scorsa settimana.

“Sono molto lieto di annunciare che questa mattina presto, a Gaza, le forze statunitensi hanno collegato con successo il molo temporaneo alla spiaggia di Gaza”, ha affermato il vice ammiraglio Brad Cooper ha detto ai giornalisti venerdì: “La politica di non avere forze americane sul terreno rimane in vigore. Ci aspettiamo la ripresa delle consegne di aiuti umanitari dal mare nei prossimi giorni.

Venerdì scorso, un funzionario della difesa statunitense aveva affermato che il molo, creato dalle forze armate statunitensi per trasportare gli aiuti a Gaza, avrebbe dovuto riprendere le operazioni venerdì e la distribuzione degli aiuti il ​​giorno successivo, supponendo che tutto andasse come previsto.

“Ci aspettiamo che il nostro obiettivo sia inizialmente di £ 500.000 onshore per poi aumentarlo poco dopo”, ha aggiunto Cooper.

Un portavoce dell’USAID ha detto venerdì che l’agenzia “rimane in stretto contatto con i nostri colleghi di tutto il governo degli Stati Uniti e con i partner umanitari sul campo per garantire che gli aiuti ai movimenti possano riprendere in modo sicuro ed efficace, cosa che ci aspettiamo nei prossimi giorni”.

Il molo è crollato ed è stato danneggiato dal mare agitato la scorsa settimana, infliggendo un duro colpo agli sforzi guidati dagli Stati Uniti per stabilire un corridoio marittimo per le forniture umanitarie all’enclave devastata dalla guerra.

READ  La Germania aiuta a evacuare gli orfani di Gaza da Rafah alla Cisgiordania

IL Il marciapiede è il risultato Dopo mesi di lavoro da parte dei funzionari statunitensi che cercano di trovare un modo per far arrivare gli aiuti a Gaza, oltre a farli cadere dagli aerei o trasportarli su camion attraverso i checkpoint di frontiera. Sebbene sia operativo solo da circa una settimana, il molo ha contribuito a consegnare circa 1.000 aiuti a Gaza. Tonnellate di aiuti a Gaza prima che si disintegri.

Il molo temporaneo, denominato Joint Logistics Overshore (JLOTS), richiede ottime condizioni del mare per il suo funzionamento. Si prevedeva un costo di circa 320 milioni di dollari ed è stato commissionato solo il 17 maggio. Da allora i funzionari hanno affermato che il costo si avvicina ora ai 230 milioni di dollari.

Cooper ha sottolineato venerdì che il danno al molo è stato causato “esclusivamente da condizioni meteorologiche imprevedibili” e che l’esercito continuerà a monitorare attentamente il tempo in futuro.

Il sistema JLOTS è composto da due parti: il bacino galleggiante dove verranno scaricate le spedizioni e il ponte per trasportare le spedizioni al punto di distribuzione a Gaza.

Il danno è arrivato la settimana scorsa Grandi ostacoli Sulle rotte di distribuzione, compresi i droni di Hamas e i saccheggi che hanno ritardato le consegne. Di conseguenza, l’esercito americano ha dovuto aiutare l’USAID a trovare percorsi alternativi e più sicuri per i camion che lasciavano l’area di sosta sulla spiaggia vicino al molo e si dirigevano verso i magazzini.

Prima di ciò, gli Stati Uniti avevano affrontato Una serie di sfide e il molo, inclusa la pianificazione delle operazioni israeliane a Rafah; Determinare chi trasporterà gli aiuti dal molo a Gaza; E sfide logistiche come le condizioni del mare e del tempo.

READ  Sadiq Khan ha vinto il terzo mandato come sindaco di Londra, coronando l'ottima performance dei laburisti alle elezioni locali inglesi.

La costruzione del molo avviene alla luce del deterioramento della situazione umanitaria a Gaza e del crescente numero di vittime a causa dei bombardamenti israeliani. A Gaza l’intera popolazione si trova ad affrontare l’insicurezza alimentare.

Cooper ha detto venerdì che gli Stati Uniti hanno condotto una serie di lanci umanitari a Gaza in collaborazione con la Royal Jordanian Air Force, sebbene siano stati sospesi nelle ultime settimane a causa delle operazioni militari nel nord di Gaza. Ha aggiunto che le operazioni di lancio dovrebbero riprendere “nei prossimi giorni”.

Un portavoce dell’USAID ha affermato che il corridoio marittimo è “solo uno dei numerosi punti di ingresso per gli aiuti salvavita che arrivano a Gaza, compresi i valichi terrestri vitali”.

“Continuiamo a fare pressione affinché tutti i punti di ingresso a Gaza rimangano prevedibilmente operativi alla massima capacità e per migliorare l’accesso interno in modo che gli aiuti possano raggiungere le persone che ne hanno più bisogno”, ha detto il portavoce.

Oltre al cibo, Chris Mewett, vice segretario aggiunto alla Difesa per le partnership globali, ha detto venerdì ai giornalisti che ci sono altre forme di aiuti consegnati via porto.

“Penso che tutti si rendano conto che il cibo è solo una delle componenti: alloggio, assistenza medica, ecc.”, ha detto Moyet.

Funzionari statunitensi avevano precedentemente detto alla CNN che l’esercito americano era presente Probabilmente funzionerà Il molo durerà almeno tre mesi, ma l’obiettivo finale è trasformarlo in un’operazione commerciale a tempo pieno che possa essere utilizzata da altri paesi e ONG.

Questa storia è stata aggiornata con ulteriori segnalazioni.

Shania Shelton, Jennifer Hansler, Oren Lieberman, Alex Marquardt, Hailey Britsky, Kylie Atwood, Michael Conti e Helen Regan della CNN hanno contribuito a questo rapporto.

READ  La battaglia per Mariupol impedisce il salvataggio dei civili intrappolati nel teatro | Ucraina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto