John Calipari del Kentucky affronta la sconfitta del torneo NCAA: “Stiamo tutti soffrendo”

In un'apparizione di un'ora nel suo programma radiofonico settimanale lunedì sera, l'allenatore del Kentucky John Calipari non sembrava un uomo il cui lavoro era in pericolo dopo una quarta stagione consecutiva senza partecipare al secondo fine settimana del torneo NCAA. Tuttavia, sembrava un uomo che si rende conto che i risultati recenti non sono stati abbastanza buoni per il programma Wildcats che ha portato a sette Elite Eight, quattro Final Four e un titolo nazionale nelle sue prime 10 stagioni.

“Lavorerò”, disse Calipari. “Questo è l'impegno che do ai fan. (L'aspettativa) non se ne va mai, ma lo adoro. Questo è quello che voglio. Questo è quello che volevo. Ecco perché non me ne sono mai andato. Ora uniamoci e facciamo qualcosa di speciale . Possiamo farlo. L'ho fatto. Facciamolo.” Di nuovo.”

Ha detto che non ha ancora incontrato il direttore atletico Mitch Barnhart dopo la sconfitta di fine stagione contro la testa di serie n. 14 di Oakland nel primo turno del torneo NCAA la scorsa settimana, ma ha intenzione di farlo già martedì.

“Lo facciamo ogni anno”, ha detto. “Ero sull'aereo (con lui). “Sta soffrendo tanto quanto noi, e non vedo l'ora di sentire i suoi pensieri su come possiamo migliorare.”

Una cosa che Calipari intende discutere con il suo capo è la costruzione del roster. Questa stagione si è basata fortemente su matricole a cinque stelle e una squadra giovane ha lottato per difendere e gestire squadre dure e veterane.

“Avere questo programma nell'ambiente odierno, ora è un po' diverso”, ha detto Calipari. “Come continui a farlo con le matricole – che aspetto devono avere fisicamente – e come effettui alcuni trasferimenti fuori dal cancello? Adoro la combinazione dei due. Dobbiamo solo ottenere il trasferimento giusto che comprenda di cosa si tratta. Dobbiamo continuare ad allenare questi ragazzini.” …Forse dobbiamo usare l'estate in modo un po' diverso, perché dove tutto questo è finito, dobbiamo fare più attività fisica, più tempo in sala pesi .

READ  Risultati, partite e aggiornamenti del torneo NCAA 2024: segui lo streaming live di March Madness sabato

Calipari aveva anche in programma di tenere incontri individuali con i giocatori che “piangevano a dirotto” dopo la sconfitta, prima per confortarli e poi per discutere i loro programmi per la prossima stagione.

“Se qualcuno mi dicesse: 'Torno', direi che tra meno di otto mesi abbiamo la prima partita dell'anno e andiamo”, ha detto. “Perché voglio togliermi questo sapore dalla bocca.”

“La nostra squadra, i giocatori, lo staff, le loro famiglie, stiamo tutti soffrendo”, ha detto Calipari all'apertura dello spettacolo. Il suo telefono è rimasto spento per due giorni dopo lo smarrimento.

Ha detto: “Sto soffrendo per i nostri fan e so che molti fan stanno soffrendo, ma voglio dire che non c'è nessuno che soffre più di me in questo momento”. “Abbiamo uno standard qui. Ho detto all'inizio, non mettono gli striscioni delle Final Four (presso la struttura di allenamento), solo gli striscioni del campionato nazionale. Il mio standard è che stiamo giocando per andare in profondità nel torneo NCAA e competere per i titoli nazionali e vincere titoli nazionali. Volevo questo lavoro sapendo: “È così che vanno le cose. Amavo questo lavoro sapendo che è così. Non ho mai lasciato quel lavoro. Questa è la norma per me”.

Lettura obbligatoria

(Foto: Jordan Prather/USA Today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto