Giugno 29, 2022

Napoli Calcio Mania

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più sul Napoli Calcio Mania

La Cina afferma che gli indirizzi statunitensi hanno utilizzato i loro computer per lanciare attacchi informatici a Russia e Ucraina

La Cina afferma che gli indirizzi statunitensi hanno utilizzato i loro computer per lanciare attacchi informatici a Russia e Ucraina

L’icona di un computer appare su uno schermo sopra la bandiera cinese in questa illustrazione il 12 luglio 2017. Foto: Thomas White/Reuters

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

SHANGHAI (Reuters) – La Cina è stata colpita da continui attacchi informatici da febbraio, poiché ha utilizzato indirizzi Internet statunitensi per impossessarsi dei computer cinesi per prendere di mira Bielorussia, Russia e Ucraina, ha affermato venerdì l’agenzia di stampa Xinhua.

Ha citato il National Computer Network Emergency Response Technical Team/Coordination Center of China (CNCERT/CC), un centro tecnico per la sicurezza informatica che guida gli sforzi per prevenire e rilevare le minacce alla sicurezza informatica nel paese.

“Il monitoraggio condotto da CNCERT/CC ha rilevato che dalla fine di febbraio Internet cinese ha costantemente affrontato attacchi informatici dall’estero. Questi gruppi stranieri hanno attaccato prendendo il controllo dei computer del Paese per effettuare attacchi informatici a Russia, Ucraina e Bielorussia”, il Si dice che il centro abbia detto.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

“Dopo l’analisi, la maggior parte degli indirizzi per questi attacchi proveniva dagli Stati Uniti”, ha aggiunto, aggiungendo che alcuni provenivano da altri paesi come Germania e Paesi Bassi.

Gli attacchi informatici sono stati un importante punto di tensione tra gli Stati Uniti e i suoi alleati e la Cina, con la prima che ha accusato la Cina di condurre una campagna di spionaggio informatico globale.

La Cina afferma di non partecipare ad attacchi informatici, descrivendo tali accuse come “diffamazione dannosa”.

(Segnalazione di Brenda Goh) Montaggio di Christopher Cushing e Kenneth Maxwell

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.