La guerra tra Israele e Hamas: l’esercito americano termina la costruzione di un bacino galleggiante per la Striscia di Gaza

WASHINGTON (AP) – Giovedì l’esercito americano ha terminato l’installazione di un bacino galleggiante per la Striscia di Gaza, mentre i funzionari si preparavano a iniziare a trasportare gli aiuti umanitari di cui c’è assolutamente bisogno nell’enclave assediata da sette mesi di intensi combattimenti nella guerra tra Israele e Hamas.

La costruzione finale, avvenuta durante la notte, segna una consegna complessa più di due mesi dopo che il presidente degli Stati Uniti Joe Biden l’ha ordinata per aiutare i palestinesi ad affrontare la carestia mentre… Cibo e altre forniture non riescono a raggiungere questo obiettivo Mentre Israele ha recentemente sequestrato il principale valico di frontiera di Rafah nel suo attacco alla città meridionale situata al confine egiziano.

irto Sfide logistiche, meteorologiche e di sicurezzaLa rotta marittima è progettata per aumentare la quantità di aiuti che entrano nella Striscia di Gaza, ma non può sostituire le consegne via terra, molto più economiche, che le agenzie umanitarie ritengono più sostenibili. Le navi cariche di aiuti verranno depositate in un porto costruito dagli israeliani appena a sud-ovest di Gaza City È distribuito dai gruppi di soccorso.

Violenti scontri tra forze israeliane e militanti palestinesi alla periferia di Gaza City Rafa Funzionari delle Nazioni Unite affermano che la Striscia ha provocato lo sfollamento di circa 600.000 persone, ovvero un quarto della popolazione di Gaza. Altri 100.000 civili sono fuggiti da parti del nord di Gaza dopo che l’esercito israeliano ha ripreso le operazioni di combattimento nella zona.

Funzionari del Pentagono hanno affermato che i combattimenti a Gaza non minacciano la nuova area costiera di distribuzione degli aiuti, ma hanno chiarito che le condizioni di sicurezza saranno attentamente monitorate e potrebbero portare alla chiusura della rotta marittima, anche se temporaneamente. In effetti, il sito è stato preso di mira da colpi di mortaio durante la sua costruzione, e Hamas ha minacciato di prendere di mira qualsiasi forza straniera che “occupa” la Striscia di Gaza.

READ  Aggiornamenti in tempo reale: la Russia invade l'Ucraina

“Proteggere le forze statunitensi partecipanti è una priorità assoluta. Pertanto, nelle ultime settimane, gli Stati Uniti e Israele hanno sviluppato un piano di sicurezza integrato per proteggere tutto il personale”, ha affermato il vice ammiraglio della Marina Brad Cooper, vice comandante delle forze armate statunitensi. Comando centrale: “Siamo fiduciosi nella capacità di questo accordo di sicurezza di proteggere le persone coinvolte”.

Il Comando Centrale dell’Esercito ha affermato che le forze americane hanno stabilizzato il molo giovedì alle 7:40 ora locale, sottolineando che nessuna delle sue forze è entrata nella Striscia di Gaza né è entrata durante le operazioni del molo.

Il comando ha dichiarato: “Si prevede che i camion che trasportano aiuti umanitari inizieranno a spostarsi verso la spiaggia nei prossimi giorni”. Ha aggiunto che le Nazioni Unite riceveranno gli aiuti e ne coordineranno la distribuzione a Gaza.

Non è stato immediatamente chiaro quale agenzia delle Nazioni Unite avrebbe partecipato.

Le forze israeliane saranno responsabili della sicurezza a terra, ma ci sono anche due navi da guerra della Marina statunitense vicino all’area del Mediterraneo orientale, la USS Arleigh Burke e la USS Paul Ignatius. Entrambe le navi sono cacciatorpediniere dotate di un’ampia gamma di armi e capacità per proteggere le forze americane al largo e gli alleati a terra.

Il portavoce militare israeliano, il tenente colonnello Nadav Shoshani, ha confermato che il molo era stato collegato e che le unità del genio israeliano avevano livellato il terreno intorno all’area e asfaltato le strade per i camion.

Shoshani ha dichiarato: “Abbiamo lavorato per mesi per cooperare pienamente con (l’esercito americano) su questo progetto e per facilitarlo e sostenerlo in ogni modo possibile”. “È una priorità assoluta nella nostra attività.”

Le agenzie umanitarie affermano che il cibo sta finendo nel sud di Gaza e il carburante sta finendo, il che costringerà gli ospedali a sospendere le operazioni vitali e a chiudere. Smettere di consegnare aiuti tramite camion. Le Nazioni Unite e altri organismi avvertono da settimane che qualsiasi attacco israeliano a Rafah paralizzerebbe le operazioni umanitarie e causerebbe un catastrofico aumento delle vittime civili.

READ  Incendio di Copenhagen: La vecchia borsa valori in Danimarca prende fuoco

più di 1,4 milioni di palestinesi – metà della popolazione di Gaza – La maggior parte di loro si è rifugiata a Rafah dopo essere fuggiti dagli attacchi israeliani altrove.

La prima nave mercantile che trasportava 475 pallet di cibo ha lasciato Cipro la settimana scorsa per incontrare la nave militare statunitense Roy B. Benavidez, al largo delle coste di Gaza. I pallet degli aiuti a bordo della MV Sagamore sono stati trasferiti a Benavidez. Il Pentagono ha affermato che lo spostamento degli aiuti tra le navi è stato uno sforzo per essere pronti in modo che potessero fluire rapidamente una volta che il molo e il ponte fossero stati stabiliti.

L’installazione del molo a diverse miglia (chilometri) dalla costa e del ponte, che ora è collegato alla spiaggia, è stata ritardata di circa due settimane a causa del maltempo. Funzionari statunitensi hanno affermato che le condizioni del mare rendevano troppo pericoloso per le forze statunitensi e israeliane mettere in sicurezza il ponte che conduce alla spiaggia.

I comandanti militari hanno affermato che la consegna degli aiuti inizierà lentamente per garantire il funzionamento del sistema. Inizieranno con circa 90 camion carichi di aiuti al giorno via mare, e questo numero salirà rapidamente a circa 150 al giorno. Ma le agenzie umanitarie affermano che ciò non è sufficiente per scongiurare l’incombente della carestia a Gaza e dovrebbe essere solo una parte di un più ampio sforzo israeliano per aprire corridoi terrestri.

Scott Ball, direttore associato dell’organizzazione umanitaria Oxfam, ha affermato che poiché i valichi terrestri potrebbero portare tutti gli aiuti necessari se i funzionari israeliani lo consentissero, il molo e la rotta marittima costruiti dagli Stati Uniti “sono una soluzione a un problema che non esiste”. organizzato.

READ  Gruppo identitario di estrema destra espulso dall'AfD - Politico

Biden ha usato il suo Stato dell’Unione consegnato Il 7 marzo, all’esercito è stato ordinato di allestire un molo temporaneo al largo della costa di Gaza e di stabilire una rotta marittima per consegnare cibo e altri aiuti. Le spedizioni di cibo sono state sostenute ai valichi di terra tra le restrizioni israeliane e l’intensificarsi dei combattimenti.

Secondo la nuova rotta marittima, gli aiuti umanitari verranno sbarcati a Cipro dove saranno sottoposti a ispezione e screening di sicurezza nel porto di Larnaca. Vengono poi caricati sulle navi – principalmente navi commerciali – e trasportati per circa 200 miglia (320 chilometri) fino a un grande bacino galleggiante costruito dalle forze armate statunitensi al largo della costa di Gaza.

Lì, i pallet vengono trasferiti su camion, trasferiti su imbarcazioni militari più piccole e poi trasportati per diverse miglia (chilometri) fino al ponte galleggiante, che è stato installato sulla riva dall’esercito israeliano. Camion in fase di realizzazione Guidato da dipendenti di un altro paeseScenderanno dal ponte fino a un’area sicura a terra dove verranno consegnati gli aiuti, quindi si gireranno immediatamente e torneranno alle barche.

I gruppi umanitari raccoglieranno provviste da distribuire sulla spiaggia, mentre le Nazioni Unite collaboreranno con l’USAID per allestire un centro logistico sulla spiaggia.

Sabrina Singh, portavoce del Pentagono, ha detto ai giornalisti: Il progetto costerà almeno 320 milioni di dollariCompreso il trasferimento di attrezzature e parti portuali dagli Stati Uniti alla costa di Gaza, oltre alle operazioni di costruzione e alla consegna di aiuti.

___

Hanno contribuito a questo rapporto gli scrittori dell’Associated Press Jon Gambrell a Dubai, Emirati Arabi Uniti, e Julia Frankel a Tel Aviv, Israele.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto