La precisione e l’aura di Caleb Williams brillano nel primo giorno del minicamp dei Bears – NBC Sports Chicago

LAKE FOREST, Illinois – Il primo giorno della prossima era del calcio dei Bears è arrivato ufficialmente venerdì quando il quarterback Caleb Williams e il wide receiver Roma Udonze sono scesi in campo all’Halas Hall nel primo giorno del rookie minicamp.

Williams e Udunze hanno già iniziato a costruire la loro chimica fuori dal campus, ma si spera che il lavoro iniziato venerdì acceleri un legame che i Bears sperano possa essere la spina dorsale di un’era di cambiamento narrativo.

“Ci sono sicuramente cose che puoi costruire nel rapporto tra lui e me”, ha detto Udunze riguardo a quanto sia stato importante il minicamp di due giorni per lui e Williams. “Ma quando guardi l’attacco nel suo insieme, è una combinazione e frammenti che impari insieme e comunichi insieme. Come wide receiver e quarterback, ovviamente, possiamo uscire e costruire chimica nel tempismo. Lui può vedere dove vuole lanciare la palla in base alla velocità del mio percorso e alle diverse cose che faccio.” “C’è quando si tratta di attaccare, ed è per questo che siamo qui oggi.”

Non c’è molto da imparare dall’allenamento di Mayo in pantaloncini corti contro una difesa composta da esordienti non scelti che sperano di dimostrare il proprio valore e guadagnare un invito al training camp.

Ma Williams e Udunze sono apparsi venerdì alla Halas Hall. Williams è stato puntuale e preciso in quasi tutti i passaggi durante la parte 7 contro 7 della giornata. Ciò includeva otto completamenti per Odunze, che si è mosso in tutto il campo durante il primo giorno del minicamp rookie.

Anche gli attori non impeccabili hanno lavorato a vantaggio del nuovo duo.

READ  ESPN presenta in esclusiva le Men's College World Series 2024, dal 14 al 24 giugno

Ad un certo punto durante un allungamento 7 contro 7, Odunze ha subito un fallo all’uscita della sua pausa, costringendo Williams a uscire dalla tasca e guadagnare tempo prima di batterlo lungo la linea laterale per un guadagno di 18-20 yard. Era il tipo di regia fuori copione di Williams e pubblicità divertenti di Odunze che i Bears sperano di vedere la domenica, anche se non dovrebbe essere mostrato in azione 7 contro 7.

I due debuttanti dei Bears hanno parlato brevemente dopo il resoconto del percorso e dei tempi prima di tornare a una solida giornata di continuo lavoro di precisione per la Williams.

Quel giorno, Williams ha avuto solo tre incompletezze. Il primo è stato un touchdown del tight end Brendan Betts in appartamento. La seconda è stata una palla lanciata in alto e davanti a Peter LeBlanc. L’incompletezza finale è stata il prodotto di una bellissima giocata del cornerback Leon Jones, che ha reagito rapidamente rompendo la palla veloce a sinistra.

Williams ha rotto la riunione con “Bear Down!” Per finire l’allenamento e andare direttamente al lavoro lanciando percorsi al ricevitore largo non pescato John Jackson, che è ad Halas per una prova.

Il quarterback esordiente non scelto nel draft Austin Reed si è allenato con la Williams in offseason e ha visto in prima persona il lavoro svolto dalla scelta numero 1 in assoluto per realizzare il suo potenziale da star.

“Penso che chiunque abbia un cervello sappia che questo ragazzo viene etichettato come una prospettiva generazionale e non credo che se ne vergogni”, ha detto Reed. “Penso che capisca il lavoro che ci vorrà per diventarlo invece di pensare semplicemente che lo è già. Rispetto il fatto che si comporti in quel modo e che stia davvero dicendo: “Vado a fare soldi”. con quell’etichetta’, invece di pensare semplicemente di essere quello.”

READ  "Sono pieno", ha detto Aaron Donald a Sean McVay dopo la sconfitta nei playoff.

Si prevede che l’arrivo di Williams darà una scossa alle cose per un franchise che ha trascorso quattro decenni vagando nel deserto dei quarterback.

È un arrivo che comincia già a lasciare il segno nell’edificio.

“Il suo personaggio inizia [it]”La sua luce viene dall’interno”, ha detto Eberflus dell’aura di Williams. Puoi sicuramente sentire questa energia. È un uomo 1+1 uguale 3. È un filantropo. È un uomo che tira fuori il meglio dalle persone. “Puoi sicuramente sentirlo entro cinque minuti dall’incontro con lui.”

L’era di Caleb Williams è iniziata sul serio venerdì alla Halas Hall. Il quarterback esordiente dei Bears non ha fatto nulla di sorprendente. Non ci sono stati lanci speciali o momenti “wow”. Perché dovrebbe essere lì?

Non era altro che precisione e precisione, e Caleb Williams ha fatto il primo passo nel suo viaggio verso la NFL, un passo che spera lo condurrà sulla strada verso “l’immortalità”.

Ma questa è una lunga strada. Anche se Williams ha grandi visioni, la sua attenzione rimane sul piccolo passo che verrà dopo.

“Ovviamente hai degli obiettivi che ti sei prefissato in questo momento, e hai anche obiettivi che ti sei prefissato per il futuro”, ha detto Williams. “Quindi questo è importante. Ma anche capire il momento in cui ci troviamo ed essere presenti in quel momento è davvero importante. Direi che fare un passo alla volta, affrontarlo nel modo in cui dovrebbe essere gestito, ed essere professionali è davvero importante. Davvero importante. Tutti questi vanno in Uno.”

Sabato il secondo passo.

Clicca qui per seguire il podcast di Under Center.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto