La scoperta di un nuovo pianeta delle dimensioni della Terra in orbita attorno a una stella che vivrà 100 miliardi di anni

Un team internazionale ha scoperto un pianeta delle dimensioni della Terra in orbita attorno a una nana rossa dalla lunga vita, fornendo informazioni uniche su mondi potenzialmente abitabili. Credito: SciTechDaily.com

Utilizzando i telescopi robotici internazionali, i ricercatori hanno scoperto un pianeta delle dimensioni della Terra, SPECULOOS-3 b, in orbita attorno a una nana rossa ultrafredda all’interno della galassia. via Lattea. Il pianeta, che è bloccato dalle maree e probabilmente privo di atmosfera a causa delle intense radiazioni, offre nuove informazioni sulle nane rosse a lunga vita, che si prevede siano tra le ultime stelle ardenti nell’universo.

La nostra galassia è un tesoro di stelle rosse. Infatti, più del 70% delle stelle della Via Lattea sono nane M, conosciute anche come nane rosse. Queste stelle sono fredde e fioche rispetto al nostro Sole, ma spesso colpiscono gli esopianeti attorno ai quali orbitano con radiazioni ad alta energia, soprattutto all’inizio della loro vita. E quella “vita” dura per sempre lungo tempo. Stelle come il nostro Sole bruciano per circa 10 miliardi di anni prima di trasformarsi in giganti rosse affamate che divorano tutti i pianeti troppo vicini. I nani M continuano a bruciare per 100 miliardi di anni o più, forse fornendo un punto d’appoggio per la vita e una finestra più lunga affinché la vita possa evolversi.

Un team internazionale che utilizza telescopi robotici in tutto il mondo ha recentemente scoperto un pianeta delle dimensioni della Terra in orbita attorno a una nana rossa ultrafredda, la stella più leggera e longeva tra le stelle. Quando l’universo diventerà freddo e buio, queste saranno le ultime stelle a spegnersi.

Scoperta

IL Pianeta extrasolare SPECULOOS-3 b si trova a circa 55 anni luce dalla Terra (molto vicino se si considera la scala cosmica!) e ha circa le stesse dimensioni. Un anno lì, una rivoluzione attorno alla stella, dura circa 17 ore. Tuttavia, i giorni e le notti potrebbero non finire mai: si pensa che il pianeta sia bloccato in base alle maree, quindi lo stesso lato, noto come lato giorno, è sempre rivolto verso la stella, come la Luna rispetto alla Terra. Il lato notturno sarà sigillato nell’oscurità infinita.

SPECULOOS-3 b orbita attorno alla sua stella

Una rappresentazione artistica dell’esopianeta SPECULOOS-3 b in orbita attorno alla sua stella nana rossa. Il pianeta è grande quanto la Terra, mentre la sua stella è leggermente più grande di Giove, ma molto più massiccia. Credito: Leonel Garcia

Esplorare le nane ultrafredde

Nel nostro angolo di galassia, le stelle nane ultrafredde sono ovunque. Sono così deboli che le loro popolazioni planetarie sono in gran parte inesplorate. Il progetto SPECULOOS (Search for Planets Obscuring Ultracool Stars), guidato da Michael Gillon presso l’Università di Liegi in Belgio, è progettato per cambiare la situazione. Stelle nane ultrafredde punteggiano il cielo, quindi dovrai osservarle una per una, per settimane, per avere buone possibilità di individuare pianeti in transito. Per raggiungere questo obiettivo è necessaria una rete dedicata di telescopi professionali. Questo è il concetto di SPECULOOS.

READ  L'aurora boreale potrebbe apparire su alcune parti degli Stati Uniti venerdì notte: previsioni

“Abbiamo progettato SPECULOOS appositamente per esplorare le vicine stelle nane ultrafredde alla ricerca di pianeti rocciosi”, ha detto Gillon. ”Con il prototipo SPECULOOS e l’assistenza cruciale di NASA Telescopio Spaziale Spitzer, abbiamo scoperto il famoso sistema TRAPPIST-1. È stato un ottimo inizio!

Gillon è l’autore principale dell’articolo che annuncia la scoperta del pianeta, pubblicato il 15 maggio 2024 sulla rivista Astronomia della natura. Il progetto è un impegno veramente internazionale, in collaborazione con le università di Cambridge, Birmingham, Berna, MIT e ETH di Zurigo.

La stella SPECULOOS-3 è migliaia di gradi più fredda del nostro Sole, con una temperatura media di circa 4.760 F (2.627 C), ma colpisce il suo pianeta con radiazioni, il che significa che probabilmente non ha atmosfera.

Vedere una stella, per non parlare di un pianeta, è di per sé un risultato. “Sebbene questa particolare nana rossa sia più di mille volte più debole del Sole, il suo pianeta orbita a una distanza molto più vicina rispetto alla Terra”, ha affermato Katherine Clark, coautrice e ricercatrice post-dottorato presso il Jet Propulsion Laboratory della NASA . Nel sud della California.

Fatti divertenti

  • Sebbene il pianeta sia grande quanto la Terra, la sua stella è leggermente più grande Giove – Ma molto più massiccio.
  • Il pianeta riceve circa 16 volte più energia al secondo di quella che la Terra riceve dal Sole.
  • Hai notato la connessione dei cookie? SPECULOOS Planet Discovery condivide il suo nome con i frollini speziati. Entrambi provengono dal Belgio. dolce!

Prossimi passi

SPECULOOS-3 b è un eccellente candidato per le osservazioni di follow-up con il telescopio spaziale James Webb. Non solo conosceremo la possibilità dell’esistenza di un’atmosfera e di minerali superficiali, ma potrebbe anche aiutarci a comprendere il vicinato stellare e il nostro posto in esso.

READ  Le videocamere 4K di un'azienda britannica sono dirette alla stazione spaziale

“Stiamo facendo grandi passi avanti nel nostro studio dei pianeti che orbitano attorno ad altre stelle. Ora siamo arrivati ​​al punto in cui possiamo rilevare e studiare in dettaglio esopianeti delle dimensioni della Terra”. ha affermato Steve P. Howell, uno degli scopritori di pianeti presso l’Ames Research Center della NASA nella Silicon Valley. Il prossimo passo sarà determinare se qualcuno di essi è abitabile o addirittura abitato.

Per ulteriori informazioni su questa scoperta:

Riferimento: “Scoperta di un esopianeta delle dimensioni della Terra in orbita attorno alla stella nana ultrafredda SPECULOOS-3” di Michael Gillon e Peter B. Pedersen e Benjamin V. Rackham, Georgina Dranfield, Elsa Ducrot, Khaled Al-Barqawi, Artem Burdanov, Urs Schrofenegger, Yelin Gomez Maco-Chiu, Susan M. Lederer, Rui Alonso, Adam J. Burgasser, Steve B. Howell, Norio Narita, Julien de Wit, Brice Olivier Demaury, Didier Queloz, Amaury HMG Triaud, Laetitia Delrez, Emmanuelle Jehin, Matthew J. Hutton, Leonel J. Garcia, Claudia Jano Muñoz, Catriona A. Murray, Francisco J. Pozuelos, Daniel Sebastian, Mathilde Timmermans, Samantha J. Thompson, Sebastian Zuniga Fernandez, Jesús Acetono, Cristian Ajanzi, Pedro J. Amado, Thomas Bycroft, Zuhair Bin Khaldun, David Berardo, Emeline Polmont, Katherine A. Clark, Yasmin T. Davis, Fatima Davoudi, Zoe L. de Bourse, Jerome B. de Leon, Masahiro Ikoma, Kai Ikuta, Keisuke Isogai, Izuru Fukuda e Akihiko. Fukui, Roman Gerasimov, Murat Gashui, Maximilian N. Günther, Samantha Hasler, Yuya Hayashi, Kevin Heng, Renyu Hu, Taiki Kagitani, Yugo Kawai, Kyo Kawauchi, Daniel Kitzmann, Daniel D. B. Cole, Monika Lindell, John H. Livingston, Shentong . Liu, Eric A. Mayer Valdés, Mayuko Mori, James J. McCormack, Felipe Morgas, Prajwal Niraula, Enrique Bali, Elsie Blaucho-Frayne, Rafael Rebollo, Lawrence Sabin, Yannick Schacki, Nicole Schanech, Frank Celces, Alfredo Sotta, Manu Stalbort. , Matteo R. In piedi, Kevan J. Stasson, Motohide Tamura, Yuka Terada, Christopher A. Thiessen, Martin Torbet, Valerie van Grootel, Roberto Varas, Noriharu Watanabe e Francis Zhong Lang, 15 maggio 2024, Astronomia della natura.
doi: 10.1038/s41550-024-02271-2

READ  Il nucleo di Plutone è stato probabilmente creato da un'antica collisione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto