Netiporn “Bung” Sanesangkhom: la morte in custodia dell’attivista tailandese suscita richieste di riforma della giustizia



CNN

Un giovane attivista imprigionato per aver insultato la monarchia thailandese è morto martedì dopo un lungo sciopero della fame, hanno detto i funzionari, scatenando un’ondata di dolore e rinnovate richieste di riforma della giustizia nel regno del sud-est asiatico.

Il servizio carcerario tailandese ha dichiarato in un comunicato che Nitiporn “Pong” Sanisangkhum, 28 anni, è morto dopo aver subito un improvviso arresto cardiaco. L’amministrazione ha affermato che un’équipe medica ha cercato di rianimarla prima di trasportarla all’ospedale universitario Thammasat di Bangkok, ma lei “non ha risposto alle cure”.

Il ministero ha aggiunto che verrà effettuata l’autopsia per determinare la causa della morte.

Nitiporn era un membro del gruppo di protesta Thalo Wang, che spingeva per la riforma della potente monarchia tailandese e la revisione del sistema di governo del paese. Legge rigorosa sulla lesa maestàLe critiche rivolte al re, alla regina o al principe ereditario possono comportare una pena detentiva massima di 15 anni.

Il nome del gruppo si traduce vagamente in “hackerare il palazzo”, in riferimento al suo tentativo di ritenere responsabile la monarchia; Fa campagna elettorale conducendo sondaggi di opinione pubblica che mettono in discussione l’autorità della monarchia.

Netiporn ha preso parte alle proteste nazionali guidate dai giovani nel 2020 che hanno visto milioni di giovani thailandesi scendere nelle strade delle principali città per chiedere riforme costituzionali, democratiche e militari e, per la prima volta, criticare pubblicamente la monarchia e mettere pubblicamente in discussione la sua autorità. E ricchezza.

Secondo il gruppo degli avvocati tailandesi per i diritti umani, è in prigione dal 26 gennaio ed è in attesa di processo.

Durante la detenzione, Nitiporn ha iniziato uno sciopero della fame di 65 giorni fino ad aprile per protestare contro l’incarcerazione di oppositori politici senza cauzione, ha detto il gruppo. Durante questo periodo, è stata trasferita avanti e indietro all’ospedale della prigione a causa del peggioramento delle sue condizioni di salute.

READ  Muore in carcere l'ex gangster nicaraguense che ha aiutato a liberare Daniel Ortega | Nicaragua

Dopo che Nitiporn è stata riportata in prigione il 4 aprile, il servizio carcerario tailandese ha affermato che era in grado di mangiare e bere normalmente, ma era debole e soffriva di arti gonfi e anemia. Il ministero ha affermato che la donna si è rifiutata di assumere “minerali anti-anemia e integratori alimentari”.

Panoramica Wongcha Om/Reuters/Archivio

Nitiporn Sansangkum, al centro, con i membri del gruppo “Bad Student” durante una protesta antigovernativa a Bangkok il 19 settembre 2020.

L’attivista ha dovuto affrontare sette procedimenti penali, tra cui due accuse di lesa maestà. In precedenza aveva trascorso 94 giorni in prigione nel 2022 e aveva intrapreso uno sciopero della fame prima di essere rilasciata su cauzione, che è stata successivamente annullata.

Il caso di lesa maestà è stato avviato contro di lei in relazione a una protesta del 2022 in cui ha spiegato uno striscione in un affollato centro commerciale di Bangkok che diceva: “Il corteo reale ha causato disturbo?”

L’altra accusa di lesa maestà arriva da una protesta simile nel 2022, dove portava un cartello chiedendo al pubblico: “Sei d’accordo sul fatto che il governo permetta al re di usare il potere come vuole?”

In una lettera aperta che Nitiporn ha scritto dal carcere a marzo, ha affermato che crescere come figlia di un giudice le ha fatto capire che “questo paese non esiste per servire la giustizia per i giovani”.

“Non bisogna essere la figlia di un giudice per comprendere la portata del fallimento del sistema giudiziario. Non sono lì per il popolo, sono spudoratamente lì per il potere e per alcuni gruppi di persone in questo paese”, ha affermato scrisse. “Una volta posta la domanda e suonato il corno, vai in prigione.”

La morte di Nitiporn ha scioccato molti nel Paese e ha suscitato rinnovate richieste di riforma del sistema giudiziario, che consente agli attivisti di vedersi negata la cauzione e trattenuti per lunghi periodi prima del processo.

READ  In una rivalità con Putin, il tedesco Schulz mostra uno stile più deciso

“Questo è un scioccante promemoria del fatto che le autorità tailandesi stanno attivamente privando gli attivisti pro-democrazia della loro libertà in un evidente tentativo di mettere a tacere l’espressione pacifica del dissenso. Molti di loro sono attualmente detenuti, e il loro diritto al rilascio temporaneo su cauzione è negato,” Lo afferma Amnesty International in un comunicato.

“Questo tragico incidente dovrebbe servire da campanello d’allarme alle autorità tailandesi affinché ritirino le accuse contro tutti i difensori dei diritti umani e altre persone ingiustamente detenute e li rilascino”.

Martedì sera, i sostenitori hanno tenuto una veglia a lume di candela davanti al tribunale penale nel sud di Bangkok. Tra i presenti c’era Panusaya “Rung” Sithijirawattanakul, un’attivista anch’essa accusata di lesa maestà per la sua partecipazione alle proteste del 2020.

“Sono molto scioccato. Mi chiedo: ‘È davvero morta?’ Non ha ottenuto alcuna giustizia nei suoi casi”, ha detto Panusaya alla CNN mercoledì.

Panusaya ha invitato il governo del primo ministro Sritha Thavisin a rispondere alla sua morte e ha chiesto il rilascio di tutti i prigionieri politici in Thailandia.

“Devono morire più persone prima che te ne importi?” lei chiese.

Mercoledì, Sritha ha descritto la morte di Nitiporn come un “tragico incidente”, aggiungendo di aver ordinato al Ministero della Giustizia tailandese di indagare sulle circostanze dell’accaduto.

“Vorrei esprimere le mie condoglianze alla sua famiglia, sono fiducioso che otterremo giustizia”.

In risposta alla richiesta di rilascio di tutti i prigionieri politici, Strittha ha dichiarato: “Penso che il ministro della Giustizia abbia ascoltato la richiesta e stia lavorando per rivedere l’intero sistema legale. Dobbiamo dare giustizia a tutti”.

Tailandia Ha alcune delle leggi e disposizioni di lesa maestà più severe al mondo per i condannati ai sensi dell’articolo 112 del codice penale del paese e può durare decenni. Erano centinaia di persone Il loro processo negli ultimi anni Tra loro c’era Mongkol Therakhot, che è stato condannato Un record da 50 anni In prigione a gennaio per post sui social ritenuti dannosi per il re.

READ  L'incidente di un elicottero malese uccide 10 membri dell'equipaggio della Marina nella collisione di Lumut

Per anni, Organizzazioni per i diritti umani Gli attivisti per la libertà di espressione hanno affermato che la lesa maestà è stata utilizzata come strumento Strumento politico Per mettere a tacere i critici del governo tailandese.

I gruppi per i diritti umani affermano che il diritto alla libertà di espressione in Thailandia è stato sempre più attaccato a partire dalle proteste del 2020. Nonostante il passaggio da un governo sostenuto dai militari a una leadership civile lo scorso anno, la sorveglianza e le intimidazioni contro attivisti e studenti continuano, secondo Thai Lawyers for. Diritti umani.

Il gruppo di difesa legale ha affermato che dall’inizio di quelle proteste nel luglio 2020 fino al marzo 2024, almeno 1.954 persone sono state perseguite o accusate per aver partecipato a manifestazioni politiche e aver parlato apertamente, 286 dei quali coinvolgevano bambini.

Il gruppo ha aggiunto che almeno 270 persone sono state accusate di lesa maestà durante quel periodo.

“La morte della signora Nitiporn è la prova che i problemi del perseguimento politico e della detenzione degli attivisti democratici, soprattutto nei casi di lesa maestà, sono ancora molto vivi sotto il governo Pheu Thai”, ha affermato Akarachai Chimanikarkati, leader del gruppo di difesa. CNN.

Akarachai ha aggiunto che la morte di Nitiporn arriva mentre la Thailandia è in lizza per un seggio nel Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite e mentre il governo tailandese sta negoziando un accordo di libero scambio con l’Unione europea.

Ha detto: “Il diritto al rilascio su cauzione deve essere concesso ai detenuti politici che non sono stati condannati per alcun crimine con una sentenza definitiva”. “Il prezzo delle libertà fondamentali non dovrebbe essere la loro vita”.

Questa storia è stata aggiornata con ulteriori informazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto