Gennaio 29, 2022

Napoli Calcio Mania

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più sul Napoli Calcio Mania

Novak Djokovic deve dimostrare l’esenzione dalla vaccinazione prima degli Australian Open o tornare a casa

Brisbane, Australia – la sua esenzione medica è stata approvata, Novak Djokovic Potrebbero esserci delle spiegazioni quando verrà a Melbourne per difendere il suo titolo all’Australian Open.

L’eccezione consente al Djokovic di entrare nel torneo indipendentemente dallo stato di vaccino per il Covit-19, che per mesi ha rifiutato di chiarire tra le speculazioni che avrebbe perso il major di apertura della stagione fino a quando non avesse dimostrato di avere due dosi. Un vaccino contro il virus corona.

Questa è una condizione per l’ingresso obbligatorio del governo dello Stato del Victoria per tutti i giocatori, lo staff, i fan e gli ufficiali che entrano a Melbourne Park quando il torneo inizia il 17 gennaio.

Il suo È stato riferito sui social media che stava andando in Australia Ottenere il 21° grande titolo ha suscitato un po’ di dibattito e titoli mercoledì, con i critici che si sono chiesti perché Djokovic fosse esente e i sostenitori che hanno difeso il suo diritto alla privacy.

Il direttore dell’Australian Open Craig Tyley ha sostenuto “pratica e procedura assolutamente corrette” e ha insistito sul fatto che non ci fosse un trattamento speciale per Djokovic.

Solo 26 persone associate al torneo Tennis Grand Slam hanno chiesto le esenzioni e il Daily ha detto che “alcune” – stimate in circa cinque – sono state concesse.

Daily ha osservato che prima che ogni richiesta di esenzione dal vaccino fosse valutata da un gruppo di due esperti indipendenti, i nomi, l’età e la nazionalità dei richiedenti sono stati rivisti per motivi di privacy e Djokovic non aveva l’obbligo di rivelare il motivo della richiesta.

READ  La duchessa Megan del Sussex vince la recente battaglia legale con l'editore Mail on Sunday

Ma ha suggerito che sarebbe “utile” se Djokovic volesse ancora spiegare al pubblico di Melbourne di più sui blocchi e le rigide restrizioni di viaggio imposte per mesi al culmine dell’epidemia.

“Lo incoraggerei a parlarne con la comunità”, ha detto Daily. “Abbiamo attraversato momenti molto difficili negli ultimi due anni”.

Alcuni dei motivi consentiti a chiunque richieda un’esenzione dal vaccino possono includere gravi condizioni mediche gravi, gravi reazioni avverse alla dose precedente del vaccino Kovit-19 o prove di infezione da COVID-19 nei sei mesi precedenti.

“Nessuno riceve o riceve un trattamento speciale per chi è o per ciò che ha raggiunto professionalmente”, ha affermato Jala Bulford, ministro dello sport del Victoria.

“Molti nella comunità vittoriana vedranno questo come un finale deludente, ma il processo è un processo”, ha detto Bullford. “Nessuno ha un trattamento speciale. Il processo è incredibilmente forte”.

Nella tarda serata di mercoledì, c’è stato un ingorgo sullo stato del visto di Djokovic per entrare nel paese.

Il primo ministro australiano Scott Morrison ha inizialmente affermato che la decisione era di competenza del governo del Victoria a Melbourne.

“Hanno fornito [Djokovic] “L’Australia è esente dal venire, quindi lo stiamo rispettando”, ha detto Morrison.

Il ministro dell’Interno Karen Andrews ha chiarito in una dichiarazione che la decisione finale sarebbe stata presa dall’Australian Border Force.

“Il governo del Victoria e il tennis Australia possono consentire ai giocatori non vaccinati di partecipare agli Australian Open e solo il governo del Commonwealth al confine australiano soddisferà le nostre esigenze”, ha affermato Andrews. “Se l’individuo in arrivo non è vaccinato, deve fornire prove accettabili del fatto che potrebbe non essere vaccinato per motivi medici”.

READ  La criptovaluta "squid game" è crollata in una frode da 3 milioni di dollari

Morrison in seguito, quando gli è stato chiesto di Djokovic, ha detto: “Se queste prove non sono sufficienti, non sarà trattato in modo diverso da chiunque altro e tornerà a casa con il prossimo volo”.

“Pertanto, se le esenzioni mediche sono state concesse da professionisti medici e gli sono state concesse come condizione per l’imbarco su quel volo, dovrebbero essere impilate quando arriva in Australia”.

Negli ultimi anni, ha affermato Morrison, ci sono stati numerosi casi in cui le persone hanno dovuto fornire prove adeguate per sostenere le richieste di esenzione medica, “quindi la situazione non è unica”.

Più tardi, il politico vittoriano Pulford ha twittato: “Il governo federale ha chiesto se sosterremo la richiesta di Novak Djokovic di entrare in Australia”.

Ha detto che lo stato non fornirà supporto per le domande personali, aggiungendo in un secondo post: “Siamo sempre chiari su due cose: l’approvazione dei visti è una questione per il governo federale e le esenzioni mediche sono una questione per i medici”.

Djokovic è risultato positivo al coronavirus nel 2020 dopo aver giocato in una serie di competizioni espositive che ha organizzato in Serbia e Croazia senza esclusione sociale nel bel mezzo dell’epidemia.

Il 34enne Djokovic non avrebbe potuto immaginare di finire con meno di una vittoria in un Grande Slam dell’anno solare quando ha perso nella finale degli US Open del 2021. Daniel Medvedev, Potrebbe essersi reinfettato.