Putin afferma che la Russia potrebbe prendere di mira i paesi che forniscono armi all’Ucraina

Mercoledì il presidente russo Vladimir Putin ha avvertito che i paesi occidentali che forniscono all’Ucraina missili a lungo raggio e ne consentono l’uso per attacchi all’interno della Russia è un “passo pericoloso” che potrebbe spingere Mosca a ritorsioni contro obiettivi occidentali.

“Se qualcuno pensa che sia possibile inviare tali armi in una zona di guerra per colpire il nostro territorio e crearci problemi”, ha detto Putin in una conferenza stampa. Conferenza stampa“Allora perché non abbiamo il diritto di inviare le nostre armi della stessa categoria in quelle regioni del mondo dove gli attacchi potrebbero essere diretti contro strutture sensibili appartenenti a paesi che stanno facendo questo contro la Russia?”

Putin ha preso di mira la Germania, affermando che fornire all’Ucraina carri armati è stato un primo colpo alle relazioni russo-tedesche, ma consentirle di utilizzare missili in Russia è stato ancora peggio.

E ha aggiunto: “Ora, quando dicono che appariranno alcuni missili che colpiranno obiettivi sul territorio russo, questo ovviamente alla fine distrugge le relazioni russo-tedesche”.

Putin ha parlato con i redattori senior di almeno 15 agenzie di stampa di tutto il mondo che sono state invitate a incontrarlo a margine del Forum economico internazionale di San Pietroburgo. Putin ha saltato questa tradizione da quando la Russia ha invaso l’Ucraina nel febbraio 2022, ma quest’anno l’invito è stato esteso ai media occidentali come Associated Press e Reuters e a diverse agenzie europee tra cui Agence France-Presse, l’agenzia di stampa tedesca dalla Germania, ANSA da L’Italia e l’agenzia di stampa tedesca AFP. EFE dalla Spagna.

Il portavoce di Putin, Dmitry S. Peskov ha detto ai giornalisti che i rappresentanti di “paesi ostili” sono stati inclusi perché “è molto importante per loro conoscere Putin e comprendere la Russia in prima persona”, secondo l’agenzia di stampa ufficiale russa TASS.

READ  Biden sta valutando la possibilità di allentare le sanzioni al Venezuela per isolare la Russia e aumentare la produzione di petrolio

I dirigenti aziendali occidentali hanno in gran parte evitato il forum, mentre la Cina ha avuto una grande presenza, inclusa l’esposizione di una limousine antiproiettile venduta al dettaglio per più di 560.000 dollari in Cina, ha riferito la TASS.

Putin ha risposto a domande su una vasta gamma di argomenti, ma molte domande si sono concentrate sulla guerra in Ucraina. Sebbene la Russia abbia invaso l’Ucraina dopo aver iniziato a destabilizzare le regioni orientali nel 2014 sostenendo i separatisti, Putin ha ancora una volta descritto la guerra come colpa dell’Ucraina e dei suoi alleati occidentali.

Ha aggiunto che i paesi che forniscono armi all’Ucraina rischiano di essere coinvolti in una guerra con la Russia.

Non era chiaro dove altro Putin intendesse piazzare le armi russe. Truppe e armi, forse compresi missili nucleari, furono schierate in Bielorussia durante la guerra. La Bielorussia è più vicina ai confini dell’Europa rispetto alla Russia, così come l’enclave russa di Kaliningrad sul Mar Baltico. La Russia ha anche forze in Siria vicino alle basi dove operano gli Stati Uniti.

Per quanto riguarda i rapporti con Washington, Putin ha affermato di non credere che le imminenti elezioni presidenziali cambieranno molto finché gli Stati Uniti continueranno a lottare per la “grandezza”.

In risposta ad una domanda sulla recente condanna dell’ex presidente Donald Trump, Putin ha affermato che gli Stati Uniti si stanno bruciando dall’interno. Ha aggiunto: “È chiaro in tutto il mondo che processare Trump, soprattutto in tribunale con accuse formulate sulla base di eventi accaduti anni fa, senza prove dirette, significa semplicemente usare il sistema giudiziario in un conflitto politico interno”. Egli ha detto.

READ  Gli attivisti distorcono l'immagine di Balfour, che sosteneva la patria ebraica

Per quanto riguarda la questione di Ivan Gershkovitch, corrispondente americano del Wall Street Journal che è stato imprigionato in Russia per più di un anno con l’accusa di spionaggio, Putin ha detto che gli Stati Uniti stanno facendo “grandi passi” verso il suo rilascio. Il signor Gershkovitch, il Journal e il governo degli Stati Uniti hanno negato le accuse.

Putin ha aggiunto che tali questioni “dovrebbero essere risolte solo sulla base della reciprocità”. Ha aggiunto: “Le principali agenzie statunitensi e russe sono in contatto tra loro riguardo a questo problema”.

Milana Mazaeva Contributo ai rapporti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto