Roman Abramovich: la Gran Bretagna impone sanzioni all’oligarca russo e al proprietario del Chelsea

Abramovich ha annunciato questo mese che intende vendere il Chelsea, poiché è “nell’interesse del club, dei tifosi e dello staff, nonché degli sponsor e dei partner del club”. Ciò è avvenuto dopo aver annunciato di aver affidato la “sorveglianza” del club agli amministratori della fondazione di beneficenza del club.

Giovedì il Foreign, Commonwealth Office and Development Office del Regno Unito ha dichiarato in una dichiarazione che le nuove sanzioni porterebbero al congelamento dei suoi beni e vieterebbero “le transazioni con privati ​​e imprese del Regno Unito”. Il miliardario dovrà inoltre affrontare un divieto di viaggio che gli impedisce di entrare nel Regno Unito.

Gli abbonati esistenti potranno assistere alle partite così come i tifosi che hanno acquistato i biglietti prima di giovedì.

I fan possono acquistare cibo e bevande in queste partite, secondo la dichiarazione, e in base alle sanzioni, i rivenditori di terze parti che hanno acquistato o prodotto merchandising del club prima di giovedì potranno vendere le loro azioni esistenti purché non vengano dati soldi al Chelsea . Per ora, la licenza speciale durerà fino al 31 maggio.

Il club ha emesso a Dichiarazione di giovedì Riguardo ai rigori, ha dichiarato: “Onoreremo le partite della nostra squadra maschile e femminile di oggi contro Norwich e West Ham, rispettivamente, e intendiamo avviare discussioni con il governo del Regno Unito in merito alla portata della licenza. Ciò includerà la richiesta del permesso per ottenere la licenza così come modificata per consentire al club di operare, nel modo più naturale possibile”.
Anche la Premier League ha rilasciato una dichiarazione“La lega ora lavorerà con il club e il governo per garantire che la stagione continui come pianificato e in linea con le intenzioni del governo”, ha affermato.

Il Chelsea Supporters’ Trust – un fondo indipendente senza fini di lucro istituito per “incoraggiare” il consiglio di amministrazione del club a “prendere in considerazione gli interessi di tutti i tifosi” tra gli altri scopi – ha espresso “preoccupazione” per la mossa.

“I fan dovrebbero impegnarsi in qualsiasi conversazione riguardo agli effetti continui sul club e sulla sua base globale di fan”, ha affermato il segretariato. nella situazione attuale.

“La commissione per la scienza e la tecnologia fa appello al governo affinché un processo rapido riduca l’incertezza sul futuro del Chelsea e affinché i tifosi e i tifosi ricevano una quota d’oro come parte della vendita del club”.

READ  Risultati e statistiche in tempo reale di Southern California Trojans vs UCLA Bruins - 5 marzo 2022

Ripercussioni per il Chelsea e i suoi giocatori

Ben Beebe, esperto di pubblicità sportiva presso JMW Solicitors, ha dichiarato a CNN Sport che a meno che il governo del Regno Unito non fornisca una nuova licenza, il Chelsea non può essere venduto.

“Abramović non potrà mettere soldi nel club o prelevare soldi da esso. Come sappiamo, ha finanziato il Chelsea con miliardi di sterline e ha un prestito di 1,5 miliardi di sterline (1,98 miliardi di dollari) dal Chelsea a cui attualmente deve Abramovich.”

“Al momento non sappiamo da dove provengano i soldi che verranno pagati ai giocatori, se provengano solo da una sorta di attività quotidiana, ad esempio entrate di trasmissione e entrate commerciali. Ovviamente le entrate del giorno della partita contribuiscono a questo. , e sappiamo che i biglietti non possono essere venduti Non è possibile vendere nuovi prodotti a beneficio del club o di Abramovich, ne beneficiano solo i rivenditori”.

Questo potrebbe avere grandi ripercussioni per il club, che sta già vedendo gli sponsor considerando i loro contratti con il Chelsea.

La società di telefonia mobile e comunicazioni, che sponsorizza la maglia del Chelsea, ha dichiarato in un comunicato di aver chiesto al club di sospendere temporaneamente la sponsorizzazione del club. La società ha detto alla Galileus Web giovedì che stava rivedendo la sua posizione con il Chelsea dopo che il governo britannico ha imposto sanzioni al proprietario Roman Abramovich.

“Alla luce delle sanzioni recentemente annunciate dal governo, abbiamo chiesto al Chelsea Football Club di sospendere temporaneamente la nostra sponsorizzazione del club, inclusa la rimozione del nostro marchio dalle magliette e dallo stadio fino a nuovo avviso”, ha affermato Three in una nota.

“Siamo consapevoli che questa decisione influenzerà molti tifosi del Chelsea che seguono la loro squadra con entusiasmo. Tuttavia, riteniamo che date le circostanze e le sanzioni del governo in atto, sia la cosa giusta da fare”.

READ  Charvarius Ward si unirà ai San Francisco 49ers con un contratto di 3 anni

Nel frattempo, il colosso automobilistico Hyundai, partner ufficiale del Chelsea dal 2018, ha dichiarato di “valutare la situazione” in seguito alla notizia.

Un portavoce di Hyundai ha dichiarato alla CNN: “La Hyundai è diventata uno dei partner più forti nel calcio nel corso degli anni e la società sostiene che lo sport sia una forza positiva. Stiamo attualmente valutando la situazione con il Chelsea FC”.

Il logo Hyundai appare sulle maniche delle magliette delle squadre maschili e femminili fino alle squadre dell’accademia e l’attuale contratto quadriennale scadrà quest’anno.

“Se il signor Abramovich non può finanziare il club e hai anche altre fonti di entrate commerciali in entrata nel club che ora inizieranno a prosciugarsi sostanzialmente a causa delle sanzioni imposte, le ripercussioni a lungo termine sono molto significative se ci non è una vendita”, ha detto Pepe.

Ha aggiunto che sebbene il Chelsea potesse negoziare con potenziali acquirenti, il club non poteva essere venduto fino a quando non fosse stata concessa una licenza speciale.

Se non generano entrate commerciali di giornata e non potranno attingere ai prestiti degli azionisti, da dove verranno i soldi per sostenere il club?

“Mi aspetto di trovare un nuovo proprietario. Ma sarà una vendita molto diversa da come sembrava, fino alla scorsa settimana”.

Pepe ha detto che le sanzioni avrebbero ripercussioni anche sui giocatori del Chelsea.

“I giocatori a breve termine i cui contratti sono scaduti significano che questi giocatori hanno diritto a partire a parametro zero a fine stagione perché sono scaduti il ​​loro contratto”.

Per i giocatori che hanno contratto dopo la fine della stagione, non cambierà nulla fino al 31 maggio, ha detto Peppi.

A lungo termine, ha affermato: “Si tratta di questo argomento sempre più ampio sul tipo di impatto culturale, politico e sociale del calcio come molto più forte di quanto non sia mai stato.

READ  La MLBPA apporta lievi modifiche all'idoneità a Super Two, gli stipendi minimi della lega nell'ultima proposta CBA

“E i giocatori vorranno firmare per il Chelsea – per un club come il Chelsea, un club come il Newcastle – conoscendo la volatilità della situazione in relazione alla struttura proprietaria del club di calcio?”

Il membro del parlamento britannico Chris Bryant ha precedentemente chiesto ad Abramovich di essere privato della sua proprietà del Chelsea. Parlando alla Camera dei Comuni A febbraio, Bryant ha citato un documento trapelato del governo britannico del 2019 che delineava i “presunti legami di Abramovich con lo stato russo e la sua associazione pubblica con attività e pratiche corrotte”. Abramovich ha sempre negato il suo legame con Putin e ha respinto le accuse secondo cui qualsiasi sua attività meritasse sanzioni governative.

Abramovich ha un valore di 9,4 miliardi di sterline (12,36 miliardi di dollari), secondo il governo del Regno Unito.

Il ministro degli Esteri britannico Liz Truss ha affermato questo mese che il Regno Unito era “assolutamente intenzionato” a punire gli oligarchi russi, aggiungendo che il Regno Unito stava lavorando attraverso “un altro elenco” di oligarchi per punirli.

“Non c’è nessun posto dove nascondersi per nessuno degli amici di Putin”, ha detto Truss.

Separatamente, lo Yad Vashem Holocaust Memorial Museum di Gerusalemme ha annunciato giovedì di aver sospeso la sua “partnership strategica” con Abramovich, dopo aver annunciato il mese scorso che il miliardario si era impegnato a finanziare “i suoi sforzi nei campi della ricerca e della commemorazione dell’Olocausto”.

“Alla luce dei recenti sviluppi, Yad Vashem ha deciso di sospendere la sua partnership strategica con il Sig. Roman Abramovich” al Museo. cinguettare.

La donazione doveva aiutare a sostenere lo Yad Vashem International Institute for Holocaust Research per cinque anni e costruire un nuovo edificio per esso. Inoltre, la donazione avrebbe creato “due nuove edizioni dello Unique Memorial Book of Names for Holocaust Victims”, secondo l’annuncio di Yad Vashem in quel momento.

George Ramsey, Alex Klusuk e Hadas Gould della CNN hanno contribuito alla segnalazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto