Starbucks deve rinnovare l’esperienza del negozio per aumentare le vendite: Howard Schultz

L’ex CEO di Starbucks Howard Schultz ha qualche parola sull’azienda che una volta guidava.

Commentando i deludenti utili trimestrali della società, Schultz ha affermato che la catena di caffè deve migliorare l’esperienza nei suoi negozi statunitensi. In Condividi LinkedIn Domenica sera, l’ex presidente, che si è dimesso dalla carica di amministratore delegato tre volte, ha affermato di non aver bisogno di legami con l’azienda per preoccuparsi del suo successo.

“Ho sottolineato che la riforma dell’azienda doveva iniziare dall’interno. Le operazioni negli Stati Uniti sono la ragione principale della caduta in disgrazia dell’azienda. I negozi richiedono un’attenzione folle all’esperienza del cliente, attraverso gli occhi del commerciante”, ha affermato Schultz. “La risposta non è nei dati, ma nei negozi”.

Il colosso del caffè non ha rispettato le stime degli analisti di Wall Street per quanto riguarda utili e ricavi trimestrali dopo che le vendite nello stesso negozio sono diminuite. Le azioni della società sono scese del 17% rispetto al rapporto sugli utili della scorsa settimana, chiudendo lunedì a 72,90 dollari.

Schultz ha esortato l’azienda a reinventare la sua piattaforma mobile di ordinazione e pagamento, lanciata nel 2015, per renderla “la grande esperienza per cui è stata progettata”. Inoltre, ha invitato i dirigenti a riformare la “strategia di accesso al mercato” e a promuovere l’innovazione del caffè per creare una differenziazione del mercato.

La catena prevede di rinnovare le esperienze nei suoi negozi

A febbraio, Starbucks ha annunciato l’intenzione di migliorare l’esperienza del negozio con rinnovamenti tecnologici nelle sue nuove sedi negli Stati Uniti e in circa 1.000 sedi rinnovate.

Tra i miglioramenti ci sono le barriere insonorizzate nei soffitti che riducono il rumore all’interno dei magazzini. La catena ha affermato che queste schiume ridurranno il rumore e gli echi e miglioreranno il servizio per gli ospiti con dispositivi di ascolto assistito.

READ  Un altro dirigente di Tesla interviene con richieste di annullamento di auto da $ 25.000

L’azienda aggiungerà anche un’illuminazione regolabile sotto forma di dimmer e schermi elettrici sulle finestre esterne per ridurre i riflessi e le ombre durante il giorno.

“Le nuove funzionalità audio e luminose aiutano a creare un’esperienza audiovisiva più piacevole e coinvolgente per clienti e partner”, ha affermato la catena in una dichiarazione a USA TODAY il mese scorso.

Imparentato: Battaglia sindacale Starbucks: la Corte Suprema si prepara a sostenere l’azienda nel caso sindacale “Memphis 7”.

Schultz lascerà il consiglio nel 2023

Schultz è entrato a far parte di Starbucks come direttore delle operazioni e del marketing nel 1982. Ne è diventato il primo CEO nel 1987 dopo aver lasciato temporaneamente l’azienda.

Nel 2000 si ritirò per la prima volta dalla carica di amministratore delegato e divenne presidente della società. Successivamente è tornato come CEO nel 2008 in mezzo alla recessione e ha lasciato nuovamente l’incarico nel 2017. Nel 2018 è tornato nuovamente come CEO ad interim ed è stato nominato membro del consiglio di amministrazione nel 2022.

L’anno scorso si è dimesso dal consiglio di amministrazione e nuovamente dalla carica di amministratore delegato.

Di più: Sulla scia dello storico voto del sindacato Volkswagen, Starbucks ha chiesto alla Corte Suprema di limitare il potere dei lavoratori

“Non ho alcun ruolo formale all’interno dell’azienda dall’aprile 2023. Ma il mio amore per l’azienda e per tutti coloro che indossano la ‘veste aziendale’ – l’iconico grembiule verde – non conosce limiti”, ha scritto Schultz.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto