100 giorni dopo, il primo paziente umano di Neuralink ora usa il suo impianto cerebrale per giocare a Slay the Spire

Il primo essere umano a ricevere un impianto Neuralink gioca a Slay the Spire, Old School RuneScape e a una serie di altri giochi popolari che utilizzano l’impianto per tradurre i suoi segnali neurali.

La società neurotecnologica di Elon Musk ha anche rivelato in un nuovo aggiornamento che un certo numero di fili che trasportano l’elettrodo impiantato si erano ritirati dal cervello del paziente, determinando un temporaneo calo delle prestazioni dell’interfaccia cervello-computer (BCI).

Lo scorso gennaio, Elon Musk, co-fondatore di Neuralink, ha annunciato che la società aveva impiantato il primo chip cerebrale “N1” nella testa di un paziente umano come parte di un’interfaccia robotizzata cervello-computer impiantabile.primo ministro) Resta. Successivamente si scoprì che il paziente era un quadriplegico americano di 29 anni, Noland Arbaugh, che aveva una paralisi sotto le spalle dopo aver subito una lesione spinale durante un incidente subacqueo circa otto anni prima.

Durante l’intervento, una porzione circolare del cranio è stata rimossa per consentire a un robot specializzato di accedere a una parte del cervello di Arbaugh. Il robot ha utilizzato un ago più sottile di un capello umano per inserire una serie di 64 fili molto sottili che trasportavano gli elettrodi nella materia grigia. Questi sensori appena installati sono progettati per rilevare i segnali nervosi del paziente e inviare i dati risultanti tramite fili al corpo principale dell’impianto N1, che viene fissato nello spazio cranico creato durante la procedura chirurgica. I segnali provenienti dall’impianto vengono quindi trasmessi all’app Neuralink, che è addestrata a decodificare l’intento dietro le informazioni e trasformarle in azioni attuabili, come il movimento del cursore di un computer.

“Batto i miei amici in giochi in cui io, essendo tetraplegico, non dovrei batterli.

Prima dell’intervento chirurgico, Arbo doveva fare affidamento su una bacchetta magica – un dispositivo di assistenza che consente all’utente di premere un touch screen una volta posizionato in bocca – per giocare e interagire con il mondo digitale. Sebbene ciò consentisse ad Arbo di utilizzare un iPad, presentava una serie di inconvenienti. Ad esempio, per poter usare uno stick per la bocca, doveva sedersi in posizione eretta e farsi dare lo strumento da un assistente. Inoltre, non era in grado di parlare correttamente mentre lo utilizzava e l’uso prolungato gli causava crampi e provocava piaghe da decubito.

READ  Secondo quanto riferito, l'evento "Let Loose" di Apple per l'iPad includerà un evento speciale anche a Londra

“Pensavo che Mouthstick fosse molto migliore di BCI un mese fa, e quando lo abbiamo confrontato ho visto che BCI era altrettanto buono, se non migliore, e sta ancora migliorando, i giochi a cui posso giocare ora sono molto migliori di prima.” Aggiornamento del blog Neuralink In occasione del centesimo giorno dall’intervento. “Batto i miei amici in giochi in cui io, essendo tetraplegico, non dovrei batterli.”

Neuralink ha rivelato che Arbo ha recentemente utilizzato l’interfaccia cervello-computer per 69 ore in una settimana, di cui 34 ore per scopi ricreativi. Durante questo periodo, Arbaugh ha utilizzato la tecnologia assistiva per navigare in Internet, imparare nuove lingue e giocare a una serie di videogiochi, tra cui il gioco di costruzione di mazzi simil-canaglia Slay the Spire, Old School RuneScape, Mario Kart 8 Deluxe e Sid Meier’s Civiltà. 6, il tutto manipolando il cursore con la mente. Gli scienziati stanno anche lavorando su una funzione di gioco personalizzata all’interno dell’app Neuralink, progettata per dare ad Arbaugh maggiore libertà su come e quando può connettersi e giocare.

Entro 100 giorni dall’intervento chirurgico, Arbo stabilì quello che Neuralink descrisse come “un nuovo record mondiale per il controllo dell’indice dell’interfaccia del cervello umano”. Attualmente è in grado di utilizzare l’interfaccia per registrare un valore di 8,0 bit al secondo (BPS), una misura utilizzata dalla comunità scientifica per valutare la precisione e la velocità dei movimenti del cursore del computer. Per contestualizzare, gli ingegneri di Neuralink hanno registrato circa 10 bit al secondo utilizzando un mouse reale, un risultato che Arbaugh cercherà di migliorare nei prossimi mesi.

READ  Confronto tra Samsung Galaxy S22, S22+ e S22 Ultra: qual è la differenza?

L’azienda ha anche rivelato che un numero imprecisato di elettrodi portanti inseriti nella testa di Arbaugh durante il posizionamento dell’impianto N1 si erano “retratti” dal suo cervello nelle settimane successive all’intervento. Il movimento del thread ha costretto gli scienziati di Neuralink a modificare l’algoritmo responsabile della raccolta e della traduzione dei dati neurali, che secondo l’azienda ha compensato la perdita di prestazioni.

Arbaud chiamò l’impianto Eva. Credito immagine: Noland Arbo/X.

IGN ha contattato Neuralink per un commento sul fatto che lo strappo del filo sia una complicazione prevista e se lo sviluppo possa in qualche modo avere un impatto sulla salute del paziente e aggiornerà questo articolo per riflettere qualsiasi risposta successiva.

Andando avanti, Neuralink sta cercando di aumentare la capacità di Arbaugh di controllare il cursore, in parte combattendo un problema noto come “deriva del cursore”, che viene combattuto attraverso lo sviluppo di un sistema di “correzione del bias” – e aggiungendo nuove funzionalità. Più specificamente, i ricercatori sperano di consentire agli utenti di controllare ausili fisici esterni, come bracci robotici e sedie a rotelle, utilizzando solo il collegamento, il che a sua volta potrebbe aiutare i pazienti tetraplegici a ottenere un maggiore grado di indipendenza.

Segui la nostra copertura precedente per le informazioni più recenti su Neuralink per i test sull’uomo e le controversie passate relative ai reclami sui test sugli animali.

Anthony è un collaboratore freelance che si occupa di notizie scientifiche e di videogiochi per IGN. Ha oltre otto anni di esperienza nel coprire sviluppi rivoluzionari in molteplici campi scientifici e non ha assolutamente tempo per ingannarti. Seguitelo su Twitter @BeardConGamer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto