Notizie sulla guerra tra Israele e Hamas a Gaza e trattative per il cessate il fuoco: aggiornamenti in tempo reale

Manal Al-Wakil e la sua famiglia allargata composta da 30 persone pensavano di tornare a casa.

La signora Al-Wakeel e i suoi parenti, sfollati dalla loro casa a Gaza City mesi fa, hanno iniziato a fare le valigie lunedì e a prepararsi a smantellare la loro tenda a Rafah, all’estremità meridionale della Striscia di Gaza.

Hamas aveva annunciato di aver accettato la proposta di cessate il fuoco presentata da Qatar ed Egitto, che aveva fatto credere a molti abitanti di Gaza che una tregua fosse imminente. La loro gioia fu di breve durata. È diventato subito chiaro che Hamas non stava parlando della stessa proposta approvata giorni prima da Israele, il quale affermava che le due parti erano ancora distanti.

Invece, gli aerei da guerra israeliani hanno lanciato volantini nella parte orientale di Rafah invitando le persone a fuggire e a trasferirsi in quello che Israele ha chiamato Zona umanitaria Nord, dove l’esercito israeliano ha bombardato la zona. Funzionari sanitari di Gaza affermano che decine di persone sono state uccise dall’incursione israeliana in alcune parti di Rafah questa settimana.

“Pensavamo che quel giorno un cessate il fuoco fosse possibile”, ha detto la signora Al-Wakil, 48 anni, che ha aiutato il gruppo umanitario globale World Central Kitchen a preparare pasti caldi.

Lei e la sua famiglia si erano rifugiate vicino all’ospedale Abu Youssef Al-Najjar, in un’area soggetta ad attacchi aerei e combattimenti di terra israeliani. Il direttore dell’ospedale, il dottor Marwan Al-Hams, ha detto lunedì di aver ricevuto i corpi di 26 martiri uccisi dal fuoco dell’occupazione israeliana e di aver curato 50 feriti. L’ospedale è stato evacuato il giorno successivo.

READ  Chiudere l'ambasciata americana a Kiev e trasferire i restanti diplomatici in Occidente tra i timori di un'invasione russa

Così, invece di tornare a casa, la signora Al-Wakil, suo marito, i suoi 11 figli e altri parenti, martedì notte, hanno trovato un semirimorchio che avrebbe portato loro e le loro cose, compresi sacchi di vestiti, pentole, padelle e tende. , per 2.500 persone. shekel – circa $ 670 – alla ricerca di un altro posto dove stare.

Hanno lasciato Rafah intorno a mezzanotte e si sono diretti a nord con centinaia di tuk-tuk, camion, automobili e carretti trainati da asini pieni di altre famiglie sfollate e dei loro averi.

Ha detto: “Era una notte spaventosa e il camion si muoveva lentamente a causa del carico pesante su di esso”.

Una volta fuori Rafah, facevano frequenti soste nelle scuole e in altri edifici, cercando disperatamente uno spazio vuoto dove potersi rifugiare. Ma ogni posto era pieno.

Anche altri non sono riusciti a trovare un posto e l’agente ha visto diverse persone che dormivano sul lato della strada accanto alle proprietà con cui erano fuggite.

In una scuola delle Nazioni Unite a Deir al-Balah, un giovane ha suggerito di alloggiare in un edificio vuoto di cemento – senza finestre né porte – appartenente al Ministero dello Sviluppo Sociale del governo guidato da Hamas.

“Sembrava un posto pericoloso”, ha detto, aggiungendo che era stato detto loro che una donna e sua figlia erano state precedentemente uccise in una delle stanze dell’edificio da un missile israeliano.

Ma avevano troppa paura per continuare a vagare nell’oscurità, così decisero di passare la notte lì e di cercare un posto più sicuro entro il mattino.

Ha detto: “Mi sento molto triste e delusa da quello che è successo a Rafah, perché lì la situazione era stabile per noi”. “Abbiamo passato molto tempo a sistemare nuovi posti per noi stessi e ci sentiamo molto depressi ed esausti nel ripetere la stessa sofferenza”.

READ  Le famiglie degli ostaggi israeliani pubblicano riprese video del rapimento per aumentare la pressione su Netanyahu

Saeeda Al-Namnam, 42 anni, aveva dato alla luce due gemelli meno di un mese prima che Israele lanciasse volantini sul luogo in cui si erano rifugiati a Rafah, ordinando loro di andarsene. La sua famiglia, anch’essa sfollata da Gaza City, mandò un parente a cercare un camion che potesse portarli a nord, nonostante gli intensi attacchi aerei israeliani dell’epoca.

Ha aggiunto che il suo parente, Muhammad Al-Jojo, è stato ucciso in un raid israeliano sul trattore su cui viaggiava.

Ha detto: “È stato ucciso mentre ci stava portando fuori da quella zona in un posto più sicuro”. “Mi sento come se avessi causato la sua morte.”

Nonostante i pericoli legati al viaggio, restare dov’erano a Rafah non avrebbe potuto essere più sicuro.

Ha detto che durante il terrificante viaggio nella città di Khan Yunis, dove lei e la sua famiglia di otto persone hanno trovato rifugio in una stanza annessa all’edificio principale dell’Università di Al-Aqsa, hanno potuto sentire quello che sembravano esplosioni di bombe israeliane, missili e artiglieria.

“I battiti cardiaci dei miei figli erano così forti che potevo sentirli”, ha detto. Ha detto che è stato l’attentato più violento che avesse mai sentito, “molto vicino e molto terrificante per me e per i miei figli”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto