Giugno 29, 2022

Napoli Calcio Mania

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più sul Napoli Calcio Mania

Come Block (Square) ha evitato la morte di Amazon

Come Block (Square) ha evitato la morte di Amazon

Il co-fondatore di Block Jim McKelvey.

CNBC | NBC universale | Getty Images

BARCELLONA – Nel 2014, Amazon ha lanciato un prodotto che sembrava sorprendentemente simile a qualcosa già offerto dalla società di pagamenti Jack Dorsey, co-fondatore di Twitter, Square, che oggi si chiama Block.

Si chiamava Amazon Register e permetterebbe alle piccole imprese di accettare pagamenti con carta di credito utilizzando uno smartphone o un tablet, proprio come la tecnologia Block. C’era una grande differenza, però: Amazon offriva una commissione di elaborazione di a partire dall’1,75%Rispetto al 2,75% di Block.

“Eravamo ancora una startup e Amazon ha copiato il nostro prodotto e ha abbassato il prezzo”, ha affermato Jim McKelvey, che ha co-fondato Block con Dorsey nel 2009, durante una discussione con la CNBC al tech show del Mobile World Congress.

“Quando Amazon fa questo a una startup, la startup muore”, ha aggiunto. “Quando Amazon lo ha fatto in Square, siamo rimasti inorriditi”.

Il divieto non era unico di fronte al possibile”.morte per amazon. “Il gigante dell’e-commerce è entrato negli anni in molti settori, dal cloud computing alla televisione e al cinema. Un certo numero di rivenditori è stato costretto ad adattarsi o chiudere completamente a causa del cosiddetto Effetto Amazon.

La differenza con Block, dice McKelvey, è che è sopravvissuto.

“Non avevamo le cose che avevano loro, quindi non potevamo fare quello che stavano facendo”, ha detto. “Quindi abbiamo continuato a fare quello che stavamo facendo e praticamente li abbiamo semplicemente ignorati. E ha funzionato”.

Un anno dopo che Amazon ha lanciato “Register”, il servizio fermareCiò evidenzia la natura altamente competitiva del settore dei pagamenti digitali. McKelvey afferma che la società ha persino inviato lettori di schede Square ai propri clienti: “In realtà sono stati piuttosto fantastici”.

READ  Le ferrovie canadesi CP hanno chiuso le ferrovie, i lavoratori scioperano

È un aneddoto vecchio come il tempo: Big Tech ha lanciato una funzionalità simile a quella di un concorrente più piccolo e quell’azienda in seguito fatica a tenere il passo a causa del livello di pressione.

È successo l’anno scorso con il club. L’app di chat vocale ha già visto un picco nei download durante la pandemia di coronavirus Vai nell’oscurità Dopo aver lanciato un prodotto falso da Facebook, Twitter e Spotify.

McKelvey ha affermato di aver cercato a lungo di capire come Block abbia evitato lo stesso destino delle aziende che hanno vacillato sotto la pressione di giganti di Internet come Amazon. Secondo un uomo d’affari miliardario, copiare un prodotto non basta.

“Se sei un’azienda normale”, ha detto, “stai copiando un modello che sta già funzionando”. “Le cose che funzionano in un’azienda normale non funzionano per un imprenditore.”

“L’innovazione è molto scomoda”, ha aggiunto McKelvey. “La gente diceva a me e Jack quando abbiamo avviato Square che eravamo stupidi. Mi sono fatto portare a cena dai dirigenti paganti per dirmi di nuovo i motivi esatti per cui siamo stupidi e perché falliremo”.

“Se stai facendo qualcosa che non copia le ultime cazzate del 5G che stanno vendendo, che qualcuno ha costruito qualcosa a cui nessun altro ha pensato prima, sono davvero spaventati perché non ottengono la convalida del gregge. Non vieni convalidato fino a anni dopo, fino a quando Amazon non ti copia.” “.

Dalla fondazione di Block, McKelvey rimane nel consiglio di amministrazione dell’azienda ma è meno coinvolto negli affari quotidiani. Secondo Forbes, la sua fortuna sulla carta è di 2,3 miliardi di dollari. Una volta permeabile al vetro dal commercio, McKelvey dice di essersi ispirato a creare Square dopo aver perso una vendita perché non poteva accettare carte American Express.

READ  Gli Stati Uniti stanno espellendo un'altra compagnia telefonica cinese per motivi di sicurezza

McKelvey ora gestisce Invisible, una società che sviluppa strumenti di micropagamento per editori di notizie e ha anche abbracciato gli investimenti in capitale di rischio.