Cosa abbiamo imparato nelle prove libere del venerdì per il Gran Premio di Imola F1 2024

Dopo la serie inaugurale di round continentali, il circus della Formula 1 è tornato nel suo cuore europeo ed è sceso a Imola. Uno dei classici della Formula 1 che ritorna dopo un lungo periodo di assenza, l’Autodromo Enzo e Dino Ferrari fa un famoso salto indietro nel tempo. Il flagello del ballottaggio spazioso e tollerante è stato in gran parte sradicato dall’accogliente spettacolo di erba e ghiaia, emerso durante i due anni di pausa della Formula 1 dalla sede; Le alluvioni dello scorso anno in Emilia-Romagna hanno portato alla cancellazione dell’evento del 2023.

Come al solito all’inizio della stagione europea, c’erano anche molti aggiornamenti che i team volevano esplorare – e gli ostacoli logistici non sono stati ridotti di molto. Il primo formato “tradizionale” del fine settimana dopo il Gran Premio del Giappone ha consentito di testare gli aggiornamenti uno dopo l’altro nelle FP1 e di studiarne l’impatto nelle FP2.

Allora, come sono tutti? Una furia della Red Bull sembra un po’ meno inevitabile in questa fase, e invece, la gara di venerdì è stata in testa alla favorita di casa Ferrari – con la squadra di Miami della McLaren di poco avanti in classifica. Come sempre, nelle prove dettagliate di venerdì c’è molto di più che semplici programmi. Entriamo nei numeri e nei dati emersi dalle prime due sessioni del fine settimana.

La storia di oggi

Charles Leclerc ha sbalordito il pubblico con le sue ampie prove libere del venerdì, guidando entrambe le sessioni per completare una giornata impressionante per la Ferrari. Il monegasco ha superato la bandiera rossa interrotta dalla bandiera rossa della FP1 con un tempo di 1:16.990 secondi, un decimo di secondo più veloce di George Russell della Mercedes nelle prime due sessioni pomeridiane.

La sessione è stata temporaneamente interrotta a causa del blocco del pilota della Williams Alex Albon dopo un pesante contatto con le Acque Minerali, con conseguente problema elettrico che lo ha costretto a fermarsi sull’erba subito dopo l’uscita della curva. Il gol di Leclerc è arrivato poco dopo la ripresa della bandiera verde con le gomme morbide, mentre Russell ha preceduto Carlos Sainz di appena 0,026 secondi.

Il giro di 1m15.906 ha portato Leclerc in cima alla classifica finale delle FP2 mentre la Ferrari sembrava entrare in un ritmo competitivo fin dall’inizio del fine settimana. Aveva preso il comando nei primi round con gomme medie, precedendo di poco Max Verstappen, ma sta iniziando ad apparire un divario tra i piloti Ferrari e Red Bull quando si tratta della gara C5. Una volta iniziati i giri con le gomme morbide a metà sessione, Leclerc ha stabilito il ritmo con un giro di 1 minuto e 15,969 secondi, e in un altro giro ha aumentato il suo ritmo ottenendo altri 0,063 secondi. Questa volta Oscar Piastri si è piazzato al secondo posto, a poco meno di due decimi da Leclerc.

Leclerc e molti altri hanno avuto a che fare con le trappole di ghiaia durante le sessioni di prove libere di venerdì

Fotografia: Mark Sutton / Immagini di sport motoristici

Ma i due rischiano di essere messi in ombra dal vincitore di Miami Lando Norris, se il britannico completerà la sua unica pubblicazione sulla scarpa morbida; Secondo i dati GPS, Norris stava tracciando più di mezzo secondo più velocemente del benchmark di Leclerc prima di surriscaldare completamente la Rivazza. C’era molta pavimentazione a metà del doubleheader sinistro che precedeva un pennello di ghiaia all’uscita, che consentiva una rapida ritirata ai box.

READ  Fox probabilmente ha ottenuto Notre Dame, Ohio, in cambio di Joe Buck

Nel frattempo, Verstappen non è riuscito a fare meglio del quinto e settimo posto nelle due sessioni di prove libere di venerdì. Il leader del campionato sembrava trascorrere più tempo sulla ghiaia che fuori, poiché ha lottato con un equilibrio incoerente durante le sessioni e non è stato in grado di adattarsi alle esigenze della pista stretta e ondulata di Imola.

Jock Clear ha rivelato che gli aggiornamenti della Ferrari mirano a “inclinare la mappa” delle prestazioni dell’auto: in altre parole, aumentando le sue prestazioni nelle aree in cui l’SF-24 è più debole – curve a bassa velocità – pur mantenendo la sua potenza nelle aree ad alta velocità.

Anche la natura del circuito ha influenzato notevolmente il traffico, quindi i tempi sul giro devono essere trattati con cautela, ma le chiamate di handicap sono destinate a svolgere un ruolo nelle qualifiche, indipendentemente dai programmi di corsa del sabato pomeriggio.

La Ferrari è in testa alla classifica con nuovi aggiornamenti

Un ruggito si diffuse tra la folla come un’onda messicana udibile mentre la Ferrari passava tra gli stand delle Acque Minerali. Non importava se all’orizzonte appariva Leclerc o Sainz: la semplice presenza del rosso suscitava una reazione pavloviana da parte dei tifosi.

Il Cavallino Rampante aveva riposto le sue speranze in un nuovo, ampio pacchetto di upgrade per la Imola, quello che copriva la distanza il giorno in cui furono girate le riprese di Fiorano. Le prese laterali erano la caratteristica visiva principale per chi voleva fare paragoni con la Red Bull, ma a questo si aggiungevano modifiche ai parafanghi anteriori e posteriori, al cofano, alla carrozzeria, al pavimento e al diffusore. Jock Clear, capo ingegnere delle prestazioni del team, ha rivelato venerdì che questi avevano lo scopo di “inclinare la mappa” delle prestazioni della vettura: in altre parole, aumentare le sue prestazioni nelle aree in cui l’SF-24 è più debole – curve a bassa velocità – mentre conservandone le caratteristiche. Versatilità nelle aree ad alta velocità.

Nessun premio per chi indovina chi sono i tuoi giocatori preferiti a Imola

Nessun premio per chi indovina chi sono i tuoi giocatori preferiti a Imola

Fotografia: Mark Sutton / Immagini di sport motoristici

I profili delle curve di Imola tendono verso l’estremità lenta e media dello spettro, quindi sono un luogo ideale per determinare se gli aggiornamenti hanno avuto successo alla “fine” delle prestazioni. Esplorando i dati GPS, Leclerc sembrava avere più velocità nella curva stretta della Tosa rispetto sia a Verstappen che a Norris, anche se Piastri ha guadagnato brevemente tempo sulla Ferrari grazie al fatto che è rimasto sull’acceleratore un tocco dopo. Tuttavia, Leclerc ha trovato il tempo in uscita dalla curva e si è lanciato verso Beratella, con Piastri che ha premuto nuovamente l’acceleratore solo quando Leclerc era a circa il 50% sul pedale.

Leclerc ha esercitato una certa pressione sull’acceleratore attraverso le Chicane Acque Minerali e Variante Alta, assicurando che la Ferrari potesse mantenere i giri in quarta marcia in entrambe le curve; Piastri è sceso al terzo posto in entrambi, scambiando completamente il pedale dell’acceleratore con il pedale del freno per mantenere il regime del motore.

Confrontando il miglior giro di Leclerc nelle FP2 con quello del suo compagno di squadra Sainz, il pilota monegasco sembrava rimanere leggermente indietro durante le fasi di chicane intorno al giro, ma ha compensato con uscite più forti, anche se Sainz non è riuscito a mettere insieme un secondo giro veloce pulito per rivendicare il secondo posto. Indica davvero il ritmo della Ferrari.

READ  40 La migliore accendino antivento del 2022 - Non acquistare una accendino antivento finché non leggi QUESTO!

Il ritmo assoluto della McLaren è stato mascherato da Norris

Se Norris non avesse bucato una ruota all’uscita della Rivazza, avrebbe potuto catapultare la sua McLaren in cima alle classifiche nelle FP2. Il britannico aveva più velocità sui rettilinei rispetto alla Ferrari di Leclerc, ed era più di 0,4 secondi avanti nel giro più veloce quando è salito sulle cuccette all’ultima curva. Si potrebbe sostenere che abbia portato troppa velocità in curva, con Delta ora a 0,7 secondi di vantaggio da Leclerc nella transizione tra le due curve a sinistra, ma questo lo ha portato troppo lontano e lo ha spinto ad annullare il suo giro.

La McLaren ha chiaramente una velocità competitiva sul giro singolo, ma è la velocità a lungo termine che conta. Il team ha corretto rapidamente l’errore di Norris, che lo ha portato a fare un giro di 15 giri al centro. Anche se la Ferrari sembra essere davanti alla McLaren nella tabella delle velocità medie complessive (sotto), ci sono una serie di aree chiave che suggeriscono che la McLaren potrebbe superare la squadra italiana.

Framerate medio in esecuzione media FP2

posizione un gruppo autista Tempo medio sul giro Numero di giri
1 Ferrari Leclerc 1 minuto e 20.736 secondi 12
2 McLaren Norris 1 minuto e 20.836 secondi 15
3 Toro Rosso Perez 1 m 21.025 s 8
4 Aston Martin Alonso 1 m21.601 s 11
5 signore Tsunoda 1 m21.911 s 15
6 Sauber potassa 1 m 22.025 s 10
7 Williams Albon 1 m22.064 s 9
8 Haas Hulkenberg 1 m 22.086 s 9

*Mercedes e Alpine hanno registrato corse con sole gomme dure con i migliori tempi medi rispettivamente di 1 minuto e 20,991 secondi e 1 minuto e 22,323 secondi.

Innanzitutto, la corsa di Norris era generalmente più lunga e quindi più affidabile per ottenere un set di dati più ampio. Inoltre, è stato necessario rimuovere molti meno valori anomali dalla gara del britannico. A Leclerc sono stati tolti due giri dalla sua media per tenere conto del traffico e di altri errori non rappresentativi del ritmo di gara complessivo. Tuttavia, Norris è riuscito a dimostrare che il ritmo della McLaren era ripetibile durante tutto il suo periodo.

Sebbene Norris non abbia brillato con tempi sul giro completi, la sua velocità e quella della McLaren erano chiaramente evidenti.

Sebbene Norris non abbia brillato con tempi sul giro completi, la sua velocità e quella della McLaren erano chiaramente evidenti.

Fotografia: Sam Bloxham / Immagini di sport motoristici

In altre parole, la Ferrari è stata in testa in entrambe le sessioni venerdì, ma il ritmo della McLaren in qualifica e in gara dovrebbe essere più forte quando si tratta di sessioni importanti.

‘Davvero male’ La Red Bull fatica a trovare l’equilibrio

Le buffonate di Verstappen sulla ghiaia hanno evidenziato le difficoltà affrontate dalla Red Bull nel giorno di apertura della sua gara a Imola. L’RB20 sembra particolarmente avere difficoltà a mettere in servizio la gomma morbida; Verstappen ha riferito che le gomme anteriori “all’improvviso avrebbero fatto così tanta presa, che quasi avrei girato”, riferendosi al lavoro che la squadra doveva svolgere durante la notte per assicurarsi di avere l’equilibrio necessario per qualificarsi.

Nei run più lunghi con gomme medie, il ritmo complessivo di Perez è stato leggermente più veloce di quello di Verstappen con meno momenti di deriva, ed era quindi più rappresentativo per l’inclusione nelle medie una volta rimossi i valori anomali. Su questa base, è diventato il quarto più veloce del gruppo una volta che la musica si è fermata venerdì, con la Mercedes che ha avuto una giornata forte con le gomme lunghe e dure mantenendola terza nel ritmo di gara – anche se il ruolo di Lewis Hamilton come costruttore di traffico durante le FP2 ha irritato alcuni. Dagli autisti.

“È stato difficile raggiungere un buon bilanciamento e non ci sentivamo a nostro agio all’interno della vettura. La vettura si muoveva molto ed era molto facile perdere la vettura in alcuni punti della pista”. Max Verstappen

“È molto facile perdere la macchina, quindi abbiamo alcune cose a cui dobbiamo prestare attenzione perché oggi è decisamente… semplicemente brutto, semplicemente scomodo”, ha detto Verstappen con un sospiro. “Anche il long run è stato piuttosto negativo, quindi ci sono sicuramente alcune cose su cui dobbiamo migliorare se vogliamo essere competitivi domani. Oggi eravamo molto lontani dal ritmo che dobbiamo correggere.”

READ  Perché Matt Chapman guadagna meno di Cody Bellinger? Un cambiamento radicale nel coaching MLB

Laddove la Red Bull è caduta al ritmo di un giro, sembrava che si stesse riprendendo nel settore finale. Confrontando i migliori giri di Hamilton e Verstappen, la RB20 aveva un netto vantaggio nel settore di apertura. Ma dopo l’uscita di Acque Minerali, il ritmo di Verstappen è stato molto più discontinuo. L’uscita di curva dalla Variante Alta è stata forte, ma Hamilton ha acquisito più velocità dirigendosi verso Rivazza e ha avuto l’uscita migliore dall’ultima curva a sinistra, una curva in cui Verstappen ha notevolmente faticato a trovare un ritmo.

Una serie di aggiornamenti alla RB20 si sono concentrati in gran parte sull’ala anteriore e sul pavimento, ma la giuria sta ancora valutando questi miglioramenti poiché la Red Bull non è stata in grado di competere con buoni setup venerdì. Per i piloti del simulatore di turno a Milton Keynes, aspettatevi che brucino l’olio di mezzanotte per trovare la loro dose in tempo per la sessione di allenamento finale di sabato.

La Red Bull si affida ai suoi piloti di simulazione per trovare soluzioni di setup da un giorno all'altro

La Red Bull si affida ai suoi piloti di simulazione per trovare soluzioni di setup da un giorno all’altro

Fotografia: Mark Sutton / Immagini di sport motoristici

Cos’hanno detto

Charles Leclerc: “Nel complesso è stata una giornata positiva. Tutto è andato liscio e abbiamo fatto tutti i test che avevamo programmato in pista. Sembra che siamo abbastanza competitivi in ​​questo momento, ma le condizioni cambieranno un po’ domani, soprattutto in termini di vento, quindi dovremo anticiparlo.

Lando Norris: “È stata una giornata ragionevole, anche se un po’ discontinua in alcuni punti. Avevamo un programma di test con alcune cose da provare dopo gli aggiornamenti a Miami, il che è importante per adattarci. Ma allo stesso tempo, abbiamo dovuto affrontare il problema. problema di alcuni piccoli problemi qua e là.” “Il che ha reso il completamento del nostro piano un po’ più difficile di quanto sperassimo. Tuttavia, la vettura era in buone condizioni e penso che abbiamo apportato alcuni miglioramenti durante la giornata e ne sono rimasto soddisfatto. domani e penso che potremo avere una buona giornata.”

Max Verstappen: “È stata una giornata dura oggi, è stato difficile trovare un buon bilanciamento e non ci sentivamo a nostro agio all’interno della vettura, che si muoveva molto ed era molto facile perdere la vettura in alcuni punti della pista sono alcune cose a cui dobbiamo prestare attenzione oggi perché “La nostra prestazione non è stata buona come ci aspettavamo e non ci sentivamo a nostro agio”.

Chi eccellerà a Imola?

Chi eccellerà a Imola?

Fotografia: Zach Mauger / Immagini di sport motoristici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto