Dani Carvajal – L’improbabile eroe della Champions League del Real Madrid che ha gettato le basi con Di Stéfano

“Non so cosa dire, è semplicemente una felicità immensa”, ha detto Dani Carvajal del Real Madrid pochi minuti dopo il fischio finale dopo aver battuto il Borussia Dortmund a Wembley in Champions League sabato.

Carvajal, il terzino destro della squadra, è stato l’inaspettato autore del primo gol decisivo nella vittoria per 2-0, con il gol nel finale di Vinicius Junior che ha aiutato il Real Madrid a vincere la 15esima Coppa dei Campioni.

Il Real Madrid è stato sulla difensiva per gran parte della partita e il Dortmund ha sprecato una serie di occasioni per mettere a segno un grande risultato prima che Carvajal, alto 5 piedi e 8 pollici (173 cm), balzasse al livello più alto per segnare con un colpo di testa 17 minuti prima della fine della partita.

“Sapevamo che sarebbe stata una partita difficile”, ha detto Carvajal a Movistar TV. “Nel primo tempo erano molto superiori ma ne siamo usciti vivi”. “Sapevamo che il nostro momento sarebbe arrivato, e così è stato, e abbiamo il 15.”


Carvajal segna il gol d’apertura fondamentale (INA FASSBENDER/AFP tramite Getty Images)

Il 32enne conosce meglio di chiunque altro la storia del Real Madrid in questa competizione e l’abilità unica del club di sferrare pugni prima di sferrare lui stesso il colpo del KO.

Vista la magia e la leggenda del Real Madrid in Champions League, qualcuno direbbe che il momento di Carvajal contro il Dortmund fosse arrivato. Poco dopo essersi unito alle giovanili del Real Madrid, è stato selezionato per unirsi al leggendario Alfredo Di Stefano nella posa della prima pietra nel nuovo centro di allenamento del club Valdebebas.

Due decenni dopo, a Carvajal è stato chiesto cosa significherebbe superare il bottino di cinque Coppe dei Campioni di Di Stéfano e unirsi a un altro campione degli anni ’50 e ’60, Paco Gento (morto all’età di 88 anni nel gennaio 2022) come detentore del record di sei Coppe dei Campioni.

“Quando ho sentito il fischio finale mi sono emozionato tantissimo”, ha detto nella conferenza stampa post partita. “Sono arrivato qui quando ero un ragazzino, 21 anni fa, e stiamo ancora facendo la storia con questa squadra. Sembrava impossibile eguagliare Gento. È fantastico. Vorrei che arrivassero di più, ma ora siamo con lui”.

READ  Perché Giants DFA Catcher, l'ex numero 2 Joey Bart è stato selezionato, secondo Bob Melvin - NBC Sports Bay Area e California

Carvajal condivide anche una squadra di sei giocatori con gli attuali compagni di squadra Nach e Luka Modric, ma il suo viaggio verso quell’ambito posto nei libri di storia del club è stato tutt’altro che semplice.

Carvajal è tifoso del Real Madrid da tutta la vita ed è nato a Leganes, a sud della capitale spagnola. È entrato nelle giovanili del club a 10 anni, poco dopo la nona vittoria del Real Madrid in Champions League nel 2002, coronata dalla straordinaria vittoria di Zinedine Zidane contro il Bayer Leverkusen.

Mai il migliore in nessuna delle sue squadre, il giovane Carvajal aveva una combinazione di qualità tecnica e tenacia che i suoi allenatori e compagni di squadra amavano. Quando era ancora un adolescente, faceva parte della squadra giovanile costellata di stelle del Castilla che ottenne la promozione nella seconda divisione spagnola. Ma mentre i suoi compagni di squadra più talentuosi come Alvaro Morata e Jese Rodriguez sono stati convocati in prima squadra sotto la guida di Jose Mourinho, Carvajal è stato invece venduto al Leverkusen per 5 milioni di euro nel luglio 2012 senza aver giocato una sola presenza in prima squadra.

Non tutti nel club hanno accettato questo invito, ha detto l’ex ala del Castilla Juanfran Moreno L’atleta.

Juanfran ha detto: “Ho giocato davanti a Carvajal (sulla fascia destra) e ho capito che c’era un aereo dietro di me, e sapevo che avrebbe fatto la storia con il Real Madrid”. “Mourinho mi ha ucciso perché ho detto pubblicamente che non sapevo perché fosse passato al Bayer. Sapevo che era pronto per giocare in prima squadra dal suo primo giorno nella riserva del Castilla.

La qualità di Carvajal è stata evidente anche quando si è rapidamente ambientato al Leverkusen ed è stato candidato alla migliore squadra della Bundesliga per la stagione 2012-2013. Dopo che il Real Madrid ha attivato la sua clausola di riscatto da 6,5 ​​milioni di euro l’estate successiva, si è rapidamente assicurato un posto in prima squadra sotto la guida del nuovo allenatore Carlo Ancelotti, giocando un ruolo chiave quando il Real Madrid ha messo fine alla lunga attesa per il decimo titolo di Champions League a giugno Prossimo. .

READ  40 La migliore maxi scooter del 2022 - Non acquistare una maxi scooter finché non leggi QUESTO!

Da allora, Carvajal è diventato il terzino destro di prima scelta di ogni allenatore del Real Madrid. È l’unico giocatore ad essere stato titolare in ciascuna delle sei finali vinte dalla Champions League negli ultimi 11 anni. Tre con Zidane dal 2016 al 2018, e altri tre con Ancelotti nel 2014, 2022 e ora 2024.

La determinazione e la voglia di vincere di Carvajal fanno sì che lui, insieme agli altri ex giocatori del Castilla Nacho e Lucas Vazquez e ai veterani Modric e Toni Kroos, abbiano formato il gruppo dirigente nello spogliatoio di questa stagione. Questo gruppo sa cosa serve per avere successo a Madrid e non è timido nel richiamare i compagni di squadra che non si impegnano al massimo.

Un altro ex compagno di squadra del Castilla, Jorge Casado, ha detto: “Il comportamento e la professionalità di Nacho e Carvajal nella vita quotidiana sono un esempio per i loro compagni di squadra”. L’atleta. “Puoi vedere la loro influenza, la loro spinta contagiosa a continuare a migliorare, a continuare a vincere titoli.”

Sabato, nel primo tempo contro il Dortmund, Carvajal è stato uno dei giocatori del Real Madrid che non era neanche lontanamente al meglio. La mancanza di comunicazione con il partner difensivo Antonio Rudiger ha permesso a Karim Adeyemi di avere la prima grande occasione della serata per gli sfavoriti, anche se in quell’occasione il terzino destro è tornato per effettuare una parata fondamentale.

Non c’era nulla che Carvajal potesse fare contro la velocità di Adeyemi verso la fine del primo tempo, quando l’ala sinistra del Dortmund lo superò facilmente e sparò un tiro che Courtois riuscì a parare.

Ma le cose sono cambiate dopo la fine del primo tempo, e Carvajal è stato tra i giocatori del Real Madrid che sono usciti determinati a non perdere. Poco dopo l’intervallo, ha incontrato un calcio d’angolo di Kroos con un colpo di testa lampeggiante, ma la palla è volata troppo alta. Verso l’ora, ha raggiunto il palo posteriore senza essere segnato, ma non è stato in grado di dare abbastanza potenza al suo tiro.

READ  Reazione straziante per gli atleti russi alle Paralimpiadi

Ma questo non gli si può negare, dato che si è rialzato magnificamente e ha realizzato un altro calcio d’angolo di Kroos nel momento decisivo della finale.


Carvajal segna il primo gol (Dan Mullan/Getty Images)

“Quest’anno tiro sempre i calci d’angolo”, ha detto Carvajal a Movistar TV sabato sera, sorridendo. “La determinazione per me è stata fondamentale, nella mia carriera li ho avvisati con un tiro altissimo, il secondo in cui dovevo segnare.

Carvajal è stato un marcatore a sorpresa, dato che aveva segnato solo in una delle sue precedenti 88 presenze in Champions League. Ma qualcosa è cambiato in questa stagione. È arrivato alla finale di sabato dopo aver segnato cinque gol e fornito cinque assist, oltre a completare i suoi compiti difensivi come presenza fissa in una difesa infortunata – con il portiere Thibaut Courtois e i difensori centrali Eder Militao e David Alaba assenti per gran parte della stagione.

La maggior parte di questi interventi in attacco sono avvenuti anche in momenti chiave, e generalmente hanno più a che fare con la sua personalità e determinazione che con la sua genialità tecnica. Questi gol includono il gol della vittoria al 99′ che ha visto il Real Madrid rimontare dallo 0-2 e battere l’Almería 3-2 in campionato al Bernabeu a gennaio, e il pareggio all’85’ nella semifinale di Supercoppa spagnola contro l’Atletico. Madrid. Il Madrid ha vinto entrambi i premi.

La prestazione da migliore in campo di sabato potrebbe significare ancora di più per Carvajal, dato che alcune delle sue precedenti vittorie in Champions League sono state agrodolci per lui personalmente. Ha lasciato il campo infortunato durante la vittoria del 2016 contro l’Atletico Madrid a Milano e la vittoria del 2018 contro il Liverpool a Kiev.

Questi infortuni gli hanno fatto perdere il Campionato Europeo 2016 e la Coppa del Mondo 2018 con la Spagna. Ma farà parte degli Europei quest’estate come membro chiave della formazione titolare e come voce molto influente nello spogliatoio.

(Immagine in alto: Justin Setterfield/Getty Images)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto