I leader della CFP sono pronti ad approvare la nuova estensione e la ripartizione delle entrate di ESPN. L'espansione non è stata ancora completata

Si prevede che le 10 conferenze FBS e Notre Dame firmeranno venerdì i dettagli chiave che porteranno lo sport un passo avanti verso la prossima iterazione del College Football Playoff, hanno affermato diverse fonti che hanno familiarità con il processo di approvazione. L'atleta. L'accordo è un precursore dell'approvazione dell'estensione di sei anni di ESPN da 7,8 miliardi di dollari che durerà per tutta la stagione 2031-32.

Dopo mesi di discussioni, questa settimana le leghe hanno finalmente concordato un nuovo modello di entrate in cui Big Ten e SEC riceveranno quasi il doppio della quota di entrate CFP rispetto ad ACC e Big 12, a partire dal prossimo decennio nel 2026.

Tuttavia, altri dettagli chiave – in particolare se il campo si espanderà da 12 squadre a 14 e se “Power 2” riceverà più posti automatici rispetto ad altri campionati – non dovrebbero essere finalizzati venerdì. Le decisioni sull'espansione potrebbero essere prese separatamente dall'accordo con ESPN perché la rete non è disposta a pagare più soldi per giochi aggiuntivi nel primo turno, secondo i dirigenti che hanno familiarità con le trattative.

Si prevede invece che le due parti firmino un quadro che includa alcune tutele per tutti se il campo si espande oltre le 12 squadre. C'è stato slancio per un campo da 14 squadre nelle ultime settimane, ma in un'intervista televisiva di giovedì, il commissario della SEC Greg Sankey ha indicato che nessuno dei due accordi tra i gruppi si era ancora ampliato.

“La gente ha parlato di 12 e 14”, ha detto Sankey sulla rete SEC. “Mettiamo questa cosa forse per porre fine alla conversazione, mettiamola sullo scaffale, dove appartengono i reggilibri, per un momento, mettiamo a posto queste 12 cose, chiudiamola e poi andremo avanti.”

READ  Perché i leader hanno portato il progetto a Topgolf

Molteplici fonti che hanno familiarità con il modello delle entrate hanno confermato che la nuova ripartizione è di circa il 29% annuo per le Big Ten e la SEC (più di 21 milioni di dollari per scuola), del 17% per l’ACC (circa 13 milioni di dollari ciascuna) e del 15% per le Big. Dieci 12 (12 milioni di dollari ciascuna) e il 9% per le conferenze del Gruppo dei Cinque messe insieme (circa 1,8 milioni di dollari per scuola). Il resto va agli indipendenti, inclusi più di 12 milioni di dollari a Notre Dame e alla Football Championship Subdivision. È previsto un ulteriore bonus di rendimento disponibile solo per i liberi professionisti per la creazione di un campo CFP.

Si prevede inoltre che il nuovo accordo includa una clausola da considerare fino al 2028, consentendo alle parti di rimodellare l’accordo in base alle prestazioni o di riallineare ulteriormente la conferenza.

Sebbene ogni conferenza e ogni team riceveranno più soldi nel 2026 rispetto al contratto attuale, questa nuova ripartizione delle entrate rappresenta un cambiamento drammatico. Sin dalla nascita della PCP, le conferenze sul potere hanno diviso equamente circa l'80% del totale.

Il nuovo accordo consolida inoltre il vantaggio finanziario che Big Ten e SEC hanno rispetto al resto di FBS, comprese le altre conferenze Power 4 nell’ACC e Big 12. Big Ten e SEC guadagnano già decine di milioni in più all’anno rispetto alle altre due attraverso i nuovi contratti televisivi delle conferenze. Questo accordo CFP aggiunge decine di milioni allo spread, e i Big Ten e la SEC lo hanno assicurato utilizzando la loro influenza come campionato che ospita la maggior parte dei partecipanti al CFP finora.

READ  Le accuse contro Scottie Scheffler sono state archiviate in seguito al suo arresto al di fuori del campionato PGA

Le conferenze del G5 in particolare hanno espresso una certa frustrazione nei confronti dell'accordo, vedendo solo un piccolo aumento nei loro pagamenti e l'eliminazione del bonus di risultato per la qualificazione. I commissari del G5 si sono telefonati all’inizio di questa settimana per parlare della situazione. Ma si rendono anche conto di non avere molta influenza e che è meglio restare nell'ovile piuttosto che fuori. Si sono guadagnati un posto in campo.

I termini dell'accordo con ESPN sono stati definiti da tempo, secondo i dirigenti, ma le conferenze hanno ritardato l'approvazione a causa della mancanza di chiarezza sulla struttura dell'evento una volta che l'attuale contratto scade tra due anni. Il tempo scorreva perché l'accordo ESPN include i diritti per le quattro partite del primo turno nel campus che si giocheranno a dicembre e il mese successivo come parte del nuovo girone a 12 squadre. Il CFP ha incontrato diversi potenziali partner mediatici durante le recenti negoziazioni, ma nessun'altra rete ha fatto un'offerta per acquistare alcun gioco.

Sono necessarie ulteriori discussioni sull’espansione e su come potrebbe apparire. Sono stati discussi più modelli a 14 squadre. In un modello, il cosiddetto formato “3-3-2-2-1”, i Big Ten e la SEC otterrebbero tre posti barca automatici, rispetto ai due per l’ACC e i Big 12 e uno per il Gruppo dei Cinque, insieme con tre posti letto di grandi dimensioni. Tuttavia, sono ancora possibili anche altre opzioni e un modello più semplice “5+9” (cinque qualificazioni automatiche, nove qualificazioni complessive). Tra le protezioni nel quadro che dovrebbe essere firmato venerdì figura il limite che Notre Dame dovrebbe rispettare per creare uno stadio da 14 squadre, a seconda del numero di spazi pubblici disponibili.

READ  Alla 500 Miglia di Indianapolis, Pato O'Ward è triste dopo aver fallito nuovamente

L'idea che i Big Ten e la SEC ricevano automaticamente entrambi i bye in un modello a 14 squadre è stata accolta con reazioni negative ed è improbabile che venga inclusa in un campo a 14 squadre.

Il football universitario deve ancora vedere un playoff a 12 squadre, ma lo sport è ora un passo avanti verso l’accordo su uno stadio più grande, poiché i ricavi continuano a consolidarsi attorno a due conferenze.

L'atletaAndrew Marchand, Scott Dochterman e Seth Emerson hanno contribuito al reporting.

(Foto: Kirby Lee/USA Today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto