Il pendolo dei prezzi oscilla nuovamente verso sconti entro certi limiti

I consumatori americani, stremati da tre anni di inflazione, vogliono prezzi più bassi. I grandi rivenditori che hanno aumentato i prezzi, in parte per far fronte all’aumento dei costi, sembrano rispondere alle preoccupazioni dei clienti, fino a un certo punto.

Walgreens Egli ha detto La settimana scorsa ha ridotto i prezzi su più di 1.000 articoli. Target ha recentemente annunciato modesti tagli di prezzo su 5.000 prodotti alimentari e per la casa. Anche negozi di artigianato e mobili come Michael’s e Ikea hanno affermato che abbasseranno i prezzi sugli articoli più popolari.

Un’ampia gamma di aziende ha indicato nelle previsioni sugli utili trimestrali che intendono rallentare gli aumenti dei prezzi e cercare altri modi per espandere la redditività.

Segnalare empatia verso i clienti che devono affrontare un costo della vita più elevato è una strategia di marketing sempre più importante, affermano gli analisti del commercio al dettaglio. Ma indipendentemente dai fattori trainanti, si tratta di un cambiamento che potrebbe contribuire ad allentare l’inflazione nei prossimi mesi.

“I rivenditori si sono resi conto che devono fare alcune mosse sui prezzi perché il cliente sta arrivando al punto in cui acquista di più e stanno riducendo la quantità che acquista”, ha affermato Neil Saunders, amministratore delegato di GlobalData. Società di vendita al dettaglio, ricerca e consulenza.

In un certo senso, il settore sembra entrare in una nuova fase.

Dopo un arduo sforzo da parte dei rivenditori per gran parte degli anni 2000, quando spesso ricorrevano a forti sconti per guadagnare o mantenere quote di mercato, la pandemia ha stravolto le abitudini dei consumatori. All’improvviso, i conti bancari sono stati rafforzati dagli aiuti federali di emergenza e milioni di consumatori, incapaci o non disposti a spendere per servizi personali, si sono rivolti all’acquisto di beni.

Poi, quando le riaperture hanno rivitalizzato l’economia, i salari sono aumentati e i rivenditori hanno trasferito i ricarichi con relativa facilità. Gran parte dell’inflazione è legata all’aumento dei costi di produzione, manodopera o trasporto che le aziende hanno dovuto affrontare nel 2021 e nel 2022. Alcuni non lo erano e contribuirono a generare enormi profitti.

READ  I futures Dow scendono: cosa fare dopo il rally del mercato azionario di oggi; La Fed aumenterà i tassi

Dati economici recenti Tuttavia, gli utili aziendali mostrano che questa leva sugli acquirenti – nota come “potere dei prezzi” – sta diminuendo.

Ad esempio, Coca-Cola ha riferito che, sebbene i suoi ricavi complessivi siano cresciuti nel primo trimestre, in gran parte a causa dei precedenti aumenti dei prezzi, il volume delle vendite in Nord America è rimasto stabile.

“L’attenuarsi delle distorsioni dovute alla pandemia significa che i consumatori tornano ad essere sensibili al prezzo e il potere di determinazione dei prezzi evapora”, ha affermato Julia Coronado, ex economista della Fed e presidente di MacroPolicy Perspectives.

Nell’ultimo anno i prezzi complessivi delle materie prime sono aumentati solo dello 0,1%. Secondo la misura dell’inflazione preferita dalla Federal Reserve.

Guadagni deludenti da marchi di lusso come Starbucks, che ha visto un calo del traffico, e grandi magazzini come Kohl’s, Che ha registrato perdite netteha dimostrato che un gruppo eterogeneo di aziende si trova ad affrontare una base di consumatori che sta diventando sempre più selettiva e alla ricerca di valore.

Nell’ultimo anno, una serie di clienti scontenti di McDonald’s si sono rivolti ai social media e hanno pubblicato ricevute per ordini che ritengono troppo cari. (Nel 2019, il costo medio di un Big Mac di McDonald’s era di 4,39 dollari. Ora costa 5,29 dollari, con un aumento del 21%).

Lo scorso febbraio, quando il suo CFO ha riconosciuto che “i consumatori stanno diventando più cauti – e preoccupati – riguardo ai prezzi”, l’azienda Si è impegnato a concentrarsi sull’accessibilità economica. Ora McDonald’s promuove un pasto da 5 dollari. Burger King ha annunciato la settimana scorsa che avrebbe offerto un pasto simile da 5 dollari.

Un altro gigante del fast food, Wendy’s, ha dovuto affrontare il disprezzo online a febbraio dopo che i dirigenti avevano detto agli investitori che intendeva sperimentare il prezzo degli articoli in base ai livelli di domanda in determinati orari. La catena ha rapidamente assicurato che “non ha intenzione” di “aumentare i prezzi quando i nostri clienti ci visiteranno più spesso” questo mese Trasformato in promozione Colazione da $ 3.

READ  Le case automobilistiche hanno interrotto la produzione sulla scia dell'invasione russa e anche altre società si stanno spingendo

Anche se questo può sembrare il tipo di competizione per la riduzione dei prezzi che era più comune dieci anni fa, gli analisti del commercio al dettaglio, che coprono una vasta gamma di produttori di snack, marchi di abbigliamento, catene di ristoranti e aziende di prodotti in generale, non vedono un’inversione di tendenza accadendo.

“Non solo queste società vogliono mantenere i loro dividendi, ma non penso che abbiano il desiderio di correre al ribasso”, ha affermato David Silverman, analista retail di Fitch Ratings.

Questa corsa negli anni 2000 per realizzare le migliori vendite possibili è stata grandiosa per i consumatori. I prezzi delle materie prime sono stati spesso stabili o in calo (una rarità nel settore dei servizi) poiché decenni di globalizzazione e innovazioni tecnologiche hanno ridotto i costi di manodopera e di produzione. Ma questa corsa per attirare i consumatori con opzioni poco costose spesso pone un limite basso ai potenziali profitti a livello di settore.

Le aziende hanno poco interesse a rinnovare questa dinamica. Si stanno avvicinando ad altri modi per attirare i clienti e rassicurarli che stanno ottenendo il valore dei loro soldi, anche se i prezzi complessivi non torneranno mai ai livelli del 2019.

I grandi nomi degli anni ’90 Gap e Abercrombie & Fitch hanno registrato risultati trimestrali impressionanti grazie al rebranding. I dirigenti di Chipotle, dove i margini di profitto sono cresciuti e le vendite in negozio sono aumentate del 19% nell’ultimo anno, stanno prosperando, nonostante l’aumento del costo dei burritos, riducendo i tempi di attesa e pubblicizzandosi come un’opzione più sana a un prezzo di pochi dollari in più. rispetto ai rivali durante i pasti, dicono i dirigenti. .

READ  Un paio di WarnerBros. I membri del consiglio di Discovery si dimettono durante l'indagine antitrust del Dipartimento di Giustizia

Ad aprile, Walmart ha introdotto una linea nutrizionale speciale e ha affermato che oltre il 70% dei prodotti all’interno di tale assortimento costerebbe meno di 5 dollari.

Un altro motivo per cui analisti e addetti ai lavori del settore ritengono improbabile un ciclo di corsa al ribasso dei prezzi è che le aziende hanno creato sofisticate attività di e-commerce a partire dal 2020. Sono in grado di soddisfare una varietà di gusti e misurare quanto i clienti sono disposti a pagare. utilizzando grandi quantità di… Dati come informazioni sulla carta di credito e intelligenza artificiale.

Deborah Weinswig, CEO di Coresight Research, una società di ricerca e consulenza i cui clienti includono Microsoft, Kroger e Walmart, afferma che il suo team ha lavorato più che mai lo scorso anno per aiutare le aziende con prezzi dinamici. Questi progetti implicano una maggiore flessibilità nella fissazione dei prezzi in base alla concorrenza, al background dei singoli clienti e alla loro propensione ad acquistare un prodotto in un dato momento.

La signora Weinswig riconosce che alcuni trovano questa pratica fastidiosa. Ha detto che simpatizza con questo, ma lo vede come una tendenza inevitabile guidata dalla tecnologia. “È molto divertente; se cambi il codice postale del luogo in cui fai acquisti, il che può comportare un prezzo molto più alto per un prodotto”, è in un certo senso abbastanza scandaloso: “Perché dovrei pagare di più?”

Silverman ha affermato che in questo momento i rivenditori devono essere in sintonia con i desideri fondamentali dei clienti. Secondo lui, le aziende, che vendano contenitori per il pranzo, sandali o attrezzi da giardino, faranno del loro meglio fornendo comfort o soddisfazione, anche se non al prezzo più basso possibile.

“Queste aziende non devono competere per essere il fornitore con il prezzo più basso perché hanno altre cose da offrire che il consumatore desidera”, ha affermato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto