Il presidente russo Putin arriva in Cina in segno di unità tra gli alleati

PECHINO (AP) – Il presidente russo Vladimir Putin è arrivato giovedì a Pechino per una visita di stato di due giorni in Cina, una dimostrazione di unità tra i due alleati autoritari mentre Mosca porta avanti una nuova offensiva in Ucraina.

Una guardia d’onore dell’Esercito popolare di liberazione, il braccio armato del Partito comunista cinese al potere, ha incontrato Putin mentre scendeva dall’aereo all’alba.

Una brigata della polizia militare in motociclette ha accompagnato il suo convoglio in città, e sono previsti successivi incontri con il suo omologo Xi Jinping e altri alti funzionari per riaffermare il loro impegno per la relazione “senza confini” firmata nel 2022, prima che la Russia liberi la sua piena capacità nucleare. -Invasione su larga scala dell’Ucraina.

Da allora, la Russia è diventata sempre più dipendente economicamente dalla Cina, poiché le sanzioni occidentali hanno interrotto il suo accesso a gran parte del sistema commerciale internazionale.

Alla vigilia della visita, Putin ha dichiarato in un’intervista ai media cinesi che il Cremlino era pronto a negoziare il conflitto in Ucraina. “Siamo aperti al dialogo sull’Ucraina, ma tali negoziati devono tenere conto degli interessi di tutti i paesi partecipanti al conflitto, compreso il nostro”, ha detto Putin all’agenzia di stampa cinese Xinhua.

La visita di due giorni del presidente russo coincide con la visita delle forze armate del suo paese Ho premuto un attacco Nella regione di Kharkiv, nel nord-est dell’Ucraina, è iniziata la settimana scorsa la più significativa incursione al confine dall’inizio dell’invasione su vasta scala, costringendo quasi 8.000 persone a fuggire dalle proprie case.

Insieme agli sforzi di Mosca per sfruttare le sue conquiste nella vicina regione di Donetsk, la guerra durata due anni è entrata in una fase critica per l’esercito ucraino, indebolito, che ora si trova in una situazione critica. In attesa di nuovi rifornimenti Missili antiaerei e proiettili di artiglieria provenienti dagli Stati Uniti.

Il presidente russo Vladimir Putin presiede un incontro con i membri del nuovo governo al Cremlino di Mosca, Russia, martedì 14 maggio 2024. (Vyacheslav Prokofiev, Sputnik, Kremlin Pool Photo via AP)

FILE - Il presidente cinese Xi Jinping parla durante un brindisi durante una cena di stato al Palazzo dell'Eliseo a Parigi, lunedì 6 maggio 2024. Il presidente russo Vladimir Putin afferma che il suo regime è pronto a negoziare il conflitto in Ucraina in un'intervista ai media cinesi su alla vigilia di una visita al suo partner Pechino, che ha sostenuto Mosca nella sua invasione su larga scala del suo vicino.  (Ludovic Marin, pool tramite AP, file)

FILE – Il presidente cinese Xi Jinping parla durante un brindisi durante una cena di stato al Palazzo dell’Eliseo a Parigi, lunedì 6 maggio 2024. Il presidente russo Vladimir Putin afferma che il suo regime è pronto a negoziare il conflitto in Ucraina in un’intervista ai media cinesi su alla vigilia di una visita al suo partner Pechino, che ha sostenuto Mosca nella sua invasione su larga scala del suo vicino. (Ludovic Marin, pool tramite AP, file)

La New China News Agency (Xinhua) ha citato le parole di Putin: “Non ci siamo mai rifiutati di negoziare”. “Cerchiamo una soluzione globale, sostenibile ed equa di questo conflitto attraverso mezzi pacifici. Siamo aperti al dialogo sull’Ucraina, ma tali negoziati devono tenere conto degli interessi di tutti i paesi coinvolti nel conflitto, compreso il nostro”.

READ  È morto all’età di 90 anni Daniel Kahneman, premio Nobel e autore di Thinking, Fast and Slow.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyj ha affermato che qualsiasi negoziato deve includere il ripristino dell’integrità territoriale dell’Ucraina, il ritiro delle forze russe, il rilascio di tutti i prigionieri, un tribunale per i responsabili dell’aggressione e garanzie di sicurezza per l’Ucraina.

La Cina afferma di essere neutrale nel conflitto, ma ha sostenuto le affermazioni di Mosca secondo cui l’Occidente avrebbe provocato la Russia ad attaccare l’Ucraina, nonostante le pubbliche ammissioni di Putin di voler ripristinare i secolari confini della Russia come motivo del suo attacco.

Putin ha incolpato l’Occidente per il fallimento dei negoziati nelle prime settimane di guerra e ha elogiato il piano di pace della Cina in Ucraina, che consentirebbe a Mosca di consolidare le sue conquiste regionali.

Ha affermato: “Pechino propone passi pratici e costruttivi per raggiungere la pace, astenendosi dal perseguire interessi acquisiti e dal continuo inasprimento delle tensioni, e riducendo l’impatto negativo del conflitto sull’economia globale”.

Putin ha affermato che la proposta cinese nel 2023, respinta dall’Ucraina e dall’Occidente, potrebbe “gettare le basi per un processo politico e diplomatico che tenga conto delle preoccupazioni di sicurezza della Russia e contribuisca al raggiungimento di una pace sostenibile a lungo termine”.

Il Cremlino ha affermato in una nota che durante i colloqui di questa settimana, Putin e il leader cinese Xi Jinping “terranno una discussione dettagliata sull’intera gamma di questioni relative al partenariato globale, alla cooperazione strategica e identificheranno nuove direzioni per l’ulteriore sviluppo della cooperazione tra i due Paesi”. due paesi”. Russia e Cina stanno inoltre svolgendo un approfondito scambio di opinioni sulle questioni internazionali e regionali più acute.

Putin ha iniziato questo mese il suo quinto mandato.

READ  La Silicon Valley cinese di Shenzhen ordina la produzione per fermare il controllo del Covid

Parlando martedì alla camera alta del parlamento russo, il ministro degli Esteri Sergei Lavrov ha affermato che Mosca e Pechino sono “oggettivamente interessate a mantenere i nostri progressi negli sforzi per stabilire un ordine mondiale più giusto e democratico”.

“La Russia e la Cina non sono le sole nei loro sforzi per riformare il sistema internazionale e contribuire a creare un ordine mondiale multipolare”, ha affermato.

Lavrov ha sottolineato che “il duo Mosca-Pechino svolge un importante ruolo di equilibrio negli affari globali”, aggiungendo che “l’imminente visita del presidente russo in (Cina) rafforzerà il nostro lavoro congiunto”.

Mosca ha stretto legami sempre più stretti con Pechino mentre la guerra entra nel suo terzo anno, spostando la maggior parte delle sue esportazioni di energia verso la Cina e facendo affidamento sulle aziende cinesi per importare componenti ad alta tecnologia per le industrie militari russe per aggirare le sanzioni occidentali.

Anche le relazioni militari tra Russia e Cina si sono rafforzate. I due paesi hanno condotto una serie di esercitazioni di guerra congiunte negli ultimi anni, comprese esercitazioni navali e pattuglie di bombardieri a lungo raggio sul Mar del Giappone e sul Mar Cinese Orientale. Anche le forze di terra russe e cinesi si sono schierate nel territorio dell’altro Paese per condurre un addestramento congiunto.

La Cina rimane un mercato importante per l’esercito russo, mentre sta anche espandendo in modo significativo le sue industrie di difesa nazionali, compresa la costruzione di portaerei e sottomarini nucleari.

Putin aveva precedentemente affermato che la Russia condivide tecnologie militari molto sensibili con la Cina, il che ha notevolmente contribuito a migliorare la sua capacità di difesa. Nell’ottobre 2019, ha riferito che la Russia stava aiutando la Cina a sviluppare un sistema di allarme rapido per rilevare lanci di missili balistici, un sistema che include radar e satelliti terrestri che solo la Russia e gli Stati Uniti possiedono.

READ  Inondazioni in Russia: si verifica una “evacuazione di massa” mentre l’alluvione peggiora

___

Bodin ha riferito da Taipei.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto