Il tribunale di Londra emetterà la sentenza sull’estradizione di Julian Assange

Fondatore di WikiLeaks Giuliano Assange Lunedì si saprà se gli è stata concessa una tregua nella sua ultima battaglia legale nel Regno Unito per evitare l’estradizione negli Stati Uniti.

Il cittadino australiano di 52 anni sta chiedendo il permesso di ricorrere in appello contro una sentenza che gli consente di essere inviato ad affrontare un processo statunitense con l’accusa di spionaggio.

I due giudici dell’Alta Corte di Londra, che si sono occupati della richiesta di Assange, hanno rinviato il caso a marzo, chiedendo agli avvocati del governo americano di tornare con “garanzie soddisfacenti” che la libertà di espressione era protetta e che non avrebbe affrontato la pena di morte se condannato.

Si prevede che tali mozioni saranno presentate in udienza lunedì e i giudici potrebbero emettere una sentenza subito dopo.

Se il suo appello avrà successo, Assange avrà più opportunità di difendere il suo caso davanti ai tribunali nazionali del Regno Unito.

Se perde, avrà esaurito tutte le sue opzioni legali nel Regno Unito e potrebbe essere estradato rapidamente, ponendo fine a una battaglia legale durata cinque anni che ha contrapposto i governi di Washington e Londra agli attivisti per la libertà di parola.

L’unica speranza di Assange dopo ciò è ricorrere alla Corte Europea dei Diritti Umani, che potrebbe ordinare una sospensione della sua estradizione se decidesse che ci sono “circostanze eccezionali”.

Richiederebbe inoltre che Londra accetti l’ordine, il che è incerto data la disputa in corso con la Corte Europea che ha bloccato il piano del governo di inviare richiedenti asilo in Ruanda.

Assange è detenuto nel carcere di massima sicurezza di Belmarsh, nel sud-est di Londra, dall’aprile 2019.

READ  John Alfred Tinniswood: un uomo britannico di 111 anni nato lo stesso anno in cui affondò il Titanic è ora l'uomo più anziano del mondo.

È stato arrestato dopo aver trascorso sette anni rintanato nell’ambasciata ecuadoriana a Londra per evitare l’estradizione in Svezia, dove ha dovuto affrontare accuse di violenza sessuale che alla fine sono state ritirate.

– ‘Corrotto’ –

Le autorità americane vogliono perseguire l’editore con l’accusa di aver divulgato segreti militari americani sulle guerre in Iraq e Afghanistan.

Assange è accusato di aver pubblicato circa 700.000 documenti segreti relativi alle attività militari e diplomatiche americane a partire dal 2010.

Gli Stati Uniti stanno cercando di condannare Assange ai sensi dell’Espionage Act del 1917, che secondo i sostenitori potrebbe vederlo affrontare una pena detentiva di 175 anni.

I tribunali del Regno Unito hanno approvato la richiesta di estradizione dopo che gli Stati Uniti si sono impegnati a non imprigionarlo nel carcere più estremo, l’ADX Florence, e a non sottoporlo al duro regime noto come “Misure amministrative speciali”.

Mercoledì scorso i suoi sostenitori hanno criticato le procedure legali che ha dovuto affrontare.

“Naturalmente è abbastanza chiaro che il processo in tribunale nel Regno Unito è corrotto. Il caso è stato truccato contro Julian”, ha detto ai giornalisti il ​​caporedattore di WikiLeaks Kristin Hrafnsson.

Stella Assange ha detto che spera che suo marito sia presente all’udienza di lunedì, ma ha aggiunto che non si aspetta che i giudici si pronuncino a suo favore.

“Non mi aspetto un risultato razionale dai tribunali, ho paura di dirlo”, ha detto.

I sostenitori di Assange dicono che la sua salute è fragile, e il Consiglio d’Europa questa settimana ha espresso preoccupazione per il suo trattamento.

Gli Stati Uniti hanno incriminato Assange più volte tra il 2018 e il 2020, ma il presidente Joe Biden ha dovuto affrontare continue pressioni interne e internazionali per archiviare il caso avviato dal suo predecessore, Donald Trump.

READ  Agenti governativi fanno irruzione nella residenza del presidente peruviano Boluarte nell'ambito di un'indagine sugli orologi di lusso

Biden ha recentemente indicato che gli Stati Uniti stanno prendendo in considerazione una richiesta da parte dell’Australia di far cadere le accuse.

“Il presidente Biden ha ancora la possibilità di essere il presidente che mette fine a tutto questo, che agisce a favore della libertà di stampa”, ha affermato Rebecca Vincent di Reporter Senza Frontiere.

jwp/phz/bp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto