Israele afferma di aver riaperto un passaggio principale verso Gaza, ma le Nazioni Unite affermano che non sono entrati aiuti

GERUSALEMME (AP) – Mercoledì l’esercito israeliano ha dichiarato di aver riaperto il valico di Kerem Shalom verso Gaza dopo giorni di chiusura, ma le Nazioni Unite hanno affermato che finora non sono entrati aiuti umanitari e non c’era nessuno a riceverli dalla parte palestinese dopo che i lavoratori sono fuggiti durante l’incursione.

Il valico di Kerem Shalom tra Gaza e Israele è stato chiuso lo scorso fine settimana dopo che un attacco missilistico di Hamas ha ucciso quattro soldati israeliani nelle sue vicinanze, e martedì una brigata di carri armati israeliani ha chiuso il valico di Kerem Shalom tra Gaza e Israele. Ha sequestrato il vicino valico di Rafah Tra Gaza e l’Egitto, che ha portato alla sua chiusura. Le due strutture sono le principali porte d’accesso per cibo, medicine e altri beni necessari alla sopravvivenza dei 2,3 milioni di palestinesi di Gaza.

L’invasione israeliana non sembra essere l’inizio dell’invasione globale della città di Rafah che Israele ha più volte promesso. Ma i funzionari umanitari avvertono che una chiusura prolungata dei due valichi potrebbe far fallire le operazioni di soccorso, peggiorando la crisi umanitaria a Gaza, dove le Nazioni Unite affermano che sono necessari maggiori aiuti umanitari. “Carestia totale” Già in corso al Nord.

Gli Stati Uniti si sono fermati Un carico di bombe La settimana scorsa, Israele ha informato Israele della preoccupazione che Israele sia vicino a prendere una decisione sul lancio di un attacco su larga scala a Rafah, esacerbando le divisioni tra i due stretti alleati. Mercoledì, il presidente Joe Biden ha dichiarato che non avrebbe fornito a Israele armi offensive che potrebbero utilizzare per lanciare un attacco su larga scala a Rafah.

In un’intervista alla CNN, Biden ha affermato che gli Stati Uniti restano impegnati a difendere Israele e forniranno a Israele missili intercettori e altre armi difensive, ma se Israele andrà a Rafah, “non gli forniremo armi e proiettili di artiglieria”. usato, usato.”

Gli Stati Uniti si dicono preoccupati per la sorte di circa 1,3 milioni di palestinesi stipati a Rafah, la maggior parte dei quali È fuggito dai combattimenti altrove.

Nel frattempo, Stati Uniti, Egitto e Qatar stanno intensificando gli sforzi per colmare il divario Possibile accordo Per almeno un cessate il fuoco temporaneo e il rilascio di alcuni ostaggi israeliani ancora detenuti da Hamas. Israele ha collegato il minacciato processo di Rafah al destino di quei negoziati. Il direttore della CIA William Burns, che sta effettuando dei tour navetta nella regione per colloqui su un accordo di cessate il fuoco, ha incontrato mercoledì il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu, secondo un funzionario americano che ha parlato in condizione di anonimato per discutere i negoziati a porte chiuse.

READ  La guerra tra Israele e Hamas: Israele ordina nuove evacuazioni nella città di Rafah a Gaza

Con la presa di Rafah, Israele ora controlla tutti i valichi di Gaza per la prima volta da quando ha ritirato le sue forze e i suoi coloni dalla Striscia quasi due decenni fa, sebbene abbia mantenuto il blocco in cooperazione con l’Egitto per la maggior parte del tempo. Il valico di Rafah è stato un canale vitale per gli aiuti umanitari sin dall’inizio della guerra ed è l’unico luogo in cui le persone possono entrare e uscire. Kerem Shalom è la principale stazione marittima di Gaza.

Il vicedirettore esecutivo del Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite, Karl Skau, ha dichiarato all’Associated Press che l’agenzia ha perso l’accesso al suo magazzino alimentare di Gaza a Rafah, che secondo lui è stato “contattato come una zona interdetta”.

“Ci rendiamo conto che è ancora lì, ma siamo molto preoccupati per il saccheggio”, ha detto Skau durante una visita nel vicino Libano, aggiungendo che un magazzino logistico delle Nazioni Unite a Rafah era già stato saccheggiato. Ha aggiunto che il Programma alimentare mondiale è riuscito a mettere in sicurezza un magazzino a Deir al-Balah, nel centro di Gaza, ma non gli ha ancora fornito scorte di cibo.

I giornalisti dell’Associated Press hanno sentito esplosioni sparse e spari nell’area del valico di Rafah durante la notte, comprese due grandi esplosioni all’inizio di mercoledì. Mercoledì pomeriggio, i registri ospedalieri hanno mostrato che almeno 25 persone sono rimaste ferite dopo che il fuoco dell’artiglieria israeliana ha bombardato parte del centro di Rafah, un’area che Israele non aveva chiesto ai palestinesi di evacuare prima dell’operazione. L’esercito non ha rilasciato commenti immediati.

Un funzionario militare israeliano ha affermato che mercoledì Hamas ha sparato proiettili non identificati al valico di Kerem Shalom, confermando una precedente affermazione del gruppo armato. Non ci sono notizie immediate di feriti gravi. Il funzionario, che ha parlato a condizione di anonimato in attesa di un annuncio ufficiale, ha detto che l’attacco renderà difficile continuare a consegnare gli aiuti, ma il valico verrà riaperto giovedì.

READ  Biden definisce Putin un "dittatore omicida" e afferma che la Russia sta "conducendo una guerra immorale" - US Politics Live | Notizie dagli Stati Uniti

L’organismo militare israeliano responsabile degli affari civili palestinesi ha affermato che il valico di Kerem Shalom è stato riaperto mercoledì mattina presto e ha pubblicato un video di quelli che si dice siano camion umanitari che entrano nell’area di attraversamento lunga un chilometro. Il video mostrava poi il loro carico mentre veniva scaricato. Normalmente, gli autisti palestinesi dall’altro lato del valico devono ricevere gli aiuti dopo che sono stati scaricati e trasportati alle destinazioni di distribuzione all’interno di Gaza. Il video non mostrava la ricezione di aiuti.

Juliette Touma, direttrice delle comunicazioni dell’UNRWA, ha spiegato che non sono arrivati ​​aiuti fino al tardo pomeriggio di mercoledì e che l’agenzia delle Nazioni Unite ha dovuto razionare la distribuzione del carburante, che viene importato attraverso il valico di Rafah.

Nel frattempo, il Ministero della Sanità di Gaza ha affermato che almeno 46 persone malate e ferite, che avrebbero dovuto partire martedì per cure mediche, sono rimaste bloccate.

Le agenzie delle Nazioni Unite e le organizzazioni umanitarie hanno intensificato gli aiuti umanitari nelle ultime settimane dopo che Israele ha revocato alcune restrizioni e aperto un ulteriore valico nel nord sotto la pressione degli Stati Uniti, il suo più stretto alleato.

Ma gli operatori umanitari affermano che la chiusura del valico di Rafah, l’unico passaggio per il carburante per camion e generatori, potrebbe avere gravi ripercussioni, e le Nazioni Unite affermano che il nord di Gaza è già nel caos. “Carestia totale.”

Skau del Programma alimentare mondiale ha affermato che nelle ultime settimane è stato consegnato del cibo al nord.

“Quando siamo andati lassù, le persone emergevano da sotto le macerie in uno stato molto debole, incapaci persino di trasportare una scatola di cibo”, ha detto, aggiungendo che un aumento delle malattie infettive tra i bambini potrebbe peggiorare la crisi nel nord.

Ha aggiunto: “È la combinazione di malattie diffuse e grave malnutrizione che forma questa combinazione mortale”.

READ  Crollo di un edificio a Maiorca: quattro persone uccise e altre 16 ferite, secondo i soccorritori

L’Ufficio per il coordinamento delle attività governative nei territori ha affermato che martedì 60 camion umanitari sono entrati attraverso il valico settentrionale. Prima della guerra, circa 500 camion entravano a Gaza ogni giorno.

La guerra è iniziata quando i combattenti di Hamas hanno violato le difese israeliane il 7 ottobre Le vicine basi militari e le comunità agricole furono invaseDi conseguenza, circa 1.200 persone furono uccise, la maggior parte delle quali civili, e altre 250 furono rapite. Si ritiene che Hamas detenga ancora circa 100 ostaggi e i resti di più di trenta altri, dopo che la maggior parte degli altri è stata rilasciata durante il cessate il fuoco raggiunto a novembre.

La guerra ha ucciso più di 34.800 palestinesi, secondo i funzionari sanitari di Gaza, e ha costretto circa l’80% della popolazione di Gaza, pari a 2,3 milioni di palestinesi, ad abbandonare le proprie case. Era la campagna militare israeliana Uno dei più sanguinosi e distruttivi della storia modernaCiò ha portato a ridurre in macerie gran parte di Gaza.

Biden ha ripetutamente messo in guardia Netanyahu dal lanciare un’invasione di Rafah. Ma i partner della coalizione di estrema destra di Netanyahu hanno minacciato di far cadere il suo governo se dovesse annullare l’attacco o fare troppe concessioni nei colloqui per il cessate il fuoco.

Storicamente, gli Stati Uniti hanno fornito a Israele enormi quantità di aiuti militari, che hanno subito un’accelerazione dall’inizio della guerra.

La spedizione bloccata avrebbe dovuto consistere di 1.800 bombe da 2.000 libbre (900 chilogrammi) e 1.700 bombe più piccole, con la preoccupazione americana concentrata su come le bombe più grandi sarebbero state utilizzate nelle aree urbane affollate, ha detto martedì un funzionario americano sulla situazione. Anonimato per discutere di questa questione delicata. Il funzionario ha affermato che non è stata ancora presa alcuna decisione definitiva sull’opportunità di procedere con la spedizione.

___

Magdy ha riferito dal Cairo e Leidman da Tel Aviv, Israele. I giornalisti dell’Associated Press Amer Madhani e Zeke Miller a Washington, Karim Chehayeb a Beirut e Julia Frankel a Beirut hanno contribuito a questo rapporto.

___

Segui la copertura bellica di AP su https://apnews.com/hub/israel-hamas-war

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto