La “Cometa del Diavolo” passerà la distanza più vicina alla Terra tra 71 anni

Iscriviti alla newsletter scientifica Wonder Theory della CNN. Esplora l’universo con notizie di scoperte affascinanti, progressi scientifici e altro ancora.



CNN

Un’insolita cometa cornuta nota per la sua serie di esplosioni, soprannominata “La cometa del diavolo”, si avvicinerà alla Terra domenica intorno alle 3:00 ET.

Mentre la cometa non è stata visibile a coloro che si trovano nell’emisfero settentrionale dalla prima settimana di maggio, gli osservatori del cielo nell’emisfero meridionale hanno maggiori possibilità di intravedere l’oggetto misterioso attraverso un binocolo o un telescopio.

Il motivo esatto per cui una cometa dinamica assume la forma che ha portato a paragoni con la navicella spaziale Millennium Falcon dei film “Star Wars” quando è esplosivamente attiva rimane un mistero per gli scienziati. Ma il corpo celeste completa solo un’orbita attorno al sole circa ogni 71 anni, in modo simile alla cometa di Halley, rendendo le sue prospettive di osservazione ravvicinata un’opportunità irripetibile.

Dato che la cometa non passerà più vicino alla Terra per decenni, le osservazioni collettive degli astronomi potrebbero fornire informazioni chiave sulla sua vera natura e sul suo comportamento.

Ufficialmente conosciuta come cometa 12P/Pons-Brooks, il corpo celeste ha compiuto il suo passaggio più vicino al Sole il 21 aprile, arrivando a 74,4 milioni di miglia (119,7 milioni di km) dalla nostra stella.

Domenica la cometa raggiungerà il punto più vicino alla Terra, ma sarà a più di 230 milioni di chilometri dal nostro pianeta e non rappresenterà alcun pericolo. Per riferimento, il Sole è a 93 milioni di miglia (149 milioni di km) dalla Terra.

Il dottor Dave Schleicher, un astronomo dell’Osservatorio Lowell in Arizona, ha affermato che la luminosità della cometa ha raggiunto il picco alla fine di aprile, per poi diminuire costantemente per tre o quattro settimane.

“Per le persone al di sotto dell’equatore, le prossime settimane e mesi potrebbero essere la prima buona occasione per vedere questo oggetto dagli anni ’50”, ha detto l’astronomo Dr. Teddy Carretta, ricercatore post-dottorato presso la Lowell University.

Due prolifici scopritori, Jean-Louis Pons e William Robert Brooks, osservarono indipendentemente la cometa satanica Pons nel 1812 e Brooks nel 1883. Ma è probabile che la cometa abbia compiuto molti viaggi attorno al Sole nel corso di migliaia di anni, molto prima che fosse creduta dagli astronomi. credere che le comete siano comete. Qualsiasi cosa diversa da “qualcosa di strano nell’atmosfera”, ha detto Schleicher.

Caretta ha detto che gli astronomi stimano che il diametro dell’enorme cometa sia compreso tra 6,2 e 12,4 miglia (da 10 a 20 chilometri).

Il raro visitatore ha un aspetto verde tipico della maggior parte delle comete perché contiene molecole di carbonio biatomiche che assorbono la luce solare ed emettono un colore che appare verde dalla nostra prospettiva, ha detto Schleicher.

Pons Brooks ha recentemente catturato l’attenzione degli astronomi dopo aver mostrato un comportamento interessante che ha fatto sì che la cometa sviluppasse un aspetto cornuto e si librasse attraverso il nostro sistema solare.

La cometa è stata testimone di una serie di esplosioni negli ultimi otto mesi, vomitando gas e polvere. Anche se tali rilasci non sono rari nelle comete, e in altre comete è stata osservata la forma di una mezzaluna o di Pac-Man, è difficile sapere cosa sia normale per Pons Brooks.

READ  La scoperta "scioccante" del JWST potrebbe indicare un'esoluna nascosta attorno alla "stella fallita"

“Direi che è un po’ insolito in termini di numero di esplosioni che si sono verificate”, ha detto Schleicher. “D’altra parte, non è che tu abbia buoni documenti del passato che ti facciano sapere cosa è tipico. E sospetto che, dato il numero abbastanza elevato di esplosioni che si sono verificate negli ultimi otto mesi, sia abbastanza chiaro che si tratta di un evento regolare per Ponce Brooks.” .

Le comete sono pezzi di polvere, roccia e ghiaccio, essenzialmente resti congelati della formazione del sistema solare. Contengono anche elementi congelanti come anidride carbonica e monossido di carbonio.

Schleicher ha detto che le comete si riscaldano e brillano quando si avvicinano al sole, e alcuni dei gas congelati immagazzinati nelle comete non hanno bisogno di essere riscaldati molto prima di iniziare a trasformarsi in vapore.

Osservatorio Theodore Carretta/Lowell

Il punto luminoso in espansione (al centro) è un’esplosione della cometa 12P/Pons-Brooks avvenuta un giorno prima che il Lowell Discovery Telescope in Arizona catturasse questa immagine nell’ottobre 2023.

“Pensiamo che il fattore principale, ovviamente, sia il riscaldamento dovuto al sole”, ha detto. “La cometa sta arrivando; è rimasta ghiacciata per anni. Il calore si farà strada dalla superficie fino a dove c’è ghiaccio di anidride carbonica o monossido di carbonio.

Gli astronomi sospettano che le esplosioni di Pons-Brooks siano avvenute durante eventi ricorrenti, in cui il calore vaporizza il materiale all’interno della cometa, provocando l’accumulo di pressione e la rottura della superficie. Anche se l’esplosione di gas non sarebbe visibile ai telescopi, la polvere sollevata da essa creerebbe il tipo di eventi osservati da Ponce Brooks, ha detto Schleicher.

READ  La NASA ancora non comprende la causa principale del problema dello scudo termico di Orion

Gli scienziati hanno tracciato i getti di materiale osservati fuoriuscire dalla cometa mentre esplodeva verso due regioni sorgente sulla sua superficie. Gli astronomi sono perplessi sul motivo per cui “l’intera superficie non sta esplodendo come un matto”, ha detto Schleicher.

Le osservazioni suggeriscono che il ghiaccio si è sfaldato dalla maggior parte della superficie, o che il ghiaccio è evaporato, lasciando dietro di sé solo lo sporco, ma gli astronomi “non sono del tutto sicuri di quale di questi meccanismi stia conducendo lo spettacolo”, ha detto.

Caretta ha detto che le esplosioni della cometa sembrano essersi fermate e da febbraio non si è più verificata alcuna attività esplosiva.

Gli astronomi hanno osservato Pons Brooks nella speranza di rivelare maggiori dettagli sulla sua velocità di rotazione, o sulla velocità con cui le comete ruotano mentre si muovono nello spazio. Il periodo di rotazione di Pons-Brooks è di 57 ore, più lungo del previsto, e gli astronomi vogliono sapere se i getti di materiale emessi dalla cometa la stanno accelerando o rallentando.

Una serie di eventi sovrapposti probabilmente hanno contribuito all’aspetto distintivo di Ponce Brookes, ma potrebbe anche essere dovuto alla nostra visione della cometa, ha detto Carretta.

“Queste sono cose tridimensionali”, ha detto Carretta. “Quando scattiamo foto del cielo notturno, le scattiamo in una gamma limitata di colori e sono tutte piatte in due dimensioni. Ciò renderà cose che altrimenti potrebbero avere perfettamente senso per te, se fossi in grado di alzarti e andare in giro e vederli da due prospettive diverse, sembrano molto più complessi di quanto non siano in realtà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto