La Corea del Nord ha informato il Giappone del piano di lancio del satellite, un possibile tentativo di mettere in orbita un secondo satellite spia

SEOUL, Corea del Sud (AP) – La Corea del Nord ha in programma di lanciare un satellite entro l’inizio della prossima settimana, ha detto lunedì il Giappone, in un evidente tentativo di mettere in orbita il secondo satellite spia militare della Corea del Nord in un’altra violazione dell’embargo delle Nazioni Unite.

L’avviso di lancio è arrivato lunedì mentre i leader di Corea del Sud, Giappone e Cina si incontravano a Seul per il loro primo incontro trilaterale.

La guardia costiera giapponese ha dichiarato che la Corea del Nord l’ha informata dei suoi piani per lanciare un “missile satellitare” con avvisi di sicurezza nelle acque tra la penisola coreana, la Cina e l’isola filippina orientale di Luzon, a partire da lunedì fino a mezzanotte del 3 giugno.

La Corea del Nord fornisce al Giappone informazioni sul lancio perché la guardia costiera giapponese coordina e distribuisce informazioni sulla sicurezza marittima nell’Asia orientale.

L’ufficio del primo ministro giapponese Fumio Kishida ha dichiarato di aver incaricato i funzionari di cooperare con gli Stati Uniti, la Corea del Sud e altri paesi per chiedere con forza che la Corea del Nord non proceda con il lancio del missile e adotti le massime misure in caso di emergenza.

Il piano di lancio probabilmente indica che la Corea del Nord sta cercando di lanciare nello spazio il suo secondo satellite spia militare. L’esercito sudcoreano ha annunciato venerdì di aver rilevato indicazioni che la Corea del Nord fosse impegnata in attività ritenute preparative per il lancio di un satellite spia dalla principale struttura di lancio di Tongchangri, nel nord-ovest.

READ  Erdogan subisce una rara sconfitta alle elezioni locali turche

Le Nazioni Unite impediscono alla Corea del Nord di lanciare satelliti e lo considerano una copertura per testare la tecnologia missilistica a lungo raggio. La Corea del Nord ha affermato con fermezza di avere il diritto di lanciare satelliti e testare missili. Dice che i satelliti spia permetteranno di monitorare meglio i movimenti degli Stati Uniti e della Corea del Sud e di migliorare la capacità di attacco di precisione dei suoi missili con capacità nucleare.

Nelle conversazioni telefoniche, alti diplomatici di Giappone, Corea del Sud e Stati Uniti hanno concordato di esortare la Corea del Nord ad annullare il lancio, sottolineando che qualsiasi lancio nordcoreano che utilizzi la tecnologia balistica violerebbe diverse risoluzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. Il Ministero dell’Unificazione della Corea del Sud ha descritto separatamente il lancio del satellite della Corea del Nord come una “provocazione che minaccia seriamente la nostra sicurezza e la sicurezza regionale”.

Lo scorso novembre la Corea del Nord ha inviato il suo messaggio Il primo satellite da ricognizione militare in orbita come parte del suo sforzo di costruire una rete di sorveglianza spaziale per affrontare quelle che chiama crescenti minacce militari guidate dagli Stati Uniti. Il leader nordcoreano Kim Jong Un ha poi dichiarato in una riunione del partito al governo di fine anno che il paese avrebbe iniziato Tre ulteriori satelliti spia militari Nel 2024.

Vi sono dubbi diffusi su quante immagini di significato militare possa produrre il satellite nordcoreano. Ma alcuni esperti civili affermano che l’utilizzo di diversi di questi satelliti potrebbe aiutare la Corea del Nord a monitorare in ogni momento i grandi obiettivi dei suoi rivali.

READ  LabHost: la polizia blocca un servizio di phishing globale da 249 dollari al mese utilizzato da 2.000 hacker

Secondo l’ultima notifica di lancio della Corea del Nord al Giappone, le zone pericolose in cui potrebbero cadere detriti missilistici sono gli stessi luoghi identificati dal Paese prima del lancio del missile a novembre.

Ciò indica che la Corea del Nord utilizzerà lo stesso primo e secondo stadio del missile utilizzati nel lancio precedente, ha affermato Chang Young-kyun, esperto missilistico presso il Korea Research Institute for National Strategy con sede a Seoul.

Chang ha affermato che il lancio di altri tre satelliti spia quest’anno consentirà alla Corea del Nord di fotografare ripetutamente siti in Corea del Sud, Giappone e nel territorio americano di Guam nel Pacifico.

Dal 2022, la Corea del Nord si è impegnata in una serie provocatoria di test missilistici per modernizzare ed espandere i propri arsenali di armi, spingendo in risposta Stati Uniti, Corea del Sud e Giappone a rafforzare la loro partnership in materia di sicurezza. Gli esperti sostengono che la Corea del Nord probabilmente ritiene che l’ampliamento dell’arsenale di armi aumenterà la sua influenza nella futura diplomazia con gli Stati Uniti

La Corea del Nord non figurava tra i temi all’ordine del giorno ufficiali dell’incontro trilaterale tenutosi lunedì tra Kishida, il presidente sudcoreano Yoon Suk-yeol e il premier cinese Li Qiang.

Ma domenica, durante un incontro bilaterale con Lee, Yoon ha chiesto alla Cina, in quanto membro permanente del Consiglio di sicurezza dell’ONU, di contribuire a promuovere la pace nella penisola coreana, parlando del programma nucleare della Corea del Nord e dei suoi profondi legami militari con la Russia, KCNA. Lo riferisce il New China News (Xinhua). All’ufficio di Yoon.

READ  Le azioni statunitensi e globali sono diminuite e i prezzi del petrolio sono aumentati quando Putin ha ordinato alle truppe di entrare in Ucraina

Corea del Sud, Giappone e Stati Uniti sollecitano da tempo la Cina – principale alleato e canale economico della Corea del Nord – a usare la sua influenza per persuadere il Nord ad abbandonare le sue ambizioni nucleari. Ma la Cina è sospettata di evitare la piena attuazione delle sanzioni delle Nazioni Unite contro la Corea del Nord e di inviare spedizioni segrete di aiuti per aiutare il suo vicino impoverito a rimanere a galla.

Domenica il vice ministro della Difesa nordcoreano Kim Kang Il ha minacciato di adottare non meglio specificate “misure offensive” in risposta a quelle che ha descritto come violazioni da parte delle navi della marina e della guardia costiera sudcoreane del confine marittimo occidentale conteso tra i due rivali, che è stato teatro di numerosi scontri sanguinosi. E le scaramucce navali degli ultimi anni.

Ha anche promesso ritorsioni contro gli attivisti sudcoreani che diffondono volantini di propaganda anti-Pyongyang oltre confine.

___

Yamaguchi ha riferito da Tokyo. Lo scrittore dell’Associated Press Kim Tong-hyung ha contribuito a questo rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto