Agosto 12, 2022

Napoli Calcio Mania

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più sul Napoli Calcio Mania

La corsa alla salvezza della famiglia ucraina finisce con la morte

La corsa alla salvezza della famiglia ucraina finisce con la morte

IRPIN, Ucraina – Il ponte era solo un guscio del suo vecchio sé, fatto esplodere giorni fa dai soldati ucraini intenti a rallentare l’avanzata russa nella capitale, Kiev, ma nonostante sia stato maltrattato, ha fornito un’ancora di salvezza ai civili disperati per sfuggire a una rissa .

Domenica, mentre i rifugiati ucraini vagavano vicino all’ingresso dell’edificio, calcolando le probabilità di arrivare sani e salvi sul fiume Irbin, una famiglia piena di zaini e una valigia blu ha deciso di imbattersi in esso.

I mortai russi sono caduti al loro arrivo a Kiev.

Una nuvola di polvere di cemento si levò nell’aria mattutina. Quando si è sistemato, gli ucraini potevano essere visti scappare pazzamente dalla scena. Ma non la famiglia. Una madre e i suoi due figli giacevano per strada con un amico di famiglia.

Il presidente russo Vladimir Putin ha ripetutamente negato che le sue forze stiano prendendo di mira i civili in fuga dalle zone di combattimento. Lo ha fatto di nuovo domenica, un giorno dopo che un binario ferroviario utilizzato per evacuare gli ucraini è stato preso di mira.

Ma solo una manciata di truppe ucraine era vicino al ponte quando i colpi di mortaio iniziarono a cadere. I soldati non hanno partecipato ai combattimenti, ma hanno aiutato i profughi a portare i loro bambini e le loro cose verso la capitale.

Da sabato, centinaia di ucraini in fuga dai combattimenti in tre città sul confine occidentale di Kiev si sono radunati attorno al ponte per dirigersi verso la capitale, anch’essa allo svincolo di Mosca.

I civili che attraversano il ponte per Kiev formano piccoli gruppi e insieme si esercitano per circa 100 iarde mentre potrebbero finire sotto il fuoco russo. I soldati ucraini corrono al fianco dei civili per aiutarli e poi tornano a nascondersi dietro un muro di mattoni.

Ma domenica mattina presto, il governatore del distretto ha annunciato che le strade per Irpen erano così pericolose da poter essere effettivamente chiuse. “Purtroppo, a meno che non ci sia un cessate il fuoco”, ha detto, nessuno potrà uscirne.

Ma la gente ha continuato a provarci, precipitandosi sulle macerie del ponte danneggiato e attraversando la strada esposta.

Quando i mortai sono atterrati, le forze ucraine si sono impegnate in scontri nelle vicinanze, ma non dove i civili si stavano muovendo lungo la strada sul lato di Kiev del ponte. I mortai provenienti da una posizione ucraina potevano essere uditi a circa 200 iarde di distanza, abbastanza lontano dal ponte per indicare che i russi stavano deliberatamente prendendo di mira la via di evacuazione o ignorando il rischio di vittime civili.

READ  Biden sta valutando la possibilità di allentare le sanzioni al Venezuela per isolare la Russia e aumentare la produzione di petrolio

I mortai in arrivo sono caduti per i primi 100 iarde circa del ponte, poi si sono trasformati in una serie di fragorose esplosioni nella parte della strada da cui le persone stavano fuggendo.

Mentre i mortai si avvicinavano al flusso di civili, la gente correva, afferrava i bambini e cercava di trovare un posto sicuro. Ma non c’era niente dietro cui nascondersi.

Quando la famiglia – una madre, il figlio adolescente e la figlia apparentemente di otto anni – sono stati visti sdraiati a terra, i soldati si sono precipitati ad aiutarli, ma hanno potuto fare poco per loro o un uomo descritto come un amico di famiglia che stava aiutando i fuga.

Il bagaglio del gruppo era sparpagliato intorno a loro. C’era anche un piccolo trasportino verde nelle vicinanze. Si sente l’abbaiare del cane.