La materia oscura non esiste e l'universo ha 27 miliardi di anni • Earth.com

Il tessuto dell’universo, come lo intendiamo attualmente, è costituito da tre componenti fondamentali: “materia ordinaria”, “energia oscura” e “materia oscura”. Tuttavia, una nuova ricerca capovolge questo modello consolidato.

Un recente studio condotto da Università di Ottawa Fornisce prove convincenti che sfidano il modello tradizionale dell’universo, suggerendo che potrebbe non esserci spazio per la materia oscura al suo interno.

Il cuore del nuovo modello CCC+TL

La materia oscura, un termine usato in cosmologia, si riferisce alla materia sfuggente che non interagisce con la luce o i campi elettromagnetici e può essere identificata solo attraverso effetti gravitazionali.

Nonostante la sua natura misteriosa, la materia oscura è stata un elemento chiave per spiegare il comportamento di galassie, stelle e pianeti.

Al centro di questa ricerca c’è… Rajendra Gupta, Illustre professore di fisica presso il College of Science. L'approccio innovativo di Gupta prevede l'integrazione di due modelli teorici: costanti di accoppiamento variabili (CCC) e “luce stanca” (Lire turche), noti insieme come modello CCC+TL.

Questo modello esplora l’idea che le forze della natura diminuiscono nel tempo cosmico e che la luce perde la sua energia su grandi distanze.

Questa teoria è stata accuratamente testata ed è coerente con varie osservazioni astronomiche, inclusa la distribuzione delle galassie e l'evoluzione della luce dall'universo primordiale.

Conseguenze di un universo senza materia oscura

Questa scoperta sfida la tradizionale comprensione secondo cui la materia oscura costituisce circa il 27% dell’universo, la materia ordinaria costituisce meno del 5% e il resto è energia oscura, ridefinendo anche la nostra visione dell’età e dell’espansione dell’universo.

“I risultati dello studio confermano il nostro lavoro precedente, che suggeriva che l'universo ha 26,7 miliardi di anni, il che nega la necessità della materia oscura”, spiega Gupta.

Ha continuato: “Contrariamente alle teorie cosmologiche standard che attribuiscono l’espansione accelerata dell’universo all’energia oscura, le nostre scoperte indicano che questa espansione è dovuta alle forze deboli della natura, non all’energia oscura”.

La scienza dietro la scoperta di Gupta

Parte integrante della ricerca di Gupta include l'analisi “Redshift“, un fenomeno in cui la luce si sposta verso la parte rossa dello spettro.

Esaminando i dati sulla distribuzione delle galassie a bassi spostamenti verso il rosso e la dimensione angolare dell’orizzonte acustico ad alti spostamenti verso il rosso, Gupta presenta un argomento convincente contro l’esistenza della materia oscura, pur rimanendo coerente con le principali osservazioni cosmologiche.

“Ci sono molti articoli che mettono in dubbio l'esistenza della materia oscura, ma il mio articolo è il primo, per quanto ne so, che ne esclude l'esistenza cosmologica pur essendo coerente con le principali osservazioni cosmologiche che abbiamo avuto il tempo di confermare”, conclude con sicurezza Gupta. .

READ  Gli scienziati decifrano le misteriose regole del DNA nascoste nelle specie

Implicazioni e direzioni future

In breve, la ricerca innovativa di Rajendra Gupta sfida fondamentalmente il modello cosmologico prevalente proponendo un universo senza bisogno di materia oscura.

Incorporando costanti di accoppiamento variabili e stanche teorie della luce, Gupta non solo sfida la comprensione convenzionale della struttura cosmica, ma offre anche una nuova prospettiva sull’espansione e sull’età dell’universo.

Questo studio fondamentale invita la comunità scientifica a riconsiderare le convinzioni di vecchia data sulla materia oscura e offre nuovi entusiasmanti modi per comprendere le forze e le proprietà fondamentali dell’universo.

Attraverso un'analisi diligente e un approccio audace, il lavoro di Gupta rappresenta un importante passo avanti nella nostra ricerca per svelare i misteri dell'universo.

Maggiori informazioni sulla materia oscura

Come discusso in precedenza, la materia oscura rimane uno degli aspetti più misteriosi del nostro universo. Nonostante sia invisibile e non emetta, assorba o rifletta la luce, la materia oscura gioca un ruolo cruciale nell’universo.

Molti scienziati, certamente non Rajendra Gupta, ne deducono l’esistenza dagli effetti gravitazionali che esercita sulla materia visibile, sulle radiazioni e sulla struttura su larga scala dell’universo.

Le basi della teoria della materia oscura

La teoria della materia oscura è nata dalle discrepanze tra la massa osservata di grandi oggetti astronomici e la loro massa calcolata in base ai loro effetti gravitazionali.

Negli anni '30, l'astronomo Fritz Zwicky fu tra i primi a suggerire che la materia invisibile potesse spiegare la massa “mancante” nell'universo. Gruppo in coma Dalle galassie.

Da allora, le prove hanno continuato ad accumularsi, comprese le curve di rotazione delle galassie che indicano la presenza di molta più massa di quella che può essere spiegata solo dalla materia visibile.

ruolo nell'universo

Si ritiene che la materia oscura costituisca circa il 27% della massa e dell'energia totale dell'universo. A differenza della materia ordinaria, la materia oscura non interagisce con la forza elettromagnetica, il che significa che non assorbe, riflette o emette luce, rendendola estremamente difficile da rilevare direttamente.

La sua esistenza è dedotta dagli effetti della gravità sulla materia visibile, dalla deflessione della luce (lente gravitazionale) e dal suo effetto sulla radiazione cosmica di fondo a microonde.

Gli scienziati hanno sviluppato diversi modi innovativi per rilevare indirettamente la materia oscura. Esperimenti come quelli eseguiti con rilevatori di particelle sotterranei e telescopi spaziali mirano a osservare i sottoprodotti delle interazioni o dell'annientamento della materia oscura.

READ  Un uomo del Texas sarà testimone della 13a eclissi solare all'età di 105 anni

Large Hadron Collider (LHC) al CERN sta anche cercando segni di particelle di materia oscura nelle collisioni di particelle ad alta energia. Nonostante questi sforzi, la materia oscura non è stata ancora rilevata direttamente, il che la rende una delle sfide più importanti della fisica moderna.

Il futuro della ricerca sulla materia oscura

La ricerca per comprendere la materia oscura continua a guidare i progressi nell’astrofisica e nella fisica delle particelle. Osservazioni ed esperimenti futuri potrebbero rivelare la natura della materia oscura, facendo luce su questo mistero cosmico.

Con l’avanzare della tecnologia, la speranza è quella di rilevare direttamente le particelle di materia oscura o trovare nuove prove che possano confermare o sfidare le nostre attuali teorie sulla formazione dell’universo.

Fondamentalmente, la teoria della materia oscura sottolinea la nostra ricerca per comprendere le vaste e invisibili componenti dell’universo. La loro soluzione ha il potenziale per rivoluzionare la nostra comprensione dell’universo, dalle particelle più piccole alle strutture più grandi dell’universo.

Maggiori informazioni sul modello CCC+TL

Come accennato in precedenza come elemento chiave della ricerca di Gupta, due concetti interessanti, le costanti di accoppiamento variabili (CCC) e il modello della “luce stanca” (TL), hanno catturato l'immaginazione di scienziati e astronomi. Recentemente, queste due teorie sono state combinate in un nuovo quadro noto come modello CCC+TL.

Fondamenti di CCC+TL

Costanti di accoppiamento variabili (CCC)

La teoria degli invarianti di accoppiamento variabile presuppone che le costanti fondamentali della natura, che determinano l’intensità delle forze tra le particelle, non sono costanti ma variano nell’universo.

Questa differenza potrebbe avere effetti profondi sulle leggi della fisica come le conosciamo, influenzando tutto, dalle strutture atomiche al comportamento delle galassie.

Modello “Tired Light” (TL).

D’altra parte, il modello della “luce stanca” fornisce una spiegazione radicale per lo spostamento verso il rosso osservato nella luce proveniente da galassie distanti.

Invece di attribuire questo spostamento verso il rosso all’espansione dell’universo, come fa la teoria del Big Bang, il modello TL propone che la luce perda energia – e sia quindi sbilanciata verso l’estremità rossa dello spettro – mentre viaggia attraverso lo spazio.

Questa perdita di energia può essere dovuta a interazioni con particelle o campi, che causano “affaticamento” della luce su grandi distanze.

Unisci CCC e TL

Il modello CCC+TL rappresenta un tentativo ambizioso di integrare queste due teorie in un quadro coerente. In tal modo, mira a fornire nuove informazioni sul comportamento dell’universo su larga scala e su scale temporali enormi.

READ  Previsioni meteo dell'eclissi solare per l'area del New Jersey

Implicazioni per la cosmologia

La combinazione di CCC e TL in un unico modello ha implicazioni di vasta portata per la cosmologia. Sfida la comprensione tradizionale dell’espansione cosmica e della costanza delle leggi fisiche nell’universo.

Se il modello CCC+TL fosse corretto, potrebbe portare a un cambiamento di paradigma nel modo in cui spieghiamo i fenomeni cosmici, dalla radiazione cosmica di fondo a microonde alla formazione ed evoluzione delle galassie.

Potenziali sfide e critiche

Come ogni teoria innovativa, il modello CCC+TL deve affrontare lo scetticismo e le sfide della comunità scientifica. I critici sostengono che esistono prove evidenti a sostegno della costanza delle costanti fisiche e dell'espansione dell'universo secondo il modello del Big Bang.

Inoltre, il modello CCC+TL deve fare i conti con la mancanza di prove osservative dirette di costanti o meccanismi di accoppiamento alterati alla base della “luce stanca”.

Prospettive future e ricerca su CCC+TL

Nonostante queste sfide, il modello CCC+TL apre nuove strade per la ricerca e l’esplorazione. Gli scienziati stanno studiando i fondamenti teorici del modello, oltre a progettare esperimenti e osservazioni per testarne le previsioni.

Cerca prove

Uno degli obiettivi principali è identificare prove sperimentali che possano supportare o confutare le costanti variabili e i meccanismi di perdita di energia proposti dal modello.

Ciò include misurazioni precise del fondo cosmico a microonde, studi di supernovae distanti e ricerche di differenze nelle costanti fondamentali in diverse regioni dell’universo.

Il ruolo della tecnologia avanzata in CCC+TL

I progressi tecnologici, soprattutto nei telescopi e nei rivelatori, svolgono un ruolo cruciale nel testare il modello CCC+TL.

Questi strumenti consentono agli astronomi di osservare l’universo con dettagli e sensibilità senza precedenti, rivelando potenzialmente fenomeni che possono supportare o sfidare il modello.

In breve, il modello CCC+TL rappresenta un audace crocevia tra due teorie non convenzionali, fornendo una nuova prospettiva sul funzionamento dell’universo.

Sebbene debba affrontare sfide significative, la sua esplorazione testimonia la natura dinamica e in continua evoluzione della ricerca cosmologica.

Man mano che i nostri strumenti e la nostra comprensione migliorano, migliorerà anche la nostra comprensione dei segreti più profondi dell’universo, forse con il modello CCC+TL che mostra la strada.

Lo studio completo è stato pubblicato in Giornale astrofisico.

—–

Ti piace quello che ho letto? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere articoli accattivanti, contenuti esclusivi e gli ultimi aggiornamenti.

Visitaci su EarthSnap, un'app gratuita offerta da Eric Ralls e Earth.com.

—–

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto