La modifica di Google Chrome che indebolisce i blocchi pubblicitari inizia il 3 giugno

Google continua il suo piano per eliminare gradualmente le estensioni Manifest V2 in Chrome a partire dall’inizio di giugno 2024, indebolendo le capacità degli ad blocker.

Google afferma che questa decisione è stata presa sulla base dei progressi e del feedback della community, che è stato ritenuto soddisfacente procedere senza ulteriori ritardi.


A partire dal 3 giugno 2024, con la versione 127 di Chrome, saranno disponibili gli utenti con estensioni Manifest V2 attive Vedremo degli avvertimenti sui canali Chrome Beta, Dev e Canary, mentre le estensioni che utilizzano ancora Manifest V2 perderanno il badge In primo piano.

Le estensioni V2 verranno gradualmente eliminate nella versione stabile di Chrome, con raccomandazioni per le alternative V3. Gli utenti possono riattivare temporaneamente le estensioni Manifest V2, ma questa opzione verrà successivamente rimossa.

Le organizzazioni che utilizzano la policy “ExtensionManifestV2Availability” saranno esentate fino a giugno 2025, quindi avranno un anno in più per passare ai componenti aggiuntivi conformi a Manifest V3.

Cos’è Manifest V3?

Manifest V3 è l’ultima versione della piattaforma di estensioni di Google Chrome, progettata per migliorare la sicurezza, la privacy, le prestazioni e l’affidabilità complessiva delle estensioni di Chrome.

In breve, Google mira a ottenere quanto segue con Manifest V3:

  • Limita l’accesso all’estensione per le richieste di rete degli utenti.
  • Costringere gli sviluppatori a includere tutte le funzionalità all’interno dell’estensione, ponendo fine alla pratica di ospitare il codice in remoto.
  • Trasferire le modifiche delle richieste di rete dalle estensioni al browser (operatori di servizio).
  • Sostituisci le pagine in background con server dedicati per migliorare le prestazioni del browser.

Sebbene ciò sembri positivo per gli utenti finali, il nuovo framework presenta sfide tecniche significative per gli sviluppatori di estensioni, in particolare per coloro che necessitano di un maggiore controllo sulle funzioni del browser come gli ad blocker, che ora devono implementare meccanismi complessi per rimanere efficaci.

READ  Trova il mio dispositivo può localizzare il tuo Pixel 8 per alcune ore dopo lo spegnimento

uBlock Origin, che è uno dei blocchi pubblicitari più popolari disponibili, ha dovuto creare un nuovo progetto chiamato Yubo Lite (uBOL)che è un’estensione del browser Manifest V3 non consentita.

Sebbene questa estensione probabilmente funzionerà bene per molti utenti, gli sviluppatori affermano che per usi più avanzati potrebbe essere necessario configurare impostazioni aggiuntive o concedere autorizzazioni aggiuntive a siti specifici.

Un grosso svantaggio è che i set di regole non verranno aggiornati frequentemente dall’estensione tramite aggiornamenti automatici. Invece, i set di regole vengono aggiornati solo quando vengono rilasciate nuove versioni dell’estensione.

Lo sviluppatore di uBlock ha Sono state create le domande frequenti Spiegare le differenze tra l’estensione attuale e la nuova versione Manifest V3.

Tasso di adozione dell’85%.

Google afferma di aver ascoltato il feedback degli sviluppatori di estensioni durante questo periodo e di aver apportato miglioramenti mirati come il supporto per script utente e documenti fuori schermo e l’espansione del numero di set di regole consentiti per “declarativeNetRequest”.

Le principali modifiche implementate di recente includono il salto della revisione per gli aggiornamenti sicuri delle regole e il rollback delle versioni, fornendo agli sviluppatori un migliore controllo degli aggiornamenti.

Google afferma che, come risultato delle sue azioni per facilitare l’adozione accelerata, oltre l’85% delle sue estensioni Chrome gestite attivamente, inclusi i popolari blocchi di annunci come AdBlock, Adblock Plus, uBlock Origin e AdGuard, sono stati migrati o hanno rilasciato versioni che supportano Manifest V3.

Per gli sviluppatori le cui estensioni sono ancora in Manifest V2, Google “consiglia vivamente” di completare subito la migrazione.

Una guida su come farlo Può essere trovato qui.

READ  Game Pass aggiungerà questi sette giochi molto presto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto