La Palestina è uno Stato? Ha spiegato lo Stato palestinese


Questi nuovi riconoscimenti, a cui gli Stati Uniti e i principali paesi europei non hanno aderito, avvicineranno ad uno stato palestinese a tutti gli effetti e miglioreranno la vita dei palestinesi?

Lui gioca

Ha conoscenza. Inno nazionale. Diplomatici. Anche il suo prefisso internazionale. Infatti, tre quarti dei 195 paesi del mondo – 143 stati membri delle Nazioni Unite Oltre al Vaticano e al Sahara occidentale, dicono che sia un paese.

La decisione di Irlanda, Norvegia e Spagna di riconoscerlo Stato palestinese indipendenteLa decisione, entrata ufficialmente in vigore martedì, arriva a quasi otto mesi dall’inizio della guerra di Israele contro Hamas nella Striscia di Gaza, e dopo decenni di uno dei conflitti più noti e difficili al mondo tra israeliani e palestinesi.

Martedì il primo ministro spagnolo Pedro Sanchez ha affermato che “il riconoscimento dello Stato di Palestina non è solo una questione di giustizia storica”, ma anche “un requisito fondamentale se tutti vogliamo raggiungere la pace”.

Ma cosa significa questa classificazione ufficiale del Paese? Questi riconoscimenti, a cui gli Stati Uniti e i principali paesi europei non hanno aderito, avvicineranno ad uno stato palestinese a tutti gli effetti e miglioreranno la vita dei palestinesi?

Dopo il bombardamento di Rafah: Netanyahu si impegna a continuare a combattere finché non alzeremo la bandiera della vittoria

Rowan Nicholson, ricercatore di diritto internazionale presso la Flinders University in Australia, ha affermato che per qualificarsi come stato di solito sono necessari quattro criteri: popolazione permanente, territorio specifico, governo e indipendenza.

Ha detto che i requisiti per la statualità sono piuttosto rigidi e oggetto di dibattito.

“Gli standard si sono evoluti nel corso dei secoli Pratica Dai paesi. Non esiste un’unica versione scritta definitiva di esso; “È vago e aperto all’interpretazione”, ha detto Nicholson, che ha lavorato su casi giudiziari. Corte di giustizia internazionaleLa settimana scorsa il tribunale dell’Aja con sede nei Paesi Bassi ha ordinato a Israele di sospendere la sua operazione militare a Rafah, Gaza, come parte di un caso per accuse di crimini di guerra portato avanti dal Sud Africa.

“Ma un tentativo di scriverlo a cui spesso le persone fanno riferimento è Convenzione di Montevideo del 1933. Ci sono delle eccezioni. “Ad esempio, non si può creare un nuovo Stato invadendo illegalmente uno Stato esistente e separandone una parte, come la Russia ha tentato di fare qualche anno fa con l’Ucraina”.

READ  Una sala banchetti con affreschi conservati tra gli scavi di Pompei | Italia

Tuttavia, nel contesto palestinese, una ragione per dubitare dell’ammissibilità della Palestina come Stato come definito dalla Convenzione di Montevideo e formulazioni simili, sostiene Nicholson, è che non gode di un’effettiva indipendenza da Israele.

L’esercito israeliano occupa i territori palestinesi. Israele supervisiona alcuni aspetti della vita civile nella Cisgiordania gestita da Fatah, e anche prima dell’attuale guerra controllava ampiamente l’accesso alla Gaza gestita da Hamas.

Lo Stato palestinese passo dopo passo

Larry Garber, ex TU HAI DETTO Il direttore della missione in Cisgiordania e nella Striscia di Gaza ha affermato che gli Stati Uniti sono da tempo convinti che qualsiasi riconoscimento ufficiale di uno Stato palestinese dovrebbe avvenire solo attraverso negoziati diretti tra le parti interessate: tra israeliani e palestinesi.

“Per molti anni, abbiamo tutti lavorato secondo la teoria secondo cui questo dovrebbe essere fatto in fasi”, ha detto Garber. “In primo luogo, la Palestina dovrebbe costruire le varie caratteristiche di uno Stato, come un buon governo e un’economia indipendente ed effettivamente funzionante, e poi la statualità sarà l’obiettivo finale”.

Germania e Francia hanno fatto eco a questa posizione e continuano a farlo.

Il ministro degli Esteri francese Stephane Ségourne ha dichiarato in una dichiarazione la scorsa settimana: “La nostra posizione è chiara: il riconoscimento di uno Stato palestinese non è un tabù per la Francia”. Ma Segorn ha aggiunto: “Questa decisione deve essere utile, cioè deve permettere un passo avanti decisivo sul piano politico. La Francia non ritiene che ci siano ancora le condizioni perché questa decisione abbia un impatto reale”. In questo processo.”

Maya Cross, professoressa di scienze politiche alla Northeastern University di Boston, ha affermato che gli ultimi riconoscimenti europei affermano essenzialmente che riconoscono le “aspirazioni” di un futuro stato palestinese.

“Si potrebbe dire tecnicamente, da un punto di vista legale, che questo è puro simbolismo. Ma penso che sia più di questo perché non c’è solo simbolismo contro legalità. C’è politica: le relazioni internazionali sono piene di politica.”

Cross ha affermato che un impatto “tangibile” delle confessioni è il messaggio che inviano al primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu. Netanyahu ha ripetutamente respinto le richieste di sovranità palestinese. Così ha trascorso anni, I media israeliani hanno affermato: Sostenere Hamas a Gaza come contrappeso ai tentativi dell’Autorità Palestinese della Cisgiordania di avanzare verso una soluzione a due Stati.

READ  Un Boeing 737 ha preso fuoco ed è uscito di pista in Senegal, ferendo 10 persone.

Studiosi di diritto come Mark Wheeler, che presiede diritto internazionale e studi costituzionali presso l’Università di Cambridge, concordano con questo punto di vista. Ha detto: “I paesi riconoscenti dicono: ora cambieremo lo status (della Palestina) da entità”. Dovrebbe Essere uno stato all’interno della nostra entità Reclamo È un paese. Ciò rende più difficile per Israele negare il diritto della Palestina a diventare uno Stato. Ha aggiunto che le confessioni sono state formulate deliberatamente per contraddire le affermazioni di Netanyahu secondo cui non potrebbe esserci una soluzione a due Stati.

“Si tratta di un potente strumento politico per aiutare a isolare la negazione di Israele di uno Stato palestinese”, ha detto Wheeler.

Riconoscimento dello Stato palestinese e dei suoi simboli

Tuttavia, le confessioni hanno alcune conseguenze tangibili, ha detto Garber.

“Stanno migliorando le relazioni diplomatiche tra la Palestina e lo Stato riconosciuto, consentendo potenzialmente lo scambio di ambasciatori. Ciò consente loro di firmare trattati più formali”, ha detto.

“Indipendentemente dal fatto che un’entità soddisfi veramente i criteri o meno, lo Stato riconoscente è obbligato a trattarla come uno Stato per scopi pratici”, ha affermato Nicholson, studioso di diritto in Australia.

Ciò significa che farà cose come accettare passaporti, garantire l’immunità sovrana ai funzionari e in generale agire come se l’entità riconosciuta avesse il diritto di governare il proprio territorio, ha affermato.

Simon Harris, Primo Ministro irlandese, ha detto in chiaro riferimento a questo, quando ha annunciato il riconoscimento della Palestina da parte del suo paese: “Il riconoscimento della Palestina non è la fine del processo, ma piuttosto l’inizio”.

Slovenia e Malta hanno indicato che potrebbero anche riconoscere uno Stato palestinese, e i funzionari palestinesi hanno espresso ottimismo sul fatto che potrebbe essere riconosciuto presto, anche se il ministro degli Esteri israeliano Yisrael Katz ha descritto questo sviluppo come un messaggio ai palestinesi e al mondo che “il terrorismo ripaga .”

“Non sono sicuro che questo ci aiuti molto.”

All’inizio di maggio, l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha adottato una risoluzione in cui dichiarava che i palestinesi potevano diventare membri a pieno titolo delle Nazioni Unite. L’Assemblea Generale può garantire la piena adesione solo con l’approvazione del Consiglio di Sicurezza, alla quale gli Stati Uniti probabilmente porranno il veto. Parte di questo sostegno americano a Israele può essere spiegato in termini storici.

Gli Stati Uniti sono stati uno dei primi paesi a riconoscere Israele come stato indipendente nel 1948. Sono uno dei principali fornitori di armi a Israele. I diplomatici americani si sono abituati a presentare Israele come l’unico partner democratico e di sicurezza in Medio Oriente che condivide valori e interessi con gli Stati Uniti.

READ  Il futuro di Cyril Ramaphosa è in dubbio dopo le deludenti elezioni in Sud Africa

Tuttavia, Amed Khan, che ha lavorato alla campagna presidenziale di Bill Clinton nel 1992, è stato descritto come un uomo d’affari “Filantropo dell’azione diretta” Lui, che viaggia in prima linea nelle crisi umanitarie e usa la sua ricchezza personale per acquistare e distribuire aiuti, ha detto che esiste una spiegazione più semplice per cui gli Stati Uniti non riconoscono uno Stato palestinese.

“Di quali dati ha bisogno qualcuno per dire che gli Stati Uniti stanno essenzialmente attuando la politica israeliana”, ha detto.

Ha aggiunto: “Non è un’esagerazione affermare che gli Stati Uniti stanno facendo tutto ciò che è in loro potere per impedire il riconoscimento della Palestina perché questo limita la capacità della Palestina di esercitare le funzioni dello Stato a livello locale, regionale e internazionale”.

Un esempio, secondo Khan: “Gli Stati Uniti non riescono nemmeno a convincere Israele ad aprire la sua frontiera terrestre, così finisce per spendere centinaia di milioni di dollari su un pontile galleggiante che non offre quasi nulla”, riferendosi a un pontile costruito dagli americani. Pentagono. Il molo ha dovuto affrontare vari problemi nello svolgimento della sua missione.

Omar Shaaban, fondatore del Centro Pal-Think per gli studi strategici con sede a Gaza, ha espresso la questione in modo più diplomatico.

“Naturalmente apprezziamo questo riconoscimento”, ha detto il palestinese al telefono da Bruxelles, dove stava incontrando i funzionari europei. Shaaban è fuggito da Gaza tre mesi fa e attualmente vive al Cairo. “Ma non sono sicuro che questo ci aiuti molto. La situazione per i palestinesi non sta migliorando affatto, con la guerra a Gaza, il governo in Israele, la divisione palestinese e la paura che abbiamo”.

Lunedì un attacco aereo israeliano ha provocato un enorme incendio che ha ucciso 45 persone in una tendopoli nella città di Rafah, a Gaza. In seguito, mentre le famiglie palestinesi si precipitavano negli ospedali per preparare i loro morti per la sepoltura, i leader mondiali hanno sollecitato l’attuazione dell’ordine della Corte Internazionale di Giustizia di fermare l’attacco.

Shaaban ha detto che i palestinesi preferirebbero aiutare gli europei a fermare la guerra israeliana a Gaza piuttosto che riconoscere lo Stato.

“Chiediamo aiuto per fermare le uccisioni”, ha detto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto