Agosto 12, 2022

Napoli Calcio Mania

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più sul Napoli Calcio Mania

L’offensiva militare russa in Ucraina: avanzamento sul campo di battaglia, tattiche d’assedio e convoglio in stallo

L'offensiva militare russa in Ucraina: avanzamento sul campo di battaglia, tattiche d'assedio e convoglio in stallo

I media statali russi, citando funzionari della difesa, hanno affermato che le forze russe avevano il controllo di Kherson, un porto vitale nell’Ucraina meridionale dove il fiume Dnepr incontra il Mar Nero. Il sindaco di Kherson ha confermato la presenza di carri armati e truppe russe in città, ma ha detto che erano ancora nelle mani degli ucraini mentre lanciava un appello pubblico per creare un corridoio umanitario per evacuare feriti e morti. Il ministero della Difesa ucraino ha dichiarato mercoledì tramite WhatsApp che le battaglie ora continuano e che “la città non è stata completamente conquistata”.

L’attacco russo a Kherson fa parte di uno sforzo per aprire la strada a un’avanzata verso Odessa, un importante premio sulla costa ucraina del Mar Nero. Ma “le operazioni russe nel sud non sembrano rappresentare un pericolo imminente per Odessa nelle prossime 24 ore”, secondo il quotidiano. valutazione Pubblicato dall’Istituto per lo Studio della Guerra Martedì.

Sette giorni dopo che la Russia ha invaso l’Ucraina, l’offensiva di Mosca, afflitta da sfide logistiche e da una feroce risposta ucraina, non è progredita così rapidamente come alcuni si aspettavano, lasciando le principali città, inclusa la capitale, Kiev, nelle mani del governo ucraino. Ma il quadro sul campo di battaglia è stato liscio mercoledì. La Russia ha continuato a rivolgersi a ciò che i gruppi per i diritti umani hanno avvertito sono tattiche d’assedio letali utilizzate da Mosca in altre zone di guerra, inclusa la Siria, e funzionari ucraini hanno affermato di aver iniziato a ricevere spedizioni di armi promesse dagli alleati che potrebbero far deragliare i piani della Russia.

READ  Enorme relitto aereo distrutto durante l'invasione russa dell'Ucraina

Le Nazioni Unite hanno registrato la morte di oltre 130 civili, inclusi 13 bambini, dall’inizio dei combattimenti la scorsa settimana, principalmente a causa di bombardamenti e razzi. L’Ufficio dell’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani ha affermato che il numero effettivo potrebbe essere molto più alto.

Il flusso di armi verso l’Ucraina è aumentato questa settimana quando la Germania ha aperto le sue scorte di armi e l’Australia ha affermato che avrebbe fornito a Kiev circa 70 milioni di dollari in “assistenza militare letale”, inclusi missili e armi non specificate. Mercoledì l’Ucraina ha annunciato di aver ricevuto un carico di droni turchi, che ha utilizzato nei giorni scorsi per danneggiare le avanzate colonne corazzate russe. La Turchia, che sta cercando di mantenere relazioni stabili sia con Russia che con Ucraina, non ha commentato la spedizione.

Funzionari ucraini in tutto il paese hanno segnalato un’intensificazione dei bombardamenti russi, anche contro aree civili. A Mariupol, nel sud dell’Ucraina, il consiglio comunale ha accusato la Russia di bombardare case, ospedali e ostelli per migranti. La città – una posizione strategica che potrebbe consentire alla Russia di creare un ponte terrestre dalla Russia meridionale, attraverso l’Ucraina, alla Crimea, che è controllata da Mosca – è rimasta sotto il controllo ucraino mercoledì, ha affermato il consiglio comunale.

Un video pubblicato il 2 marzo mostra le squadre di soccorso a Kharkiv, in Ucraina, che spengono gli incendi e tirano fuori le persone dalle macerie a seguito di un bombardamento russo. (Washington Post)

La città di Kharkiv ha subito un’altra notte di attacchi aerei, con video sui social, non immediatamente verificabili, che mostravano esplosioni alla questura regionale e nelle zone residenziali. I paracadutisti russi sono atterrati e hanno ingaggiato gli ucraini in uno scontro a fuoco in un centro medico, ha detto un funzionario locale.

READ  L'Italia sequestra la barca a vela del miliardario russo Melnichenko

Il segretario alla Difesa britannico Ben Wallace ha affermato che una lunga colonna di truppe e carri armati russi a nord di Kiev, che si estende per dozzine di miglia, è rimasta congelata e si è fermata “giorni, non ore” in ritardo mentre la Russia si rivolgeva a tattiche d’assedio. Parlando in interviste televisive mercoledì mattina, Wallace ha affermato che il convoglio in avvicinamento ha subito sfide nella catena di approvvigionamento logistica, morale basso e resistenza ucraina.

“Quando un esercito in movimento impiega più tempo per fare le cose, la tua catena di approvvigionamento logistica è tesa. Se dai razioni sufficienti per due giorni e ci vogliono sei giorni, all’improvviso hai un problema. Penso che quello che abbiamo visto siano molti di questi problemi”, ha detto a Sky News. Ha detto che anche gli ucraini stanno “attuando un piano molto intelligente. Abbiamo visto filmati, non possiamo verificarlo, ma abbiamo visto filmati di ucraini che usano droni [unmanned aerial vehicles] Attaccare convogli di treni benzina, inseguire la logistica – abbiamo visto esplodere le code – tutte cose a cui tu e io pensiamo quando si parla di resistenza”.

Altri hanno detto che era troppo presto per dire per quanto tempo sarebbe stata ritardata l’offensiva di terra russa.

L’Istituto per lo studio della valutazione della guerra ha affermato che le forze russe “ricevono i rifornimenti e i rinforzi necessari che potrebbero facilitare operazioni più rapide ed efficaci entro le prossime 24-72 ore”. Ha aggiunto che lo sforzo russo intorno a Kiev “rimane mal organizzato, tuttavia, con elementi di molti diversi battaglioni combinati in quelli che sembrano essere gruppi ad hoc piuttosto che operare sotto il comando di un reggimento permanente o di una brigata”.

READ  La corsa alla salvezza della famiglia ucraina finisce con la morte

“I guasti logistici e operativi russi intorno a Kiev saranno difficili da affrontare rapidamente e probabilmente continueranno a causare attriti e ridurre l’efficacia delle operazioni russe anche se i problemi di approvvigionamento vengono affrontati e i rinforzi vengono portati in battaglia. È ancora troppo presto per valutare il potenziale potenza di combattimento effettiva che porteranno le forze russe aggiunte. ” .